Slide background
Certifico 2000/2021: Informazione Utile

/ Documenti disponibili: 24.555 *

/ Totale documenti scaricati: 13.110.526 *

Vedi Abbonamenti Promo: 2X, 3X, 4X, Full | 2021

* Dati in real-time da Aprile 2014 alla data odierna.
Slide background
Certifico 2000/2021: Informazione Utile

/ Documenti disponibili: 24.555 *

/ Totale documenti scaricati: 13.110.526 *

Vedi Abbonamenti Promo: 2X, 3X, 4X, Full | 2021

* Dati da Aprile 2014 alla data odierna.
Slide background
Certifico 2000/2021: Informazione Utile

Tutti i Software, Prodotti e Documenti Tecnici presenti sono elaborati direttamente

o selezionati su Norme Tecniche & Standards riconosciuti.


Vedi Abbonamenti Promo: 2X, 3X, 4X, Full | 2021
Slide background
Certifico 2000/2021: Informazione Utile

Tutti i Software, Prodotti e Documenti Tecnici presenti sono elaborati direttamente

o selezionati su Norme Tecniche & Standards riconosciuti.


Vedi Abbonamenti Promo: 2X, 3X, 4X, Full | 2021
Slide background
Certifico 2000/2021: Informazione Utile

Tutti i Software, Prodotti e Documenti Tecnici presenti sono elaborati direttamente

o selezionati su Norme Tecniche & Standards riconosciuti.


Vedi Abbonamenti Promo: 2X, 3X, 4X, Full | 2021
Slide background
Certifico 2000/2021: Informazione Utile

Tutti i Software, Prodotti e Documenti Tecnici presenti sono elaborati direttamente

o selezionati su Norme Tecniche & Standards riconosciuti.

Vedi Abbonamenti Promo: 2X, 3X, 4X, Full | 2021
Slide background
CEM4: certifico machinery directive

Il software per Direttiva macchine

da Marzo 2000

Promo Anniversary 21°
Slide background
Certifico 2000/2021: Informazione Utile

Tutti i Software, Prodotti e Documenti Tecnici presenti sono elaborati direttamente

o selezionati su Norme Tecniche & Standards riconosciuti.

Vedi Abbonamenti Promo: 2X, 3X, 4X, Full | 2021
Slide background
Certifico 2000/2020: Informazione Utile

Tutta la Documentazione presente è elaborata

o selezionata dalla nostra redazione su Standards riconosciuti.

Vedi i nostri abbonamenti e prodotti

RTV luoghi di lavoro a basso rischio di incendio

ID 9872 | | Visite: 4529 | News Prevenzioni IncendiPermalink: https://www.certifico.com/id/9872

RTV luoghi di lavoro a basso rischio di incendio

RTV luoghi di lavoro a basso rischio di incendio 

ID 9872 | Updade del 05.06.2020

CCTS 27/05/2020: Invito a formulare osservazioni alla bozza di decreto "criteri di progettazione, realizzazione ed esercizio della sicurezza antincendio per luoghi di lavoro a basso rischio di incendio" - minicodice

In allegato bozza decreto e Allegato "I Criteri di progettazione, realizzazione ed esercizio della sicurezza antincendio per luoghi di lavoro a basso rischio di incendio".

______

In preparazione una regola tecnica verticale (che sostituirà il DM 10 marzo 1998) sui luoghi di lavoro considerati a basso rischio di incendio e che sarà integrata nel DM 3 agosto 2015.

Norme molto più semplici per le piccole imprese e per gli esercizi commerciali, ossia per i luoghi di lavoro ritenuti a basso rischio di incendio. Inoltre, misure di prevenzione, di protezione e gestionali derivanti principalmente dalla valutazione del rischio incendi e raramente imposte da prescrizioni normative. Un'ulteriore rivoluzione è in preparazione nel campo della prevenzione incendi. I Vigili del Fuoco stanno riscrivendo nuovamente la normativa contenente i criteri per la valutazione del rischio incendi e la gestione delle emergenze nei luoghi di lavoro, destinata a soppiantare il vecchio DM 10 marzo 1998. Le novità di impatto sono molteplici e vanno inquadrate nell'ambito delle innovazioni che, negli ultimi mesi, hanno rafforzato la normativa del cosiddetto "Codice di prevenzione incendi" (DM 3 agosto 2015).

