Slide background




Check list MAPO: Movimentazione Assistita Pazienti Ospedalizzati

ID 8458 | | Visite: 4631 | Documenti Riservati SicurezzaPermalink: https://www.certifico.com/id/8458

Check list MAPO

Checklist MAPO |  Movimentazione Assistita Pazienti Ospedalizzati

MAPO è stato sviluppato in Italia da EPM per valutare il rischio di spostare i pazienti manualmente. L'abbreviazione sta per " Movimentazione Assistita Pazienti Ospedalizzati".

Il risultato è un indice MAPO che mappa il livello di rischio di un intero reparto di cura. Questo metodo va oltre l'analisi dei trasferimenti manuali.

Il metodo MAPO

L'uso dell'indice MAPO può essere diviso in due parti. La prima parte comprende un'intervista con il capo infermiere del dipartimento e raccoglie i dati relativi al numero di dipendenti per turno, alla loro formazione e alla suddivisione dei residenti in base alla loro mobilità. La seconda parte è un tour del dipartimento stesso dove vengono controllati gli aiuti disponibili (sedie a rotelle, montacarichi, ecc.) e l'infrastruttura (dimensioni dei bagni, servizi igienici e stanze).

Vengono quindi presi in considerazione tutti i parametri che contribuiscono allo stress fisico dei dipendenti del reparto. Un fattore di rischio è determinato per ciascun parametro. Ciò porta al calcolo dell'indice MAPO.

Formula MAPO

NC: numero di pazienti non cooperativi nel dipartimento
PC: numero di pazienti parzialmente cooperativi nel dipartimento
OP: numero di dipendenti disponibili nel reparto per turno
LF: ausili di sollevamento (dispositivi di sollevamento) - fattore di sollevamento
AF: piccoli aiuti (vele scorrevoli) - fattore aggiuntivo
WF: sedie a rotelle - fattore sedia a rotelle
EF: ambiente e infrastruttura - fattore ambientale
TF: formazione

Livelli rischio MAPO

Fattori di rischio

Staff (OP) e mobilità del paziente (NC e PC)

Nell'intervista con la capo-infermiera del dipartimento, si nota il numero di dipendenti per turno. Questo è un fattore determinante per il carico fisico durante il movimento manuale dei pazienti.

Il metodo MAPO si basa su tre classi di mobilità: attiva - metà passiva e passiva. La filosofia alla base del metodo è che i pazienti non cooperativi sono trasferiti con dispositivi di sollevamento (LF). Gli aiuti più piccoli sono raccomandati per pazienti parzialmente cooperativi (AF).

Ausili di sollevamento (LF)

Il fattore di sollevamento tiene conto degli aiuti disponibili per sollevare i pazienti nel reparto. Questi aiuti sono paranchi passivi e letti regolabili in altezza.

- Ausili di sollevamento inadeguati e inadeguati: 4
- Ausili di sollevamento inadeguati o insufficienti: 2
- Ausili di sollevamento sufficienti e adeguati: 0,5

Strumenti sufficienti indicano che esiste un sollevatore ogni 8 pazienti non cooperativi e che tutti i letti soddisfano i criteri ergonomici. Adeguato significa che almeno il 90% del sollevamento di pazienti non cooperativi viene eseguito con l'aiuto.

Quattro punti di attenzione ergonomici si applicano ai sollevatori:

- sicurezza (badante e paziente)
- paziente di conforto
- semplicità d'uso
- basso sforzo fisico durante l'uso

Per i letti, è necessario tenere presente quanto segue:

- regolabile in altezza (idraulico o elettrico)
- almeno 3 sezioni che non devono essere impostate manualmente
- pannelli laterali che possono essere rimossi
- 2 ruote sterzanti e 2 ruote girevoli, che sono ben mantenute

Piccoli strumenti (AF)

