Slide background

Indagini termografiche industriali: applicazioni e norme

ID 4630 | | Visite: 2160 | Documenti Riservati SicurezzaPermalink: https://www.certifico.com/id/4630

Indagini termografiche industriali: applicazioni e norme

Un Documento sull'applicazione della UNI ISO 18434-1:2011 (Estratto Appendici A, B e C) Monitoraggio e diagnostica dello stato delle macchine - Termografia

La termografia industriale IR applicata alle macchine, può avere un duplice obbiettivo:

1. quale strumento per sicurezza, prevenzione dal rischio incendio ed esplosione importante (indagine predittive);
2. per l'ottimizzazione degli oneri di manutenzione.

Le termografia IR è un metodo di indagine “non distruttivo” (Prove Non Distruttive - NPD) cioè non va ad interagire direttamente con l’oggetto in esame, esistono molte norme che regolamentano l’analisi, la formazione dei soggetti addetti.

Le prove termografiche devono essere condotte secondo i principi di UNI EN 16714-1, 2, 3 e a seconda dell'applicazione (del caso UNI ISO 18434-1:2011 Monitoraggio e diagnostica dello stato delle macchine) ed in particolare UNI ISO 18436-7:2014 per i requisiti per la qualificazione e la valutazione del personale nella termografia monitoraggio e diagnostica dello stato delle macchine (vedi anche UNI EN ISO ISO 9712:2012 per la qualificazione e certificazione del personale NPD).

OT24 2018: Previsto punteggio per interventi di indagine termografica

C-16 INTERVENTI PER LA PREVENZIONE DEL RISCHIO ELETTRICO: l’azienda ha effettuato nel corso dell’anno 2017 una analisi termografica a una o più parti di impianto elettrico e ha conseguentemente attuato le opportune azioni correttive.

Punteggio = 50

Note:

L’intervento si riferisce a parti di impianto quali quadri elettrici, quadri di comando e trasformatori.
Il rilievo termografico e l’interpretazione e valutazione dei dati rilevati devono essere eseguiti da persone certificate in accordo ai Livelli 1 e 2 previsti dalla norma UNI EN ISO 9712. Ogni punto oggetto di analisi termografica deve essere corredato da foto nel campo visibile e infrarosso.

Documentazione ritenuta probante:

- Report dell’analisi termografica, corredato da foto nel campo visibile e infrarosso, datato e firmato da persona certificata almeno di Livello 2 secondo la norma UNI EN ISO 9712.
- Per la persona che ha condotto il rilievo termografico sul campo: evidenza del nome e cognome e della certificazione almeno di Livello 1, metodo TT (Termografia a infrarossi) secondo la norma UNI EN ISO 9712.
- Per la persona che ha redatto il report di analisi, evidenza del nome e cognome e della certificazione almeno di Livello 2, metodo TT (Termografia a infrarossi) secondo la norma UNI EN ISO 9712.
- Evidenze dell’attuazione delle eventuali azioni correttive poste in atto (ad es. fatture, schede di intervento, ecc.).

Vedi OT24 2018

Il Documento allegato è estratto da UNI ISO 18434-1:2011 Monitoraggio e diagnostica dello stato delle macchine - Termografia - Parte 1: Procedure generali, in particolare le appendici:

A. Field measurements of reflected apparent temperature and emissivity (normativa)
B. Example safety rules and guidelines  (informativa)
C. Case history examples (informativa)
...

Estratto
...

Le applicazioni di termografia nei processi industriali non sono molto sfruttate. Queste applicazioni possono variare dalla determinazione delle temperature di esercizio delle parti in movimento, alla valutazione dell''efficacia dell'isolamento al fine di ricercare ed analizzare i guasti delle apparecchiature, e di riflesso indicare suggerimenti sull'operatività manutentiva.

La termografia applicata agli impianti industriali è uno strumento potente per il monitoraggio preventivo e la diagnosi strumentale delle condizioni d’installazione e funzionamento dei componenti meccanici/elettrici.

E' possibile verificare le linee elettriche quando queste non sono visibili o sono parzialmente nascoste nei tubi, infatti un riscaldamento anomalo della conduttura che contiene i cavi può evidenziare ad esempio la presenza di un eventuale sovraccarico della linea o un dimensionamento errato della stessa o altre cause mal funzionamento.
...

