Slide background
Slide background
Slide background
Slide background




Modello Relazione Rilievo illuminotecnico luoghi di lavoro

ID 7015 | | Visite: 31228 | Documenti impianti riservatiPermalink: https://www.certifico.com/id/7015

Modello rilievo illuminotecnico

Modello Relazione Rilievo illuminotecnico luoghi di lavoro EN 12464-1:2021

ID 7015 | Rev. 1.0 del 04.03.2024 Allegato formato .pdf, in Store il Documento singolo formato .docx

Documento esempio di Modello di Relazione di Rilievo Illuminotecnico sui posti di lavoro in interno elaborato in accordo alla norma UNI EN 12464-1:2021 “Luce e illuminazione - Illuminazione dei posti di lavoro - Parte 1: Posti di lavoro in interni”, capitolo 7 estratto prospetto 34 “Uffici”.

UNI EN 12464-1:2021 Luce e illuminazione - Illuminazione dei posti di lavoro - Parte 1: Posti di lavoro in interni

Data entrata in vigore: 23 settembre 2021

Per tutte le Tabelle di riferimento del capitolo 7 “Elenco dei requisiti illuminotecnici - Prospetti” della UNI EN 12464-1:2021 vedi il Documento: Illuminazione dei posti di lavoro in interni.

Allegati documenti di supporto presi in esame per l’elaborazione del presente.

Per la progettazione sono disponibili vari software con librerie DB fornite dai costruttori.

[...]

Premessa

Generalmente, soprattutto nell’applicazione dei livelli prescritti dalle vigenti normative, quando si parla di illuminamento si intende un livello di illuminamento mantenuto Ēm, cioè il valore sotto il quale non deve scendere l’illuminamento medio su una superficie specificata, riferito ad uno stato medio di invecchiamento e durante l’esercizio ordinario delle apparecchiature illuminanti, mentre nella generalità delle misure si tende a rilevare una serie di illuminamenti puntiformi che non hanno alcun collegamento con l’effettivo illuminamento mantenuto di un determinato ambiente.

Per poter ottenere l’illuminamento mantenuto è necessario rilevare almeno un numero minimo di illuminamenti puntiformi sufficienti per una elaborazione al fine di risalire ad un valore medio accettabile; in relazione alle dimensioni del locale, all’altezza del piano di lavoro e all’altezza degli apparecchi illuminanti.

Il termine illuminamento, misurato in lux, riguarda una grandezza fotometrica che rappresenta il rapporto tra il flusso luminoso Φ ricevuto da una superficie e l’area S della superficie stessa, cioè la quantità di luce presente su una determinata superficie definita piano di lavoro (superficie posta a 0,8 m dal pavimento negli ambienti di lavoro e a 0,2 m dal pavimento nelle zone di transito) e non la quantità di luce che investe un eventuale osservatore.

E = ∅ / S   

Misura illuminamento 00

Figura 1 - Illuminamento

[...] UNI EN 12464-1:2021

[…]

5. Criteri di progettazione illuminotecnica

5.1 Ambiente luminoso

Pera buona pratica di illuminazione, è essenziale che, oltre agli illuminamenti richiesti, siano soddisfatte ulteriori esigenze qualitative e quantitative.

I requisiti di illuminazione sono determinati dalla soddisfazione di tre esigenze umane fondamentali:

- comfort visivo, quando i lavoratori hanno una sensazione di benessere; indirettamente questo contribuisce anche a ottenere alti livelli di produttività e una più alta qualità del lavoro;
- prestazione visiva, quando i lavoratori sono in grado di svolgere i loro compiti visivi anche in circostanze difficili e per periodi di tempo più lunghi;
- sicurezza.

I principali criteri che determinano l'ambiente luminoso in relazione all'illuminazione elettrica e all'illuminazione mediante luce diurna sono:

- distribuzione della luminanza;
- illuminamento;
- abbagliamento;
- direzionalità della luce, illuminazione nello spazio interno;
- resa dei colori e aspetto cromatico della luce;
- sfarfallio;
- variabilità della luce (livelli e colore della luce).