I piccoli aiuti sono una tela scorrevole, un materassino, una tavola scorrevole o un paranco attivo. Se almeno il 90% del trasferimento dei pazienti parzialmente cooperativi viene eseguito con questi aiuti, questi sono adeguati. Sufficiente significa che devono essere sempre lì quando necessario:

- Insufficiente o inadeguato: 1
- Sufficiente e adeguato: 0,5

Fattore di sedia a rotelle (WF)

In primo luogo, ci devono essere sufficienti sedie a rotelle nel dipartimento. Il criterio è che una sedia a rotelle è disponibile per almeno la metà dei pazienti parziali e non cooperativi. Per le case di cura, l'80% dei residenti che richiedono assistenza sono considerati sufficienti.

I diversi tipi di sedie a rotelle vengono quindi valutati in base ai loro criteri ergonomici o alla loro mancanza:

- scarsa manutenzione
- freni malfunzionanti
- nessun bracciolo estensibile
- nessun poggiapiedi estensibile
- supporto per la schiena pesante e scomodo
- larghezza > 70 cm

Il numero di difetti è mediato su tutte le sedie a rotelle (MsWh) e insieme al numero determina il fattore della sedia a rotelle.

MsWh 0,5 - 1,33 1.34 - 2.66 2,67 - 4
Sufficiente no no no
WF 0.75 1 1.12 1.5 1.5 2

Es. Ci sono 10 sedie a rotelle di tre marchi diversi. Le 3 sedie a rotelle della marca x hanno freni mal funzionanti e sono troppo strette (6 difetti). Le 5 sedie a rotelle della marca y sono mal mantenute, non hanno bracci estensibili o poggiapiedi (15 difetti). Le 2 sedie a rotelle della marca z sono completamente in ordine. Il numero medio di difetti per sedia a rotelle è 2.1. Il numero di sedie a rotelle è OK in un reparto di 15 pazienti in cerca di assistenza. WF è quindi 1.12.

Ambiente e infrastrutture (EF)

In termini di infrastruttura, sono considerati tre parametri: il bagno, l'impianto idraulico (toilette) e le stanze. Per questo viene calcolato un punteggio separato, che sommati insieme determinano il fattore ambientale.

1. Bagno (MSB)

Per i bagni, viene innanzitutto fatta una panoramica delle camere disponibili con doccia e/o vasca. Questi possono essere sia bagni centrali che condivisi e docce nelle stanze stesse. I bagni con lo stesso design sono raggruppati. Per analogia con le sedie a rotelle, vengono testati i criteri ergonomici. Viene calcolato il numero medio ponderato di difetti per stanza da bagno (MSB):

- spazio insufficiente per l'uso di aiuti
- la porta si apre dentro
- niente doccia
- nessun bagno fisso
- larghezza della porta inferiore a 85 cm
- ostacoli, non mobili

Il MAPO non specifica "spazio insufficiente". Per renderlo concreto, è possibile utilizzare le linee guida sull'accessibilità. Questi prescrivono:

- Min. 175 cm di spazio libero su un lato della vasca da bagno alta 
- Min. 80 cm di spazio libero sull'altro lato per il soccorritore 
- Min. 90 cm intorno alla vasca per una circolazione regolare

2. Sanitari (MSWC)

I diversi tipi di servizi igienici sono testati in base ai seguenti criteri. Viene quindi calcolata la media del numero ponderato di carenze (MSWC):

- spazio insufficiente per girare la sedia a rotelle
- apertura porta
- altezza della toilette insufficiente (<50 cm)
- WC senza supporto a muro
- larghezza della porta inferiore a 85 cm
- spazio libero accanto alla toilette inferiore a 80 cm

Lo spazio sufficiente per girare con la sedia a rotelle è, secondo le linee guida sull'accessibilità, un cerchio di svolta di 150 cm.

