Slide background
Slide background




Le sostanze perfluoroalchiliche: PFOS e PFOA

ID 10999 | | Visite: 645 | Documenti Chemicals Min. SalutePermalink: https://www.certifico.com/id/10999

Le sostanze perfluoroalchiliche PFOS e PFOA

Le sostanze perfluoroalchiliche: PFOS e PFOA

ID 10999 | 15.06.2020

Informazioni generali

PFOS (acido perfluoroottansulfonico) e PFOA (acido perfluoroottanoico) appartengono alla famiglia delle sostanze organiche perfluoroalchiliche (PFAS). PFOA e PFOS sono composti chimici, prodotti dall’uomo e pertanto non presenti naturalmente nell’ambiente, stabili, contenenti lunghe catene di carbonio, per questo impermeabili all’acqua e ai grassi. Grazie alle loro caratteristiche essi vengono utilizzati in prodotti industriali e di consumo per aumentare la resistenza alle alte temperature, grassi e acqua, di tessuti, tappeti ed abbigliamento, rivestimenti di carta ad uso alimentare, di pentole antiaderenti, nonché in schiume antincendio. PFOA e PFOS sono composti persistenti, ossia permangono per periodi prolungati nell’ambiente in seguito al rilascio e pertanto alcune Ditte hanno previsto l’interruzione della produzione e la sostituzione di PFOA e PFOS, cambiando i processi di produzione, riducendo il rilascio e il livello di questi composti nei loro prodotti.

Fonti di contaminazione e vie di esposizione per l’uomo

In seguito al rilascio durante la fabbricazione, l’uso e lo smaltimento dei prodotti che li contengono, PFOA e PFOS essendo chimicamente stabili nell’ambiente e resistenti ai tipici processi di degradazione risultano essere persistenti e presenti sia nel suolo, che nell’aria e nell’acqua. Essi sono in grado di rimanere nell’aria per giorni e di essere trasportati prima di cadere sul suolo. Qui essi si muovono facilmente attraverso terreni sotterranei dove possono percorrere lunghe distanze e contaminare le acque. Le principali fonti di esposizione possono essere l’ingestione di acqua potabile contaminata o di cibi con alti livelli di questi composti (ad esempio, pesce e frutti di mare) o contaminati da imballaggi che li contengano.

La popolazione generale può essere anche esposta attraverso l’inalazione di aria contenente polveri o contatto di superfici o suoli contaminati, principalmente nei bambini. Nelle industrie che hanno prodotto o utilizzato PFOA e PFOS, i lavoratori possono essere stati esposti a quantità elevate e riscontrato alti livelli di queste sostanze nel sangue. La popolazione residente in località vicino a tali impianti può essere stata esposta attraverso acqua potabile e/o dieta.

Effetti sulla salute

Studi sull'uomo hanno fornito risultati non coerenti sulle possibili relazioni tra i livelli di PFOA e PFOS nel sangue e gli effetti avversi sulla salute e la loro interpretazione è resa ancora più difficile dalla presenza di fattori confondenti presenti nella popolazione generale (ad esempio, stili di vita). Gli studi disponibili suggeriscono che un maggiore livello ematico.

Le sostanze perfluoroalchiliche: PFOS e PFOA cora più difficile dalla presenza di fattori confondenti presenti nella popolazione generale (ad esempio, stili di vita). Gli studi disponibili suggeriscono che un maggiore livello ematico di PFOA e PFOS possa essere associato ad un aumento di livelli di colesterolo nel sangue, di acido urico ed ad un aumentato rischio di pressione alta.

Il principale organo bersaglio sembra essere il fegato anche in studi effettuati sugli animali. Pur essendo disponibili numerosi studi su diverse specie animali, l’estrapolazione di tali dati all’uomo è particolarmente difficile per le significative differenze nel destino di tali sostanze all’interno dell’organismo e nel modo in cui queste provocano tossicità. Sebbene alcuni studi abbiano suggerito una possibile correlazione con tumori testicolari e renali, a causa di incongruenze osservate, non è stato possibile concludere in modo definitivo circa il legame tra l'esposizione a PFOA e PFOS e il cancro nell’uomo.

