Slide background
Slide background




Fumi di saldatura: classificazione IARC da 2B a 1 (cancerogeni)

ID 9147 | | Visite: 4688 | News ChemicalsPermalink: https://www.certifico.com/id/9147

 Fumi di saldatura Classe 1 IARC

Fumi di saldatura: riclassificazione IARC da classe 2B (possibili cancerogeni) a classe 1 (cancerogeni)

ID 9147 | 23.09.2019

In allegato IARC Monograph 118 (2018), IARC Monograph 49 (1990) e Scheda fumi di saldatura "Dors" Regione Piemonte (Abbonati).

I fumi di saldatura sono classificati nella IARC Monograph 118 Welding, Molybdenum Trioxide, and Indium Tin Oxide (2018) che ha aggiornato la IARC Monograph 49 Chromium, Nickel and Welding (1990).

I fumi di saldatura sono stati riclassificati come "cancerogeni" per l'uomo (Gruppo 1) nel 2018 (IARC Monograph 118), classificazione aggiornata dalla precedente come "possibili cancerogeni" per l'uomo (Gruppo 2B) del 1989 (IARC 49, 1990).

La classificazione dei fumi di saldatura è stata aggiornata quindi da classe 2B a classe 1; nel processo di saldatura, che da origine ai fumi, sono state prese in considerazione, per la prima volta, anche le radiazioni ultraviolette, la nuova valutazione porta la classificazione dei fumi di saldatura a "cancerogeni" per l'uomo (Gruppo 1), in linea con le precedenti valutazioni delle radiazioni ultraviolette come cancerogene per l'uomo. (Monographs IARC, Volume 100D - 2012). 

La monografia IARC 118 tratta anche il triossido di molibdeno e l'ossido di indio-stagno, utilizzati nella produzione di display a cristalli liquidi, touch screen, pannelli solari e fotovoltaici, che non erano stati finora valutati nella monografia IARC 49. 

L'esposizione si verifica principalmente in contesti professionali in cui l'ossido di indio-stagno viene prodotto o trattato, o dove l'indio elementare viene riciclato e recuperato dall'ossido di indio-stagno. L'ossido di indio è diventato un'esposizione professionale di interesse agli inizi degli anni 2000, quando si sono riscontrati una serie di casi riportati da lavoratori giapponesi con malattia polmonare interstiziale e fibrosi polmonare correlata all'esposizione all'indio.

IARC Monograph 118 Welding, Molybdenum Trioxide, and Indium Tin Oxide (2018)

IARC Monograph 118

Questo volume delle monografie IARC fornisce valutazioni sulla cancerogenicità dei fumi di saldatura, triossido di molibdeno e ossido di indio-stagno.

In tutto il mondo, si stima che 11 milioni di lavoratori abbiano un titolo professionale di saldatore e circa 110 milioni di lavoratori addizionali probabilmente subiscono esposizioni legate alla saldatura. 

La saldatura può comportare esposizioni a fumi, gas, radiazioni ultraviolette e campi elettromagnetici e co-esposizioni ad amianto e solventi. L'entità e il tipo di esposizione possono dipendere dal processo utilizzato, dal materiale saldato, dalla ventilazione, dal grado di protezione e dall'uso della protezione personale.

Il triossido di molibdeno, che si presenta raramente in modo naturale, è una sostanza chimica ad alto volume di produzione che viene utilizzata principalmente nella produzione di acciaio, ma anche nei biocidi e nella tecnologia fotovoltaica. La maggior parte delle esposizioni professionali si verificano nel settore minerario e metallurgico, nelle fonderie di acciaio, nella saldatura e in altri processi ad alta temperatura usando l'acciaio.

L'ossido di indio-stagno, che non si trova in natura, è una sostanza chimica a basso volume di produzione che è una miscela di ossido di indio e ossido di stagno. Viene utilizzato principalmente nella produzione di film conduttivi trasparenti su pannelli di vetro o plastica utilizzati in dispositivi elettronici. L'esposizione all'ossido di indio-stagno si verifica principalmente in ambito professionale, durante la produzione e la lavorazione o durante il riciclo dell'indio elementare. Poiché l'uso, il riciclaggio e lo smaltimento dell'elettronica aumentano in tutto il mondo, anche le esposizioni all'indio nei paesi a basso e medio reddito in cui si verifica il riciclaggio elettronico informale dovrebbero aumentare.