Questi criteri sono esposti maggiormente in dettaglio nei punti 5 e 6, i requisiti e le raccomandazioni sono indicati nel punto 7.

Nota Oltre all'illuminazione, vi sono altri parametri ergonomici visivi che influenzano la prestazione visiva, come:

- le proprietà intrinseche del compito (dimensioni, forma, posizione, colore e riflettanza di dettaglio e sfondo),
- la capacità oftalmica della persona (acuità visiva, percezione di profondità, percezione cromatica) (vedere CIE 227),
- per chi ha un difetto alla vista, per esempio chi è sensibile all'abbagliamento, ha difetti di campo visivo, adattamento e ridotta visione di contrasto e colore all'oscuramento, la protezione dall'abbagliamento e la resa dei colori sono fattori particolarmente importanti di cui tenere conto, vedere CIE 227.

[...]

5.4 Griglia di illuminamento

Devono essere creati sistemi a griglia per indicare i punti in corrispondenza dei quali sono calcolati e verificati i valori di illuminamento per l'area (o le aree) del compito e di attività, l'area immediatamente circostante (o le aree immediatamente circostanti) e l'area (o le aree) di sfondo.

Sono preferite celle di griglia che approssimano un quadrato, il rapporto tra lunghezza e larghezza di una cella di griglia deve essere mantenuto tra 0,5 e 2 (vedere anche EN 12193 e EN 12464-2). Le dimensioni massime della griglia devono essere:

p = 0,2 x 5log10(d) (1)

dove:

p ≤ 10 m

d è la dimensione più lunga dell'area di calcolo (m), tuttavia se il rapporto tra il lato più lungo e il lato più corto è uguale o maggiore di 2, allora d diventa la dimensione più corta dell'area, e p è la dimensione massima della cella della griglia (m).

Il numero di punti nella dimensione pertinente è dato dal numero intero più vicino a d/p.

L'interdistanza risultante tra i punti di griglia si utilizza per calcolare il numero intero più prossimo di punti di griglia nell'altra dimensione. Ciò da un rapporto tra lunghezza e larghezza di una cella di griglia prossimo a 1.

Nota 1 Formula (1) (tratta da CIE x005-1992) è stata ricavata partendo dal presupposto che p sia proporzionale a

log(d), dove:

p = 0,2 m per d = 1 m;
p = 1 m per d = 10 m;
p = 5 m per d = 100 m.

I valori di illuminamento sono calcolati e misurati in corrispondenza del punto centrale dei rettangoli della griglia. Una tipica griglia è illustrata nella figura 2.

Figura 2 Tipica griglia

Legenda

a Dimensione del lato più lungo dell'area di calcolo/dell'area di verifica
b Dimensione del lato più corto dell'area di calcolo/dell'area di verifica
x Numero di punti lungo il lato più lungo
y Numero di punti lungo il lato più corto

Figura 2 - Tipica griglia

[...]

Illustrazione grandezze

UNI EN 12464-1:2021 “Luce e illuminazione - Illuminazione dei posti di lavoro - Parte 1: Posti di lavoro in interni” capitolo 7 estratto prospetto 34 “Uffici”.

1 lux = illuminamento prodotto dal flusso di un lumen distribuito in modo uniforme su di una superficie di un metro quadrato

Nella tabella seguente estratta dalla UNI EN 12464-1:2021 è presa in considerazione l’illuminazione dei posti di lavoro di cui al capitolo 7 estratto prospetto 34 “Uffici”.

Per tutte le Tabelle della UNI EN 12464-1:2021 vedi Documento: Illuminazione dei posti di lavoro in interni

Illuminazione posti di lavoro in interno

[...]

