Slide background
Slide background




Relazione UE: CLP Informazioni armonizzate risposta emergenza sanitaria

ID 9939 | | Visite: 1280 | Documenti Chemicals UEPermalink: https://www.certifico.com/id/9939

Study on workability 1272 2008

Relazione UE: CLP Informazioni armonizzate risposta emergenza sanitaria

EU, 23.01.2020

Questa è la relazione finale (EN) per uno studio su questioni di lavorabilità relative all'attuazione dell'allegato VIII del regolamento (CE) n. 1272/2008 relativo alle informazioni armonizzate relative alla risposta di emergenza sanitarie misure preventive. 

Contesto

Ai sensi del regolamento CLP, gli Stati membri sono tenuti a istituire organismi designati per la ricezione informazioni rilevanti per la risposta sanitaria in caso di emergenza, comprese le miscele pericolose inserite il mercato dell'UE da parte degli importatori e degli utenti a valle. A seconda del paese dell'UE, dei medici, gli utenti professionali e i consumatori possono contattare questi organismi designati e / o centri antiveleni per ottenere raccomandazioni per cure mediche in caso di avvelenamento.

Il regolamento (UE) 2017/542 ha modificato il regolamento CLP aggiungendo l'allegato VIII armonizzato informazioni relative alla risposta sanitaria di emergenza. Richiede alle aziende di fornire uniformi informazioni sulla composizione del prodotto e sulla creazione di un identificatore univoco del prodotto (UFI), consentendo ai centri antiveleni di identificare esattamente il prodotto in caso di incidente avvelenamento, portando a una risposta medica migliore e più appropriata.

In vista della messa a punto e della votazione sul regolamento (UE) 2017/542, un certo numero di settori settori hanno sollevato preoccupazioni su potenziali problemi di lavorabilità. Per alcuni settori, disposizioni specifiche sono stati ripresi nel progetto di testo giuridico. Tuttavia, in una fase molto avanzata, le preoccupazioni in merito la lavorabilità è stata sollevata da numerosi altri settori. È stato concordato nel comitato di regolamentazione votare il progetto di testo giuridico, a condizione che la Commissione si sia impegnata a studiarli problemi di lavorabilità e modifica del regolamento se ritenuto necessario.

Obiettivi

Gli obiettivi di questo studio erano:

i) analizzare la fattibilità di talune disposizioni dell'allegato VIII del regolamento CLP in relazione ad alcune industrie con input di materiali complessi e catene di approvvigionamento; e
ii) Indagare e proporre opzioni per affrontare i problemi di lavorabilità sollevati da alcuni parti interessate, se confermate, senza perdere le informazioni necessarie per la nomina organismi / centri antiveleni per svolgere le proprie funzioni conformemente all'articolo 45 del CLP.

Lo studio ha comportato un'ampia consultazione con l'industria e con le autorità (centri antiveleni, organismi designati, autorità competenti, ECHA) in relazione a questioni di fattibilità sollevate dal seguenti settori:

- Prodotti petroliferi
- Gas industriali
- Prodotti da costruzione (disaggregati in materiali cementizi e altre costruzioni prodotti)
- Vernici
- Fragranze
- Saponi e detergenti
- Altri

Allegato VIII

- Valutare i benefici relativi a informazioni migliori e più dettagliate per le emergenze risposta alla salute e azione preventiva

La presente relazione illustra dapprima il significato degli incidenti di avvelenamento in numerosi membri Stati per i settori industriali di cui sopra, nonché le esigenze dei centri antiveleni. Quindi, per ciascuno settore, le informazioni sono fornite su quanto segue:

- Una panoramica del settore
- Problemi di lavorabilità sollevati dal settore
- Gli impatti di tali problemi di lavorabilità
- Suggerimenti del settore su possibili soluzioni a tali problemi di lavorabilità
- Feedback delle parti interessate sui problemi di lavorabilità

Il rapporto riguarda anche le miscele che sono integrate da un formulatore a valle in un settore industriale costituire una miscela per uso professionale / di consumatore ("miscela finale"). La Commissione l'interpretazione è che tali miscele devono essere considerate miscele per il consumatore / professionista uso. Pertanto non possono beneficiare delle disposizioni sulla "presentazione limitata" per uso industriale miscele, né il termine di notifica successivo (2024 rispetto al 2020/2021 per miscele consumatore / professionista). L'industria ha sollevato questo problema in termini di complessità e capacità di rispettare i tempi disponibili.