Un gruppo di lavoro sulle monografie IARC ha esaminato le prove epidemiologiche, i biotest sugli animali e i dati meccanicistici e altri dati pertinenti per giungere alla conclusione che l'esposizione a questi agenti è rischio cancerogeno per l'uomo.

Collegati

Pin It


Tags: Sicurezza lavoro Rischio chimico Abbonati Sicurezza

Ultimi archiviati Chemicals

DDT
Ott 11, 2019 80

Para-diclorodifeniltricloroetano (DDT): R40 possibilità di effetti cancerogeni

Para-diclorodifeniltricloroetano (DDT): R40 possibilità di effetti cancerogeni ID 9263 | 11.10.2019 Il para-diclorodifeniltricloroetano o DDT è un solido incolore altamente idrofobico, con un leggero odore di composto aromatico clorurato; è quasi insolubile nell'acqua ma ha una buona solubilità… Leggi tutto
Ott 11, 2019 58

Regolamento delegato (UE) 2019/1701

Regolamento delegato (UE) 2019/1701 della Commissione del 23 luglio 2019 recante modifica degli allegati I e V del regolamento (UE) n. 649/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio sull’esportazione e importazione di sostanze chimiche pericolose GU L 206/1 dell'11.10.2019 Entrata in vigore:… Leggi tutto
Ott 10, 2019 88

Regolamento (CE) n. 1354/2007

Regolamento (CE) n. 1354/2007 Regolamento (CE) n. 1354/2007 del Consiglio, del 15 novembre 2007 , che adegua il regolamento (CE) n. 1907/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, concernente la registrazione, la valutazione, l’autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche (REACH), a… Leggi tutto
Regolamento di esecuzione  2019 1692
Ott 10, 2019 71

Regolamento di esecuzione (UE) 2019/1692

Regolamento di esecuzione (UE) 2019/1692 | Regime transitorio per le sostanze soggette a un regime transitorio Regolamento di esecuzione (UE) 2019/1692 della Commissione del 9 ottobre 2019 relativo all’applicazione di talune disposizioni del regolamento (CE) n. 1907/2006 del Parlamento europeo e… Leggi tutto
Decreto legislativo 16 marzo 2006 n  158
Ott 08, 2019 66

Decreto legislativo 16 marzo 2006 n. 158

Decreto legislativo 16 marzo 2006 n. 158 Attuazione della direttiva 2003/74/CE, concernente il divieto di utilizzazione di talune sostanze ad azione ormonica, tireostatica e delle sostanze beta-agoniste nelle produzioni animali. (GU Serie Generale n.98 del 28-04-2006) Entrata in vigore del… Leggi tutto
Decreto 18 giugno 2019 n  108
Ott 07, 2019 113

Decreto 18 giugno 2019 n. 108

Decreto 18 giugno 2019 n. 108 Regolamento recante modifica degli allegati II, III, III B e IV del decreto legislativo 8 luglio 2003, n. 224, relativo all'attuazione della direttiva 2001/18/CE concernente l'emissione deliberata nell'ambiente di organismi geneticamente modificati, in conformita' alla… Leggi tutto
Regolamento UE20191390
Set 26, 2019 291

Regolamento (UE) 2019/1390

Regolamento (UE) 2019/1390 Regolamento (UE) 2019/1390 della Commissione del 31 luglio 2019 recante modifica dell’allegato del regolamento (CE) n. 440/2008 che istituisce dei metodi di prova ai sensi del regolamento (CE) n. 1907/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio concernente la… Leggi tutto

Più letti Chemicals

Regolamento  CE  852 2004
Mar 06, 2019 20319

Regolamento (CE) N. 852/2004

Regolamento (CE) N. 852/2004 Regolamento (CE) N. 852/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio del 29 aprile 2004 sull'igiene dei prodotti alimentari GU L 139/1 del 30.4.2004 Testo consolidato 2009Modificato da: Regolamento (CE) n. 1019/2008 della Commissione del 17 ottobre 2008 (GU L 277 7… Leggi tutto
Mar 02, 2019 19936

Regolamento (CE) n. 2023/2006 (Regolamento GMP)

Regolamento (CE) n. 2023/2006 Regolamento (CE) N. 2023/2006 della Commissione del 22 dicembre 2006 sulle buone pratiche di fabbricazione dei materiali e degli oggetti destinati a venire a contatto con prodotti alimentari (Regolamento GMP - Good Manufacturing Practices) ... Il presente regolamento… Leggi tutto