Slide background
Slide background
Slide background

Regolamento (UE) 2017/997 HP14 Ecotossico

ID 4166 | | Visite: 11288 | Legislazione RifiutiPermalink: https://www.certifico.com/id/4166

Temi: Ambiente , Rifiuti

Regolamento UE 2017/997 Modifica Direttiva 2008/98/CE All. III HP14 "Ecotossico"

Regolamento UE 2017/997 di modifica l'all.III della Direttiva quadro rifiuti 2008/98/CE per quanto concerne l'assegnazione della  caratteristica di pericolo HP14 "Ecotossico".

Regolamento (UE) 2017/997 del Consiglio dell'8 giugno 2017 che modifica l'allegato III della Direttiva 2008/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda la caratteristica di pericolo HP 14 «Ecotossico»

Entrata in vigore: 4 Luglio 2017
Si applica a decorrere da: 5 luglio 2018

L'allegato III della direttiva 2008/98/CE elenca le caratteristiche di pericolo per i rifiuti.

La direttiva 2008/98/CE (Direttiva quadro rifiuti) stabilisce che la classificazione dei rifiuti come pericolosi dovrebbe essere basata, tra l'altro, sulla normativa dell'Unione relativa alle sostanze chimiche, in particolare per quanto concerne la classificazione delle miscele come pericolose, inclusi i valori limite di concentrazione usati a tal fine. La decisione 2000/532/CE della Commissione ha istituito un elenco di tipi di rifiuti al fine di favorire una classificazione armonizzata dei rifiuti e garantire la determinazione armonizzata delle caratteristiche di pericolo dei rifiuti all'interno dell'Unione.

L'allegato III della direttiva 2008/98/CE prevede che l'attribuzione della caratteristica di pericolo HP 14 «Ecotossico» sia effettuata secondo i criteri stabiliti nell'allegato VI della direttiva 67/548/CEE del Consiglio.

La direttiva 67/548/CEE è stata abrogata a decorrere dal 1° giugno 2015 e sostituita dal regolamento (CE) n. 1272/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio. Tale direttiva può, tuttavia, continuare ad applicarsi ad alcune miscele fino al 1° giugno 2017, in caso siano state classificate, etichettate e imballate in conformità della direttiva 1999/45/CE del Parlamento europeo e del Consiglio e già immesse sul mercato prima del 1° giugno 2015.

L'allegato III della direttiva 2008/98/CE è stato sostituito dal regolamento (UE) n. 1357/2014 della Commissione al fine di allineare, se del caso, le definizioni delle caratteristiche di pericolo al regolamento (CE) n. 1272/2008 e sostituire i riferimenti alla direttiva 67/548/CEE con i riferimenti al regolamento (CE) n. 1272/2008.

La definizione della caratteristica di pericolo HP 14 «Ecotossico» non è stata modificata dal regolamento (UE) n. 1357/2014, poiché era necessario uno studio supplementare per garantire la completezza e la rappresentatività delle informazioni relative all'eventuale effetto di un allineamento della valutazione della caratteristica di pericolo HP 14 «Ecotossico» ai criteri di cui al regolamento (CE) n. 1272/2008.

Dal momento che tale studio è stato completato, è opportuno tener conto delle sue raccomandazioni nella valutazione della caratteristica di pericolo dei rifiuti HP 14 «Ecotossico» di cui all'allegato III della direttiva 2008/98/CE e allineare tale valutazione, per quanto possibile, ai criteri di cui al regolamento (CE) n. 1272/2008 per la valutazione dell'ecotossicità delle sostanze chimiche. Nel determinare la classificazione di pericolo dei rifiuti per quanto riguarda la caratteristica di pericolo HP 14 «Ecotossico» mediante formule di calcolo, dovrebbero essere applicati valori soglia generici, quali definiti nel regolamento (CE) n. 1272/2008.

L'allegato VI del regolamento (CE) n. 1272/2008 contiene fattori moltiplicatori armonizzati assegnati a un numero limitato di sostanze classificate come «pericolose per l'ambiente acquatico, tossicità acuta categoria 1» o «pericolose per l'ambiente acquatico, tossicità cronica categoria 1», che sono utilizzati per ottenere la classificazione di una miscela in cui tali sostanze sono presenti. Alla luce dei progressi compiuti nello stabilire tali fattori moltiplicatori, la Commissione può, conformemente all'articolo 38, paragrafo 2, della direttiva 2008/98/CE, rivedere il metodo di calcolo per la valutazione delle sostanze per quanto riguarda la caratteristica di pericolo HP 14 «Ecotossico» in vista dell'eventuale inclusione di fattori moltiplicatori in detto metodo.

