Slide background
Slide background




Nota MATTM 28 febbraio 2018 n. 3222

ID 5728 | | Visite: 3849 | Documenti Chemicals EntiPermalink: https://www.certifico.com/id/5728

Fattori M

Fattori M applicabilità determinazione tossicità sostanze miscele contenenti rame

Nota MATTM 28 febbraio 2018 n. 3222

OGGETTO: chiarimenti interpretativi in tema di classificazione dei rifiuti alla luce delle disposizioni di cui al Regolamento (UE) 2016/1179.

II fattore M di cui al Regolamento 2016/1179/UE (modifica del Regolamento CLP), applicabile dal 1° marzo 2018, alle sostanze e miscele contenenti composti del rame, è obbligatorio per la determinazione della tossicità acuta.

II fattore M al contrario, non risulta obbligatorio per la determinazione della tossicità cronica delle medesime sostanze e miscele.

La nota 28 febbraio 2018, n. 3222 del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare,  si è reso necessario a causa della discordanza tra la versione in lingua italiana e quella in lingua inglese del Regolamento:

-  la versione italiana prevede la non applicabilità dei nuovi fattori M per le sostanze contenenti rame sia per la determinazione della tossicità acuta che cronica;

mentre

- la versione inglese prevede la non applicabilità dei nuovi fattori M per la sola tossicità acuta.

Nelle ipotesi di discordanza tra due versioni, prevale sempre la versione in lingua inglese.

...

Estratto Nota

Il 19 luglio 2016 la Commissione europea ha emanato il regolamento (UE) N. 2016/1179 “recante modifica, ai fini dell’adeguamento al progresso tecnico e scientifico, del regolamento (CE) n. 1272/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alla classificazione, all’etichettatura e all’imballaggio delle sostanze e delle miscele”.

Il regolamento 2016/1179 (di seguito “regolamento”) ha modificato la tabella 3.1 dell’allegato VI, parte 3, del regolamento (CE) n. 1272/2008 ed ha soppresso la tabella 3.2 del medesimo allegato.

Il regolamento, in vigore dal 9 agosto 2016, si applica a decorrere dal 1° marzo 2018 in tutti gli Stati Membri dell’Unione europea.

L’applicazione dal prossimo 1° marzo della nuova tabella 3.1 dell’allegato VI del regolamento rischia di non avvenire in maniera uniforme nel paese a causa di possibili differenti interpretazioni del testo e delle tabelle del regolamento.

Al fine di fornire una adeguata risposta alle richieste pervenute a questa Direzione generale dalle associazioni di settore, si forniscono di seguito i chiarimenti interpretativi utili ad assicurare un’applicazione armonizzata del nuovo regolamento comunitario su tutto il territorio nazionale.

E’ infatti presente una discrepanza tra la versione italiana ed inglese del quinto considerando del regolamento relativamente alle sostanze contenenti rame.

Lo stesso riporta nella versione italiana: “... I proposti fattori- M non dovrebbero tuttavia essere inclusi poiché richiedono un'ulteriore valutazione da parte del RAC, alla luce dei dati scientifici sulla tossicità per l'ambiente acquatico forniti dall'industria dopo che la valutazione del RAC era stata presentata alla Commissione.”

Nella versione inglese il testo è invece il seguente: “... However, the proposed M-factors for long-term aquatic hazard should not be included since they require further assessment by RAC in view of scientific data on aquatic toxicity presented by industry after the RAC opinion was forwarded to the Commission.”

Nel testo italiano manca quindi erroneamente il riferimento alla “tossicità acquatica cronica (long term acquatic hazard)” alla quale, secondo il testo inglese, non dovrebbe applicarsi il fattore M introdotto invece dal regolamento (vedi tabella 3.1 alle voci relative ai composti del rame) per la sola tossicità acuta.

La mancanza nella versione italiana della predetta parte di testo implicherebbe infatti che la non applicabilità dei fattori M dovrebbe essere introdotta dal regolamento per entrambi i tipi di tossicità, tanto per l’acuta quanto per la cronica. Ciò determina ovviamente una discrepanza con la tabella 3.1 del regolamento che riporta invece il fattore M per la sola tossicità acuta (vedi ad esempio il fattore M=100 riportato solo una volta per l’Ossido di rame I e l’Ossido di rame II).

A tal riguardo occorre chiarire che la versione del regolamento che viene predisposta, approvata e votata dagli Stati Membri è esclusivamente la versione inglese ed è a questa cui bisogna riferirsi nel caso in cui vi siano discordanze tra la versione inglese e quella italiana.