Gli effetti riscontrati in tali studi sono stati interpretati con cautela in quanto non costantemente evidenziati, sia su lavoratori che sulla popolazione generale rispettivamente esposti a livelli elevati o più bassi di questi composti, non considerando altri potenziali fattori di rischio, quali il fumo. Gli studi sugli animali hanno evidenziato un aumento di alcuni tipi di tumori a carico del fegato, testicolo, e tiroide. Esistono tuttavia delle incertezze sulla rilevanza per l’uomo nel modo in cui tali sostanze inducano il tumore nell’animale ed inoltre è importante considerare che l’aumento di questi tipi di tumore nell’animale è correlato ad una esposizione prolungata a dosi elevate. Per queste ragioni, PFOS ed in particolar modo PFOA sono state oggetto di valutazione a livello IARC (International Agency for Research on Cancer) e US EPA (USA Environmental Protection Agency) per il loro potenziale cancerogeno.

Valori guida

L’OMS non ha ad oggi indicato valori guida per i PFAS in generale nell’acqua potabe che possano essere recepiti a livello di Comunità Europea.

Concentrazioni massime tollerabili di PFOA e PFOS nell’acqua potabile sono state proposte a livello internazionale:

- per l’ US EPA sono state considerate 0,2-0,4 μg/L concentrazioni limite per esposizione per periodi limitati rispettivamente a PFOS e PFOA.

Min Salute - 2016

Collegati



Tags: Chemicals Abbonati Chemicals Regolamento POPs

Articoli correlati

Ultimi archiviati Chemicals

Ott 20, 2020 47

D.P.R. 10 settembre 1982 n. 904

D.P.R. 10 settembre 1982 n. 904 Attuazione della direttiva (CEE) n. 76/769 relativa alla immissione sul mercato ed all'uso di talune sostanze e preparati pericolosi. (GU n.336 del 7-12-1982) In allegato testo consolidato 2020 Collegati[box-note]Direttiva 76/769/CEERegolamento (CE) n. 1907/2006… Leggi tutto
Ott 19, 2020 49

Direttiva 76/769/CEE

Direttiva 76/769/CEE Direttiva 76/769/CEE del Consiglio, del 27 luglio 1976, concernente il ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative degli Stati Membri relative alle restrizioni in materia di immissione sul mercato e di uso di talune sostanze e preparati… Leggi tutto
Ott 19, 2020 31

Direttiva 2002/62/CE

Direttiva 2002/62/CE Direttiva 2002/62/CE della Commissione, del 9 luglio 2002, che adegua al progresso tecnico per la nona volta l'allegato I alla direttiva 76/769/CEE del Consiglio concernente il ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative degli Stati membri… Leggi tutto
EU chemical strategy
Ott 14, 2020 51

EU Chemicals Strategy for Sustainability

EU Chemicals Strategy for Sustainability 14.10.2020 - Chemicals Strategy for Sustainability Towards a Toxic-Free Environment La Commissione europea ha pubblicato una strategia per la sostenibilità delle sostanze chimiche il 14 ottobre 2020. Fa parte del progetto inquinamento zero dell'UE, che è un… Leggi tutto
IARC monograpsh 100C
Ott 03, 2020 239

IARC monographs 100C

IARC monograpsh 100C Arsenic, metals, fibres, and dusts Soon after IARC was established in 1965, it received frequent requests for advice on the carcinogenic risk of chemicals, including requests for lists of known and suspected human carcinogens. It was clear that it would not be a simple task to… Leggi tutto
EIGA 233 20
Set 30, 2020 99

Emergency response planning

Emergency Response Planning Doc. EIGA 233/20 Companies are required to take reasonable measures to prevent emergency situations such as fires or leaks from happening, but emergencies are still possible on any site. Every site should therefore have an emergency plan and the necessary resources in… Leggi tutto

Più letti Chemicals

Regolamento  CE  n  178 2002
Feb 28, 2020 36672

Regolamento (CE) N. 178/2002

Regolamento (CE) n. 178/2002 Regolamento (CE) n. 178/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio del 28 gennaio 2002 che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l'Autorità europea per la sicurezza alimentare e fissa procedure nel campo della sicurezza… Leggi tutto
Regolamento  CE  852 2004
Mar 06, 2019 29911

Regolamento (CE) N. 852/2004

Regolamento (CE) N. 852/2004 Regolamento (CE) N. 852/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio del 29 aprile 2004 sull'igiene dei prodotti alimentari GU L 139/1 del 30.4.2004 Testo consolidato 2009Modificato da: Regolamento (CE) n. 1019/2008 della Commissione del 17 ottobre 2008 (GU L 277 7… Leggi tutto