C.1 Mill drive train misalignment 


Figure C.1 - Mill drive train misalignment 
...


Figure C.3 - Motor and gearbox input shaft 
...

Figure C.9 - Misaligned pumps 
...

Termografia impianti e apparecchiature elettriche

Con la termografia impianti e apparecchiature elettriche, es dei quadri elettrici, si possono prevenire una delle maggiori cause di incendio nelle industrie, negli alberghi e in tutte quelle strutture ad elevata componentistica elettrica, la tecnica è molto utile ed usata in fase preventiva.

I vantaggi sono evidenti, in quanto guasti elettrici possono facilmente causare danni a personale, danni alle apparecchiature, perdita di materiale di inattività. Un fattore importante è il carico di un componente. Il carico esponenziale interessa il potere in un circuito e il conseguente aumento di temperatura. Una piccola differenza di temperatura con un carico di 1A può essere critica invece con un carico di 20A. Anche se le ispezioni a infrarossi di impianti elettrici sono spesso effettuati a fini assicurativi, il vero valore della termografia è quello di essere parte integrante di un programma di manutenzione predittiva. In combinazione con altre tecnologie, l’analisi termografica avrà vantaggi in termini di risparmio di gran lunga superiori ai costi.

Con le analisi termografiche in processi industriali programmate a cadenze regolari è possibile effettuare anche confronti con le situazioni precedenti riuscendo così a monitorare l’evoluzione e il comportamento nel tempo dei dati termografici, è inoltre possibile eseguire una termografia prima e dopo un intervento di riparazione per verificare la buona riuscita dello stesso.

Un altro vantaggio della termografia è rappresentato dalla possibilità di fare indagini non invasive anche in condizioni critiche e quando il ciclo produttivo è a regime senza la necessità di fermare un processo, anzi è proprio in tali condizioni che si possono cogliere le maggiori informazioni utili a programmare eventuali interventi di manutenzione.

La termografia industriale ed elettrica richiede una serie di accorgimenti conoscenze, preparazione ed informazioni per poter realizzare un’indagine termografica accurata.

Fondamentali sono:

- Una strumentazione dalle elevate prestazioni che permetta di evidenziare differenze di temperatura dell'ordine di pochi centesimi di grado.
- Tecnici qualificati che sappiano utilizzare la strumentazione nelle migliori condizioni operative e siano in grado di interpretare correttamente i risultati delle indagini, evidenziandone anche i falsi positivi.

Di seguito un elenco delle principali utilizzazioni della termografia  nei processi industriali:

  • controllo temperature dei componenti del processo;
  • controllo temperature di esercizio delle parti in movimento;
  • controllo di conduttori elettrici impiegati nella produzione e distribuzione dell’energia elettrica;
  • controllo dei componenti di un impianto elettrico quali interruttori, trasformatori, sezionatori, cavi giunti e morsetti;
  • individuazione di sovratemperature anomale dovute ad aumento della resistenza di contatto o a malfunzionamento di componenti;
  • individuazione di “punti caldi” all’interno di quadri di distribuzione;
  • controllo del surriscaldamento nella distribuzione a blindo-sbarra;
  • individuazione del surriscaldamento dei fusibili;
  • individuazione di sottodimensionamento di cavi di collegamento;
  • controllo di impianti elettromeccanici.

Norme per le indagini termografiche industriali

Di seguito è riportato l’elenco delle  principali norme sulla termografia industriale (escluse termografia nel campo dell’edilizia):

- UNI EN ISO ISO 9712:2012 - Prove non distruttive - Qualificazione e certificazione del personale: norma che specifica la qualifica e certificazione del personale addetto a controlli non distruttivi (NDT).
E 'applicabile a conoscenza in uno o più dei seguenti metodi: le prove di emissione acustica; prova a correnti parassite; test termografico ad infrarossi, prove di tenuta (prove di pressione idraulica esclusi); test di particelle magnetiche, penetranti, controllo radiografico; test ceppo; test ad ultrasuoni ; test visivo (diretta test senza aiuto visivo e le prove visive effettuate durante l'applicazione di un altro metodo NDT sono esclusi);

- UNI 10824-9:2009- Prove non distruttive - Termografia all infrarosso - Identificazione di difetti d adesione di rivestimenti millimetrici/sub-millimetrici in ambito industriale
La norma specifica un metodo per identificare, mediante termografia all infrarosso, difetti di adesione al substrato di rivestimenti sottili, dall ordine dei micron fino a quello dei millimetri, applicati a prodotti industriali e componenti d impianto.La norma si applica a tutti i componenti industriali la cui geometria sia tale da consentire l esame diretto mediante un sistema termografico.