Prospetto 34 Uffici

Tabella 1 - Illuminazione dei posti di lavoro UNI EN 12464-1:2021 capitolo 7 estratto prospetto 34 “Uffici”

Criterio valutazione

Per applicare i criteri di progettazione illuminotecnica il progetto illuminotecnico si dovrebbe tenere conto dei seguenti aspetti:

- requisiti di illuminamento raccomandati;
- funzionamento del sistema di illuminazione;
- requisiti di efficienza energetica;
- variabilità della luce.

Nella scelta dei criteri illuminotecnici appropriati per l'area del compito o per l'area di attività e l'area immediatamente circostante si devono rispettare i seguenti passaggi:

1. Definire l'area del compito e le aree di attività nello spazio.
2. Determinare il tipo appropriato di compito o attività in base ai compiti visivi eseguiti in quell'area.

Si noti che l'area del compito o l'area di attività può essere orizzontale, verticale o inclinata e che nella medesima area possono svolgersi più compiti o attività.

3. Scegliere i "requisiti relativi al compito o all'attività" dai prospetti di cui al capitolo 7 della norma UNI EN 12464-1:2021 (Ēm, Uo, Ra, RUGL). Per le aree di attività con più compiti, per il progetto si devono adottare i requisiti più gravosi.

4. Scegliere l'illuminamento mantenuto, Ēm , adeguato a gradini servendosi della scala di illuminamento di cui al punto 5.3.2 partendo dal valore richiesto per la condizione di lavoro effettiva secondo gli specifici modificatori di contesto come specificato nel punto 5.3.3 (prospetto 1 e prospetto 2).

Si raccomanda di progettare illuminamenti di massimo di due gradini maggiori del valore mantenuto richiesto (minimo) sull'area del compito o sull'area di attività (Ēm ) per permettere l'adeguamento dell'illuminamento sul compito per soddisfare l'esigenza di una migliore prestazione visiva. Per garantire la soddisfazione in orari di funzionamento diversi si può utilizzare un'illuminazione regolabile. Quando il compito o l'attività non sono svolti o è svolta un'attività di minore difficoltà visiva, si possono impiegare livelli di luce minori mediante la regolazione o la commutazione se appropriato. Ulteriori informazioni sono contenute in CIE 222 e in CIE 227.

5. Scegliere i requisiti di illuminamento appropriati per l'area immediatamente circostante e per l'area di sfondo in base alla scelta di Ēm nel passaggio 3 e nel prospetto 3 (vedere punti 5.3.4 e 5.3.5).

[...]

Prospetto C 1 Esempio Ufficio

Prospetto C.1 Requisiti di base tratti dal prospetto 34

[...]

Tuttavia, poiché l'illuminamento del compito è stato innalzato di un gradino, anche l'illuminamento cilindrico, Ēm,z, l'illuminamento delle pareti, Ēm,wall, e l'illuminamento del soffitto, Ēm,ceiling, dovrebbero essere innalzati di un gradino sulla scala di illuminamento, dando luogo ai requisiti:

Prospetto C 4 Esempio Ufficio

Prospetto C.4 Requisiti finali per l'ufficio

Dal prospetto 3 della norma (punto 5.3.4) ciò richiederebbe un illuminamento sull'area immediatamente circostante di 500 lx e un illuminamento sull'area di sfondo di 500 lx/3 = 167 lx.

Ovviamente, per la massima flessibilità, il valore modificato per di 1000 lx (vedere prospetto C.2) potrebbe essere utilizzato con idonei dispositivi di controllo dell'illuminazione per soddisfare i requisiti di base ma tenere conto della variabilità dell'ambiente visivo nel corso dell'intera giornata.

[...]

Direzionalità della luce

Nell'area del compito o nell'area di attività, l'uniformità di illuminamento (Uo) non deve essere minore dei valori di uniformità minimi indicati nei prospetti di cui al punto 7.3.

L'uniformità nell'area immediatamente circostante deve essere Uo ≥ 0,40.

Sull'area di sfondo, sulle pareti e sul soffitto, l'uniformità deve essere Uo ≥ 0,10.

Tali livelli di uniformità devono essere applicati soltanto con l'illuminazione elettrica.