3. Camera (MSR)

Le diverse stanze sono anche divise per tipo e valutate in base ai seguenti criteri:

- Spazio tra letti o letto / parete inferiore a 90 cm
- Spazio tra la fine del letto e il muro più piccolo di 120 cm
- Presenza di ostacoli fissi
- Letti fissi inferiori a 70 cm
- Letto insufficiente: deve essere sollevato parzialmente manualmente
- Cattivi chili di lato
- Spazio tra il letto e il pavimento inferiore a 15 cm
- Letto a 2 ruote o senza ruote
- Altezza del sedile inferiore a 50 cm

Il punteggio ambientale medio (MSE) è la somma del punteggio bagno e sanitario e stanza. Il fattore ambientale (EF) può quindi essere letto in una tabella.

MSE 0 - 5.8 5.9 - 11.6 11,7 - 17,5
EF 0.75 1.25 1.5

Fattore di formazione (TF)

Una formazione adeguata significa che almeno il 90% degli accompagnatori ha seguito una formazione di almeno 6 ore negli ultimi due anni. La formazione deve consistere in una parte teorica e pratica. Le tecniche di ricollocazione e l'uso corretto degli aiuti devono essere discussi.

- Adeguato: 0,75
- Solo informazioni: 1
- Nessuna formazione: 2

EPM Reserch

Collegati


Pin It


Tags: Sicurezza lavoro Rischio MMC Abbonati Sicurezza

Articoli correlati

Ultimi archiviati Sicurezza

Sentenze cassazione penale
Dic 06, 2019 66

Cassazione Penale Sent. Sez. 4 Num. 48788 | 02 Dicembre 2019

Cassazione Penale, Sez. 4 del 02 dicembre 2019 n. 48788 Fare formazione sui rischi derivanti dal macchinario ma non mantenerlo in sicurezza: l'adempimento del primo obbligo non fa venire meno l'incidenza causale dell'inadempimento del secondo Qualora il datore di lavoro provveda alla formazione dei… Leggi tutto
Dic 05, 2019 84

Circolare Prot. n. 3819 del 21.03.2013

Circolare Prot. n. 3819 del 21.03.2013 VVF Guida tecnica ed atti di indirizzo per la redazione dei progetti di prevenzione incendi relativi ad impianti di alimentazione di gas naturale liquefatto (GNL) con serbatoio criogenico fuori terra a servizio di stazioni di rifornimento di gas naturale… Leggi tutto
Guida tecnica Impianti di stoccaggio di GNL VVF
Dic 05, 2019 150

Guida tecnica Impianti di stoccaggio di GNL VVF

Guida tecnica Impianti di stoccaggio di GNL VVF Circolare prot n. 12112 del 12 settembre 2018 recante Guida tecnica per lo stoccaggio di GNL Guida Tecnica di prevenzione incendi per l'analisi dei progetti di impianti di stoccaggio di GNL di capacità superiore a 50 tonnellate L’attuazione del quadro… Leggi tutto
Sentenze cassazione civile
Nov 29, 2019 129

Cassazione Civile Sent. Sez. Lav. n. 30666 | 25 Novembre 2019

Cassazione Civile Sez. Lav. del 25 novembre 2019 n. 30666 Scoppio del compressore privo del dispositivo di sicurezza Civile Sent. Sez. L Num. 30666 Anno 2019Presidente: DI CERBO VINCENZORelatore: BOGHETICH ELENAData pubblicazione: 25/11/2019 [panel]Ritenuto 1. Con sentenza n. 538 depositata il… Leggi tutto
EU OSHA Biological agents
Nov 28, 2019 172

EU-OSHA 2019 | Agenti biologici e malattie professionali

EU-OSHA 2019 | Agenti biologici e malattie professionali Agenti biologici e malattie professionali: risultati della rassegna della letteratura, indagine di esperti e analisi dei sistemi di monitoraggio EU-OSHA, 21.11.2019 La presente relazione fa parte di un progetto di ampia portata volto a far… Leggi tutto

Più letti Sicurezza