Il rapporto considera le catene di approvvigionamento interessate da questo problema delle "miscele in miscele" (MIM) e la portata del problema. Considera la differenza nelle informazioni disponibili per la salute di emergenza risposta se si applicano le disposizioni sulla presentazione limitata, vale a dire limitare le informazioni sulla miscela composizione a quella inclusa nelle schede di sicurezza. Considera anche la possibile esenzione di miscele dalla notifica, dovute alla diluizione della miscela nella miscela finale o a causa di la miscela finale è esente dal regolamento CLP (come con i cosmetici).

Nel complesso, i problemi di lavorabilità identificati sono stati inclusi in una delle seguenti cinque categorie:

- Variazione del prodotto dovuta alla variazione naturale / incrementale dei componenti della miscela
- Incapacità di conoscere la composizione esatta in catene di approvvigionamento complesse / con miscelazione a multipli stadi
- Fornitori multipli di componenti della miscela con "stesse" proprietà tecniche e pericoli
- Limitazioni all'uso degli approcci per la presentazione di gruppi
- Miscele in miscele - Uso industriale vs uso professionale / consumatore

...

Fonte: EU

Collegati:

Tags: Chemicals Regolamento CLP Abbonati Chemicals

Articoli correlati

Ultimi archiviati Chemicals

Giu 24, 2022 34

Regolamento (UE) 2021/2142

Regolamento (UE) 2021/2142 Regolamento (UE) 2021/2142 della Commissione del 3 dicembre 2021 che modifica il regolamento (CE) n. 1881/2006 per quanto riguarda i tenori massimi di alcaloidi oppiacei in alcuni prodotti alimentari. (GU L 433 del 6.12.2021) Collegati[box-note]Regolamento (CE) n.… Leggi tutto
Faster action on groups of harmful chemicals
Giu 17, 2022 73

ECHA - Integrated Regulatory Strategy (IRS) Annual Report 2021

ECHA - Integrated Regulatory Strategy (IRS) Annual Report 2021 Faster action on groups of harmful chemicals - Integrated Regulatory Strategy Annual Report June 2022 Helsinki, 17 giugno 2022 È stato pubblicato il quarto rapporto dell'ECHA nell'ambito della sua strategia di regolamentazione… Leggi tutto
Mag 31, 2022 94

Decreto 11 ottobre 2001

Decreto 11 ottobre 2001 Condizioni per l'utilizzo dei trasformatori contenenti PCB in attesa della decontaminazione o dello smaltimento. (GU n.255 del 02.11.2001) Collegati
D.P.R. 24 maggio 1988, n. 216Decreto Legislativo 22 maggio 1999 n. 209
Leggi tutto
Mag 31, 2022 110

D.P.R. 24 maggio 1988, n. 216

D.P.R. 24 maggio 1988, n. 216 Attuazione della direttiva CEE n. 85/467 recante sesta modifica (PCB/PCT) della direttiva CEE n. 76/769 concernente il ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative degli Stati membri relative alle restrizioni in materia di immissione… Leggi tutto
Mag 30, 2022 144

Regolamento delegato (UE) 2022/825

Regolamento delegato (UE) 2022/825 Regolamento delegato (UE) 2022/825 della Commissione del 17 marzo 2022 che modifica l’allegato II del regolamento delegato (UE) n. 1062/2014 relativo al programma di lavoro per l’esame sistematico di tutti i principi attivi esistenti contenuti nei biocidi di cui… Leggi tutto
Mag 30, 2022 100

Regolamento (CE) n. 907/2006

Regolamento (CE) n. 907/2006 Regolamento (CE) n. 907/2006 della Commissione, del 20 giugno 2006, che modifica il regolamento (CE) n. 648/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo ai detergenti ai fini di un adeguamento degli allegati III e VII. (GU L 168, 21.6.2006)… Leggi tutto

Più letti Chemicals

Regolamento  CE  n  178 2002
Mar 17, 2022 64805

Regolamento (CE) N. 178/2002

Regolamento (CE) n. 178/2002 Regolamento (CE) n. 178/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio del 28 gennaio 2002 che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l'Autorità europea per la sicurezza alimentare e fissa procedure nel campo della sicurezza… Leggi tutto