La normativa per i luoghi di lavoro a basso rischio, inoltre, non solo sta prendendo forma aderendo ai metodi più moderni del Codice - come il capo del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco, Fabio Dattilo, aveva anticipato, ma c'è di più: sarà parte integrante del DM 3 agosto 2015. Vi sarà inclusa infatti come nuova Regola tecnica verticale (Rtv). Questa andrà a regolare i luoghi di lavoro, come detto a basso rischio di incendio, e non rientranti tra le attività soggette a controllo da parte dei Vigili del Fuoco. Significa, dunque, che l'ingresso nel testo del 2015 della Rtv sui luoghi di lavoro comporterà un considerevole ampliamento del campo di applicazione del Codice.

Ormai la strada è segnata e con decisione: si vira verso l'utilizzo ampio del "Codice di prevenzione incendi", già diventato, lo scorso 20 ottobre, cogente per le attività cosiddette «soggette e non normate» (ossia per ben 42 delle 80 elencate nell'allegato I al DPR 151 del 2011), seppure con qualche limitazione per le modifiche e gli ampliamenti delle attività esistenti. Più nel dettaglio, la nuova Rtv andrà a definire alcuni parametri che individueranno i luoghi di lavoro classificabili a basso rischio.

È molto probabile che rientrino in questa categoria i luoghi di lavoro con affollamento complessivo non superiore a 50 occupanti, che rispettino al contempo alcuni limiti che la norma individuerà relativamente al carico di incendio specifico, alla superficie dell'attività, alla quota dei piani, alla detenzione di sostanze o miscele pericolose. L'obiettivo è regolare queste attività più "semplici" con una normativa più "snella" rispetto a quella contenuta nel DM 10 marzo 1998, dando maggior forza alle risultanze della valutazione del rischio. Se per le piccole attività la normativa è destinata dunque ad essere semplificata parecchio, diverso è il caso di quei luoghi di lavoro che non rientrano nei canoni che la Rtv andrà a definire per delineare il perimetro dei luoghi di lavoro classificabili a basso rischio. Si persegue il concetto di proporzionalità dell'azione tecnica rispetto ai rischi.

Per le attività, infatti, che non sono incluse in quel perimetro, e al contempo non rientrano nei limiti di assoggettabilità ai controlli dei Vigili del fuoco definiti dal DPR 151 del 2011 (allegato I), si andrà ad applicare l'intera Regola tecnica orizzontale (RTO) del Codice. Almeno questo è l'orientamento che - secondo i bene informati - sta guidando la definizione della nuova normativa. Risulterà a questo punto forse già palese che il nuovo orientamento, assunto con la direzione del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco da parte di Fabio Dattilo (a partire dal primo dicembre 2018), ha comportato l'abbandono della bozza di Dm, licenziata a novembre 2018 in sede di Comitato tecnico scientifico di prevenzione incendi (Ccts) (in allegato), con la quale erano già stati rielaborati i criteri per la valutazione del rischio antincendio e la gestione delle emergenze nei luoghi di lavoro. L'iter che porterà le nuove norme verso la pubblicazione in Gazzetta ufficiale è comunque ancora lungo. Salvo imprevisti, la bozza, dopo ulteriori riflessioni e limature, sarà presentata ai membri del Ccts, organo tecnico consultivo e propositivo istituito nell'ambito del Dipartimento dei Vigili del Fuoco. I membri del Ccts, tra cui siedono i rappresentanti delle professioni tecniche, potranno avanzare proposte di modifica.