- UNI EN 13306:2010 - Manutenzione - Terminologia di manutenzione
La norma specifica i termini generici e le loro definizioni per le aree tecniche, amministrative e gestionali della manutenzione. La sua applicazione non è prevista per i termini utilizzati esclusivamente per la manutenzione di programmi di informatica. E' tuttavia considerata la manutenzione di beni e sistemi che contengono software;

- UNI EN 13460:2009 - Manutenzione - Documentazione per la manutenzione: norma europea EN 13460 (edizione aprile 2009).
La norma specifica delle linee guida generali per:
- la documentazione tecnica da allegare ad un bene, prima della sua messa in servizio, per essere di supporto alla sua manutenzione;
- la documentazione relativa alle informazioni da stabilire durante la fase operativa di un bene, per essere di supporto ai requisiti di manutenzione; 

- UNI ISO 13372:2013 - Monitoraggio e diagnostica dello stato delle macchine - Vocabolario
La norma definisce i termini usati nel monitoraggio e nella diagnostica dello stato di macchine. Essa si propone di fornire un vocabolario comune per gli utilizzatori e i fabbricanti di sistemi di monitoraggio e di diagnostica dello stato di macchine.

- UNI ISO 13379-1:2012 Monitoraggio e diagnostica dello stato delle macchine - Tecniche d'interpretazione dei dati e per la diagnosi - Parte 1: Linee guida generali
La norma contiene le procedure generali utilizzabili per valutare lo stato di una macchina rispetto a un complesso di parametri di riferimento. La norma indica le procedure utili all’identificazione delle cause del funzionamento anomalo allo scopo di attuare le opportune azioni correttive, che sono complessivamente note come diagnostica. La norma fornisce indicazioni per l’interpretazione dei dati conseguenti al monitoraggio e la diagnostica delle macchine, con l’obiettivo di: - permettere agli utilizzatori e ai fornitori di sistemi di monitoraggio e diagnostica di condividere concetti comuni nel campo della diagnostica delle macchine;
- permettere agli utenti di definire le caratteristiche tecniche necessarie per ulteriori diagnosi dello stato della macchina; e
- fornire un appropriato approccio per desumere una diagnosi dei difetti della macchina. Poiché la norma costituisce un insieme di linee guida generali, essa non fornisce una lista dei tipi di macchina a cui si applica. Tuttavia si può considerare che essa possa essere applicabile alle macchine industriali quali turbine, compressori, pompe, generatori, motori elettrici, soffianti, scatole ingranaggi e ventilatori.

- UNI ISO 17359:2011 Monitoraggio e diagnostica dello stato delle macchine - Linee guida generali
La norma fornisce una guida per la determinazione dello stato e la diagnostica delle macchine. Si tratta di un documento correlato a un gruppo di norme specifiche relative al monitoraggio e alla diagnostica in quanto individua le norme generali da prendere a riferimento in un programma di monitoraggio articolato dello stato di qualsiasi tipo di macchina. La norma introduce il concetto dell'importanza di concentrare le attività di monitoraggio sulle cause di guasto e descrive l'approccio generale alla definizione dei valori di allarme portando avanti criteri di diagnosi e di prognosi. La norma è applicabile a tutti i tipi di macchina. Nelle appendici sono forniti molti elementi pratici per l'esecuzione, dell'attività di monitoraggio e diagnostica specificata macchina per macchina.

