Slide background

Lo spazio Schengen

ID 17434 | | Visite: 1610 | NewsPermalink: https://www.certifico.com/id/17434

Lo spazio Schengen

Lo spazio Schengen

ID 17434 | 24.08.2022

Con l’accordo di Schengen, firmato il 14 giugno 1985, Belgio, Francia, Germania, Lussemburgo e Paesi Bassi hanno deciso di eliminare progressivamente i controlli alle frontiere interne e di introdurre la libertà di circolazione per tutti i cittadini dei paesi firmatari, di altri paesi dell’Unione europea (UE) e di alcuni paesi terzi.

La convenzione di Schengen completa l’accordo e definisce le condizioni e le garanzie inerenti all’istituzione di uno spazio di libera circolazione. Firmata il 19 giugno 1990 dagli stessi cinque paesi, è entrata in vigore nel 1995. L’accordo e la convenzione, nonché gli accordi e le regole connessi, formano insieme l’«acquis di Schengen», che è stato integrato nel quadro dell’Unione europea nel 1999 ed è diventato legislazione dell’UE.

L'acquis di Schengen è un insieme di norme e disposizioni, integrate nel diritto dell'Unione europea, volte a favorire la libera circolazione dei cittadini all'interno del cosiddetto Spazio Schengen, regolando i rapporti tra gli Stati che hanno siglato la Convenzione di Schengen.

Il complesso di norme, dette anche accordi di Schengen, prende il nome dalla cittadina di Schengen, in Lussemburgo, al confine con la Francia e la Germania.

L'accordo di Schengen (ufficialmente Accordo fra i governi degli Stati dell'Unione economica del Benelux, della Repubblica federale di Germania e della Repubblica francese relativo all'eliminazione graduale dei controlli alle frontiere comuni) è un trattato internazionale firmato a Schengen il 14 giugno 1985 tra Benelux, Germania Ovest e Francia, che prevedeva la creazione di uno spazio comune, tramite una progressiva eliminazione dei controlli alle frontiere comuni tra i cinque Stati interessati, sia delle merci sia delle persone.

L'accordo è stato il primo passo del cosiddetto acquis di Schengen, che dal 1999 è stato integrato nel quadro istituzionale e giuridico dell'Unione europea.

La Convenzione di Schengen (ufficialmente Convenzione di applicazione dell'Accordo di Schengen) è un trattato dell'Unione Europea, firmato inizialmente il 19 giugno 1990 da Benelux, Germania Ovest e Francia, in applicazione dell'Accordo di Schengen del 1985, e successivamente anche da Italia (1990), Spagna e Portogallo (1991), Grecia (1992), Austria (1995), Danimarca, Finlandia e Svezia (1996), che regola l'apertura delle frontiere tra i paesi firmatari.

Oggi ventisei paesi europei, di cui ventidue dei ventisette Stati membri, fanno parte dello spazio Schengen.

I paesi candidati all’adesione dell’UE devono accettare integralmente l’acquis di Schengen al momento della loro adesione. Tuttavia, i controlli alle frontiere interne sono revocati (con decisione unanime del Consiglio) solo dopo una valutazione che:

- venga condotta in conformità con il meccanismo di valutazione Schengen applicabile;
- concluda che sussistono tutte le condizioni per la corretta applicazione delle misure dell’acquis di Schengen che consentono l’eliminazione dei controlli alle frontiere interne.

Area Schengen 

La Danimarca è uno Stato membro dell’UE che applica integralmente l’acquis di Schengen in quanto diritto internazionale, ad eccezione delle misure che determinano i paesi terzi i cui cittadini devono essere in possesso di un visto all’attraversamento delle frontiere esterne degli Stati membri e le misure relative all’introduzione di un modello uniforme per i visti.

Islanda, Norvegia (tranne lo Svalbard), Svizzera e Liechtenstein sono Stati associati (non appartenenti all’UE) che partecipano all’elaborazione degli atti dell’acquis di Schengen che sono successivamente adottati dalle istituzioni dell’UE. Dopo la loro adozione, gli atti dell’acquis di Schengen sono applicati da questi quattro paesi nel quadro di accordi di associazione.

Bulgaria, Romania e Croazia sono Stati membri dell’UE che applicano integralmente l’acquis di Schengen ad eccezione della parte relativa all’assenza di controlli alle frontiere interne e ai visti. Questi Stati sono collegati al Sistema d’informazione Schengen (SIS); tuttavia, la Croazia, sebbene collegata al SIS, non è obbligata a negare l’ingresso alle persone segnalate ai fini della non ammissione e non può introdurre tale tipo di segnalazioni. Questi tre Stati membri sono in attesa di una decisione del Consiglio che fissi la data per la piena applicazione dell’acquis di Schengen (apertura delle frontiere interne).

Cipro è uno Stato membro dell’UE che applica l’acquis di Schengen ad eccezione della parte relativa al SIS, all’assenza di controlli alle frontiere interne e ai visti. Cipro non ha ancora accesso al SIS.

L’Irlanda è uno Stato membro dell’UE autorizzato ad applicare la parte dell’acquis di Schengen relativa alla cooperazione di polizia e giudiziaria in materia penale. Non ha ancora messo in applicazione la parte dell’acquis di Schengen alla quale ha chiesto di partecipare.

Scopo dello spazio Schengen

- Esso punta a consentire ai cittadini dell’Unione europea (Unione) di attraversare le frontiere interne dei paesi dell’Unione senza sottoporsi ai controlli o esibire il passaporto.
- L’apertura delle frontiere interne rappresenta uno dei due effetti principali dello spazio Schengen. L’altro è quello di garantire la sicurezza dei cittadini. Ciò implica un inasprimento e l’applicazione di criteri uniformi per i controlli all’ingresso da parte di cittadini non-Schengen alla frontiera esterna comune, lo sviluppo della cooperazione tra guardie di frontiera, polizia nazionale e autorità giudiziarie e l’uso di sofisticati sistemi di scambio di informazioni.
- L’acquis di Schengen è stato modificato con l’adesione di nuovi paesi all’area e vi è stata incorporata la nuova legislazione dell’Unione.

Fonte: Consiglio dell'Unione Europea

Collegati

DescrizioneLinguaDimensioneDownloads
Scarica questo file (Lo spazio di Schengen.pdf)Lo spazio di Schengen
Consiglio dell'Unione Europea
IT2228 kB104
Scarica questo file (Convenzione di Schengen.pdf)Convenzione di applicazione dell'accordo di Schengen
Schengen 14 giugno 1985
IT287 kB33

Tags: News

Articoli correlati