Inoltre la corretta interpretazione del regolamento in merito all’applicabilità del fattore M alla sola tossicità “acuta” è stata fornita dall’Agenzia Europea delle sostanze chimiche in risposta ad un apposito quesito posto dall’ARPA Lombardia. L’ECHA ha infatti confermato che “it is obligatory to use the M-factor proposed by the RAC for short-term aquatic hazard. […]. The M factors proposed by the RAC are not compulsory for long-term aquatic hazard, …”

Alla luce delle predette considerazioni e con riferimento al testo inglese del quinto considerando del regolamento UE 2016/1179, questa Direzione ritiene di poter aderire al parere espresso dall’ECHA secondo cui l’uso del fattore M è “obligatory”, obbligatorio, per la determinazione della sola tossicità acuta delle sostanze e miscele contenenti composti del rame, mentre non è (“compulsory”) obbligatorio, per la determinazione della tossicità cronica delle medesime sostanze e miscele.

Fonte: MATTM

Collegati:

Pin It

Tags: Chemicals Regolamento CLP

Articoli correlati

Ultimi archiviati Chemicals

Practical Guide on Biocidal Products Regulation
Nov 15, 2019 119

Practical Guide on Biocidal Products Regulation

Practical Guide on Biocidal Products Regulation The basic principle in the Biocidal Products Regulation ((EU) No 528/2012 (BPR)) is that a biocidal product (BP) must be authorised before it can be made available on the market or used in the European Union (EU)/ European Economic Area (EEA). This… Leggi tutto
Rettifica Decreto 9 maggio 2019 n  72
Nov 14, 2019 201

Rettifica Decreto 9 maggio 2019 n. 72

Rettifica decreto del Ministro della salute 9 maggio 2019 n. 72 Avviso di rettifica - Comunicato relativo al decreto del Ministro della salute 9 maggio 2019, n. 72 concernente il «Regolamento recante l'aggiornamento al decreto del Ministro della sanita' 21 marzo 1973, recante: "Disciplina igienica… Leggi tutto
RapportoISTISAN 1918
Nov 11, 2019 98

Metalli in prodotti cosmetici | Valutazione dei rischi per la salute

Metalli in prodotti cosmetici: procedure raccomandate per la determinazione e valutazione dei rischi per la salute ISTISAN 19/18 Il Regolamento (CE) 1223/2009 sui prodotti cosmetici contiene le disposizioni armonizzate per proteggere la salute dei consumatori (art. 3) e garantire il buon… Leggi tutto
Regolamento CE  428 2009
Nov 08, 2019 105

Regolamento (CE) N. 428/2009

Regolamento (CE) N. 428/2009 Regolamento (CE) N. 428/2009 del Consiglio del 5 maggio 2009 che istituisce un regime comunitario di controllo delle esportazioni, del trasferimento, dell’intermediazione e del transito di prodotti a duplice uso GU L 134/1 del 29.5.2009 Data di entrata in… Leggi tutto
Micotossine alimenti
Ott 30, 2019 99

Relazione controllo delle micotossine negli alimenti | anno 2018

Relazione riguardante il controllo delle micotossine negli alimenti anno 2018 A cura di Ministero della Salute Anno 2019 Il Ministero della Salute, in collaborazione con l’Istituto superiore di sanità, ha predisposto a partire dall’anno 2016 il Piano nazionale di controllo ufficiale delle… Leggi tutto

Più letti Chemicals

Regolamento  CE  852 2004
Mar 06, 2019 22066

Regolamento (CE) N. 852/2004

Regolamento (CE) N. 852/2004 Regolamento (CE) N. 852/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio del 29 aprile 2004 sull'igiene dei prodotti alimentari GU L 139/1 del 30.4.2004 Testo consolidato 2009Modificato da: Regolamento (CE) n. 1019/2008 della Commissione del 17 ottobre 2008 (GU L 277 7… Leggi tutto
Mar 02, 2019 21066

Regolamento (CE) n. 2023/2006 (Regolamento GMP)

Regolamento (CE) n. 2023/2006 Regolamento (CE) N. 2023/2006 della Commissione del 22 dicembre 2006 sulle buone pratiche di fabbricazione dei materiali e degli oggetti destinati a venire a contatto con prodotti alimentari (Regolamento GMP - Good Manufacturing Practices) ... Il presente regolamento… Leggi tutto