- UNI ISO 13381-1:2016 Monitoraggio e diagnostica dello stato delle macchine - Prognostica - Parte 1: Linee guida generali
La norma fornisce una guida per lo sviluppo dei processi di prognosi per permettere agli utilizzatori e ai fornitori di sistemi di monitoraggio e diagnostica di condividere concetti comuni nel campo della prognosi dei difetti, permettere agli utenti di individuare i dati necessari, le caratteristiche e il comportamento necessari per un accurata prognosi, evidenziare un appropriato metodo allo sviluppo della prognosi e introdurre concetti di prognosi allo scopo di facilitare lo sviluppo di sistemi futuri e la formazione. La prognosi, che richiede previsioni sulle condizioni future della macchina, non è un processo strettamente matematico, ma richiede un approccio statistico e testimoniale. Esso è diviso nelle seguenti fasi distinte: individuazione dei problemi (deviazioni dalle condizioni normali); diagnosi dei difetti e loro cause; prognosi dell’evoluzione futura del difetto; raccomandazioni ed azioni; analisi post-mortem.

- UNI EN 16714-1:2016 Prove non distruttive - Prove termografiche - Parte 1: Principi generali
La norma descrive i principi generali per l'applicazione della termografia nelle prove non distruttive. La termografia è utilizzata per il rilevamento e la localizzazione di discontinuità (per esempio cricche, incrinature, distacchi e inclusioni) in materiali diversi (per esempio compositi, metalli e rivestimenti). Solitamente è richiesta stimolazione termica. La scelta del tipo di stimolazione termica dipende dall'applicazione (per esempio il tipo di materiale, la geometria dell' oggetto campione, il tipo di difetto da rilevare).
La norma non definisce criteri di accettazione.

- UNI EN 16714-2:2016

Prove non distruttive - Prove termografiche - Parte 2: Strumentazione La norma descrive le proprietà e i requisiti delle telecamere a infrarossi utilizzate per le prove termografiche non distruttive La norma fornisce anche esempi di fonti di eccitazione, le caratteristiche e i requisiti sono descritti nelle norme di applicazione per la termografia

- UNI EN 16714-3:2016
Prove non distruttive - Prove termografiche - Parte 3: Termini e definizioni
La norma stabilisce i termini e le definizioni per le prove termografiche.

- UNI CEI EN ISO/IEC 17024:2012
Valutazione della conformità - Requisiti generali per organismi che eseguono la certificazione di persone
La norma contiene i principi ed i requisiti per un organismo che certifica le persone rispetto a specifici requisiti, e comprende l’elaborazione ed il mantenimento di uno schema di certificazione per persone.

- UNI ISO 18436-7:2014 Monitoraggio e diagnostica dello stato delle macchine - Requisiti per la qualificazione e la valutazione del personale - Parte 7: Termografia La presente norma è l’adozione nazionale della norma internazionale ISO 18436-7 (edizione aprile 2014). La norma specifica i requisiti per la qualificazione e la valutazione del personale che svolgono monitoraggio e diagnostica dello stato delle macchine tramite termografia a infrarossi.
Un certificato o dichiarazione di conformità alla norma fornirà il riconoscimento delle qualifiche e delle competenze degli individui ad eseguire misurazioni termiche e di analisi per il monitoraggio e diagnostica dello stato delle macchine, utilizzando termocamere portatili.
La procedura potrebbe non essere applicabile alle attrezzature particolari o altre situazioni specifiche.
La norma specifica un programma di classificazione per il personale basato su tre diverse categorie, in corrispondenza di altrettante diverse aree tecniche.

- UNI ISO 18434-1:2011 Monitoraggio e diagnostica dello stato delle macchine - Termografia - Parte 1: Procedure generali La norma fornisce una guida all'uso della termografia a infrarossi (IRT) come parte di un programma di monitoraggio dello stato e per la diagnostica delle macchine. La termografia a infrarossi può essere usata per identificare e documentare eventuali anomalie conseguenti a: funzionamento, lubrificazione non adeguata, cattivo allineamento, usura dei componenti o carichi meccanici anomali. Tale tecnica si basa sulla misura della distribuzione dell energia termica radiata emessa da una superficie di riferimento e sulla sua conversione in una mappa che rappresenta la corrispondente distribuzione delle temperature (termogramma).Il tipo di indagine, oltre che alla macchina vera e propria, può essere estesa ad ausiliari quali valvole, dispositivi attivati attraverso fluidi o elettricamente e scambiatori di calore.