Queste possono essere recepite, dopodiché, occorrerà almeno un'altra riunione del Ccts affinché la bozza possa essere licenziata definitivamente. Inoltre la norma, ovviamente, va concordata con il ministero del Lavoro. Prima dell'approdo in Gazzetta ufficiale c'è, poi, un altro importante passaggio: il provvedimento va notificato alla Commissione Ue, che con gli Stati membri verifica che dalle nuove norme non derivino ostacoli alla libera circolazione delle merci. Il tempo di "sosta" a Bruxelles è di tre mesi ma può raddoppiare (è raro) nel caso dovessero emergere osservazioni. La riscrittura del DM 10 marzo 1998 – va ricordato – è stata prevista dal D.Lgs 81 del 2008 che l'affida a un decreto interministeriale, firmato dal Viminale e dal ministero del Lavoro (il DM 10 marzo 1998 fa ancora riferimento al D.Lgs 626 del 1994). Più bozze sono state elaborate nel corso degli anni per aggiornare il decreto del 1998, poi puntualmente dimenticate e riscritte. Mai si è andati oltre la presentazione e l'approvazione dei testi in Ccts. Questa volta, però, data la decisione con cui si sta portando avanti un concreto cambiamento, è lecito pensare che possano esserci maggiori chance di successo.

Nella Fig. 1 seguente un diagramma (indicativo) per la possibile suddivisione delle norme applicabili per la Valutazione del rischio antincendio e la gestione delle emergenze nei luoghi di lavoro:

 Livello rischio incendio basso luoghi di lavoro

Fig. 1 - Norme applicabili per la Valutazione del rischio antincendio e la gestione delle emergenze nei luoghi di lavoro (su indicazioni alla data news)

Fonte: CNI
Il Sole 24 ore

Collegati



Tags: Prevenzione Incendi Abbonati Prevenzione Incendi

Ultimi inseriti

Regolamento delegato UE 2021 1691
Set 22, 2021 7

Regolamento delegato (UE) 2021/1691

Regolamento delegato (UE) 2021/1691 Regolamento delegato (UE) 2021/1691 della Commissione del 12 luglio 2021 che modifica l’allegato II del regolamento (UE) 2018/848 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le prescrizioni relative alla tenuta delle registrazioni da parte degli… Leggi tutto
Primo rapporto attivazioni snpa in situazioni di emergenza
Set 22, 2021 10

Primo rapporto attivazioni SNPA in situazioni di emergenza

Primo rapporto attivazioni SNPA in situazioni di emergenza Il primo rapporto sulle attivazioni del Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente (SNPA) in situazioni di emergenza è stato elaborato dall’ISPRA, con la collaborazione dei referenti della Rete operativa SNPA per le emergenze… Leggi tutto
Set 21, 2021 32

Legge 16 settembre 2021 n. 125

in News
Legge 16 settembre 2021 n. 125 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 20 luglio 2021, n. 103, recante misure urgenti per la tutela delle vie d'acqua di interesse culturale e per la salvaguardia di Venezia, nonche' disposizioni urgenti per la tutela del lavoro. (GU n.224 del… Leggi tutto
Regolamento di esecuzione UE 2021 1688
Set 21, 2021 27

Regolamento di esecuzione (UE) 2021/1688

Regolamento di esecuzione (UE) 2021/1688 Regolamento di esecuzione (UE) 2021/1688 della Commissione del 20 settembre 2021 che modifica il regolamento di esecuzione (UE) 2020/1201 per quanto riguarda gli elenchi delle piante ospiti e delle piante specificate e i metodi di prova per l’identificazione… Leggi tutto
UNI TR 11331 2021
Set 20, 2021 28

UNI/TR 11331:2021

UNI/TR 11331:2021 Sistemi di gestione ambientale - Indicazioni relative all'applicazione della UNI EN ISO 14001 in Italia, formulate a partire dalle criticità emerse e dalle esperienze pratiche Il rapporto tecnico fornisce indicazioni riguardanti l'applicazione, in Italia, dei sistemi di gestione… Leggi tutto

Ultimi Documenti Abbonati