I livelli di uniformità di illuminamento quando è disponibile la luce diurna non sono applicabili in quanto l'intensità e la distribuzione della luce varia continuamente a causa delle condizioni meteorologiche e del contesto esterno. Gli ulteriori benefici della luce diurna possono compensare la carenza di uniformità.

Figura 4 Esempio individuazione area del compito

Figura 4 – Esempio individuazione Area del compito

Calcolo e misura dell’illuminamento medio (UNI EN 12464-1:2021)

Caso Studio 1: ufficio tipo “open space”

Consideriamo che il nostro open space misuri 10x10x3 m, Le dimensioni massime della griglia devono essere:

p = 0,2 x 5log10(d) = 0,2 x 5log10(10) = 1                                                                                                                          

dove:

p ≤ 10 m

d è la dimensione più lunga dell'area di calcolo (m), tuttavia se il rapporto tra il lato più lungo e il lato più corto è uguale o maggiore di 2, allora d diventa la dimensione più corta dell'area, e p è la dimensione massima della cella della griglia (m).

Il numero di punti nella dimensione pertinente è dato dal numero intero più vicino a d/p.

Numero di punti = 10

L'interdistanza risultante tra i punti di griglia si utilizza per calcolare il numero intero più prossimo di punti di griglia nell'altra dimensione. Ciò da un rapporto tra lunghezza e larghezza di una cella di griglia prossimo a 1.

Figura 6 Esempio disposizione griglia di calcolo

[...] segue in allegato

Fonti
UNI EN 12464-1:2021 Luce e illuminazione - Illuminazione dei posti di lavoro - Parte 1: Posti di lavoro in interni
Analisi delle condizioni illuminotecniche nei luoghi di lavoro - C. Aghemo - Politecnico di Torino - etc.
Valutazione illuminazione artificiale - UNIVE

Certifico Srl - IT | Rev. 1.0 2024
Copia autorizzata Abbonati

Matrice revisioni

Rev. Data Oggetto Autore
1.0 04.03.2024 Aggiornamento UNI EN 12464-1:2021  Certifico Srl
0.0 17.10.2018 --- Certifico Srl

Acquista da STORE il documento in formato .docx

Collegati

Tags: Impianti Impianti elettrici Abbonati Impianti

Articoli correlati

Più letti Impianti

Ultimi archiviati Impianti

Apr 19, 2024 66

DPR 21 dicembre 1999 n. 551

DPR 21 dicembre 1999 n. 551 ID 21723 | 19.04.2024 DPR 21 dicembre 1999 n. 551 - Regolamento recante modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 26 agosto 1993, n. 412, in materia di progettazione, installazione, esercizio e manutenzione degli impianti termici degli edifici, ai fini del… Leggi tutto
Apr 17, 2024 96

Decreto legislativo 25 marzo 2024 n. 50

Decreto legislativo 25 marzo 2024 n. 50 ID 21707 | 17.04.2024 Decreto legislativo 25 marzo 2024 n. 50 - Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 8 novembre 2021, n. 208, recante il testo unico dei servizi di media audiovisivi in considerazione dell'evoluzione delle realta' del… Leggi tutto
Broadband Investment Handbook 2024
Mar 23, 2024 155

Broadband investment handbook 2024

Broadband investment handbook 2024 ID 21564 | 23.03.2024 This handbook aims to assist public authorities in planning, implementing, and monitoring broadband projects within their territories. It primarily addresses the deployment of access and backhaul segments of fixed broadband networks and the… Leggi tutto
Feb 22, 2024 188

Regolamento di esecuzione (UE) 2023/2633

Regolamento di esecuzione (UE) 2023/2633 ID 21408 | 22.02.2024 Regolamento di esecuzione (UE) 2023/2633 della Commissione, del 20 novembre 2023, che definisce la traiettoria di riempimento con obiettivi intermedi per il 2024 per ciascuno Stato membro dotato di impianti di stoccaggio sotterraneo di… Leggi tutto