Certifico Srl - IT Rev. 00 2017

Fonti:
http://store.uni.com/magento-1.4.0.1/index.php/uni-iso-18434-1-2011.html


Tags: Sicurezza lavoro Rischio elettrico Abbonati Sicurezza

Articoli correlati

Ultimi archiviati Sicurezza

Feb 24, 2018 27

Circolare prot. n. 3468/4122 del 6/4/1993

Circolare prot. n. 3468/4122 del 6/4/1993 Registro manutenzione edilizia scolaticaIl registro è composto da fogli numerati ove sono annotati gli interventi di manutenzione e ispezione periodica, con date e firme degli addetti e ragguagli sulle esercitazioni svolte.________ D.M. 26 agosto 1992… Leggi tutto
Feb 24, 2018 49

Decreto 7 febbraio 2018 | Formazione marittima

Decreto 7 febbraio 2018 Formazione ufficiali di Coperta e di macchina Revisione degli allegati A e B del decreto 4 maggio 2017, inerente: «Aggiornamento dei programmi del corso di formazione per il conseguimento delle competenze di livello direttivo per gli ufficiali di coperta e di macchina di cui… Leggi tutto
Linee guida novembre 2017
Feb 24, 2018 36

Linee guida per la prevenzione rischio servizi necroscopici

Linee guida per la prevenzione del rischio biologico nel settore dei servizi necroscopici, autoptici e delle pompe funebri Conferenza Stato - Regioni del 09.11.2017 Approvazione, ai sensi dell’articolo 2, comma 1, lett. z) del decreto legislativo 9 aprile 2008 n. 81, delle “Linee guida per la… Leggi tutto
Sentenze cassazione penale
Feb 23, 2018 47

Cassazione Penale Sent. Sez. 3 n. 8028 | 20 Febbraio 2018

Cassazione Penale Sent. Sez. 3 n. 8028 del 20 Febbraio 2018 Mancanza di qualsiasi dispositivo di protezione: infortunio mortale a seguito di caduta dall'altoResponsabilità preposto Penale Sent. Sez. 3 Num. 8028 Anno 2018Presidente: CAVALLO ALDORelatore: LIBERATI GIOVANNIData Udienza: 27/09/2017… Leggi tutto
Sentenze cassazione civile
Feb 23, 2018 44

Cassazione Civile Sent. Sez. 6 n. 4037 | 20 Febbraio 2018

Cassazione Civile Sent. Sez. 6 20 febbraio 2018 n. 4037 Infortunio mortale: responsabilità direttore di cantiere e responsabile della sicurezza Civile Ord. Sez. 6 Num. 4037 Anno 2018Presidente: FRASCA RAFFAELERelatore: DELL'UTRI MARCOData pubblicazione: 20/02/2018 [panel]Rilevato che, con sentenza… Leggi tutto
Feb 19, 2018 56

Legge 23 luglio 1991 n. 223

Legge 23 luglio 1991 n. 223 Norme in materia di cassa integrazione, mobilita', trattamenti di disoccupazione, attuazione di direttive della Comunita' europea, avviamento al lavoro ed altre disposizioni in materia di mercato del lavoro. (GU Serie Generale n.175 del 27-07-1991 - Suppl. Ordinario n.… Leggi tutto
Feb 19, 2018 57

Decreto Legislativo 22 giugno 2012 n. 113

Decreto Legislativo 22 giugno 2012 n. 113 Attuazione della direttiva 2009/38/CE riguardante l'istituzione di un comitato aziendale europeo o di una procedura per l'informazione e la consultazione dei lavoratori nelle imprese e nei gruppi di imprese di dimensioni comunitarie. GU Serie Generale n.174… Leggi tutto

Più letti Sicurezza

Ott 11, 2017 45357

Modello Piano Operativo Sicurezza POS compilabile

Modello Piano Operativo di Sicurezza POS compilabile Formato doc Il Piano Operativo di Sicurezza (P.O.S.) è il documento che un datore di lavoro deve redigere prima di iniziare le attività operative in un cantiere temporaneo o mobile di cui all'articolo 89, lettera h ed i cui contenuti minimi sono… Leggi tutto
Gen 09, 2018 18047

UNI EN 689:1997 Guida Valutazione esposizione per inalazione

UNI EN 689:1997 Valutazione del rischio chimico La norma UNI EN 689:1997 è la principale norma tecnica di riferimento per la valutazione del rischio chimico nei luoghi di lavoro. Tale norma indica strategie e metodologie per misurare la concentrazione degli agenti chimici, mettere in… Leggi tutto