Quando si effettua una prova per stabilire se un rifiuto presenta la caratteristica di pericolo HP 14 «Ecotossico», è opportuno applicare i metodi pertinenti di cui al regolamento (CE) n. 440/2008 della Commissione o altri metodi di prova e linee guida riconosciuti a livello internazionale. La decisione 2000/532/CE dispone che, laddove una caratteristica di pericolo di un rifiuto sia stata valutata sia mediante una prova che utilizzando le concentrazioni di sostanze pericolose come indicato nell'allegato III della direttiva 2008/98/CE, devono prevalere i risultati della prova. Inoltre, si dovrebbe tener conto dell'articolo 12 del regolamento (CE) n. 1272/2008, in particolare dell'articolo 12, lettera b), e delle metodologie per la sua applicazione. È opportuno che la Commissione promuova lo scambio di migliori prassi relative ai metodi di prova per la valutazione delle sostanze per quanto riguarda la caratteristica di pericolo HP 14 «Ecotossico» ai fini della loro eventuale armonizzazione.

Articolo 1
L'allegato III della direttiva 2008/98/CE è modificato conformemente all'allegato del presente regolamento.

Articolo 2
Il presente regolamento entra in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Esso si applica a decorrere dal 5 luglio 2018
.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.
...

L'allegato III della direttiva 2008/98/CE è così modificato:

1) la voce relativa alla caratteristica di pericolo HP 14 «Ecotossico» è sostituita dalla seguente:

«HP 14 «Ecotossico»: rifiuto che presenta o può presentare rischi immediati o differiti per uno o più comparti ambientali.

Sono classificati come rifiuti pericolosi di tipo HP 14 i rifiuti che soddisfano una delle condizioni indicate di seguito:

 - I rifiuti che contengono una sostanza classificata come sostanza che riduce lo strato
di ozono con il codice di indicazione di pericolo H420 conformemente al regolamento
(CE) n. 1272/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio (*1), se la concentrazione
di tale sostanza è pari o superiore al limite di concentrazione dello 0,1 %.
[c(H420) ≥ 0,1%]
B  - I rifiuti che contengono una o più sostanze classificate come sostanze con
tossicità acuta per l'ambiente acquatico con il codice di indicazione di pericolo H400
conformemente al regolamento (CE) n. 1272/2008, se la somma delle concentrazioni
di tali sostanze è pari o superiore al limite di concentrazione del 25 %. A tali sostanze
si applica un valore soglia dello 0,1 %.
[Σ c (H400) ≥ 25%]
C

- I rifiuti che contengono una o più sostanze classificate come sostanze con  tossicità
cronica per l'ambiente acquatico 1, 2 o 3 con il codice di indicazione di pericolo H410,
H411 o H412 conformemente al regolamento (CE) n. 1272/2008, se la somma delle
concentrazioni di tutte le sostanze della categoria 1 (H410) moltiplicata per 100,
aggiunta alla somma delle concentrazioni di tutte le sostanze della categoria 2 (H411)
moltiplicata per 10, aggiunta alla  somma delle concentrazioni di tutte le sostanze della
categoria 3 (H412), è pari o superiore al limite di concentrazione del 25 %.
Alle sostanze classificate con il codice H410 si applica un valore soglia dello 0,1 %
e alle sostanze classificate con il codice H411 o H412 si applica un valore soglia dell'1%.

[100×Σc (H410) + 10 × Σc (H411) + Σc (H412) ≥25%]
D - I rifiuti che contengono una o più sostanze classificate come sostanze con tossicità
cronica per l'ambiente acquatico 1, 2, 3 o 4 con il codice di indicazione di pericolo
H410, H411, H412 o H413 conformemente al regolamento (CE) n. 1272/2008, se la
somma delle concentrazioni di tutte le sostanze classificate come sostanze con tossicità
cronica per l'ambiente acquatico è pari o superiore al limite di concentrazione del 25 %.
Alle sostanze classificate con il codice H410 si applica un valore soglia dello 0,1 % e alle
sostanze classificate con il codice H411, H412o H413 si applica un valore soglia dell'1 %.
[Σ c H410 + Σ c H411 + Σ c H412 + Σ c H413 ≥ 25%]


2) la nota sotto la voce relativa all'HP 15 è soppressa.


G.U.U.E: L150/1 14.06.2017

Entrata in vigore: 4.07.2017

 Previsto correttivo Legge 125/2015:

Assegnazione caratteristica di pericolo HP 14 secondo e modalità dell’Accordo europeo relativo al trasporto internazionale delle merci pericolose su strada (ADR ) per la classe 9 - M6 e M7".

Legge n. 125/2015 di conversione del Decreto Legge 19 giugno 2015 n. 78, in vigore dal 15 agosto 2015, che all’art. 7, comma 9 ter, prescrive quanto segue: 

"Allo scopo di favorire la corretta gestione dei Centri di raccolta comunale per il conferimento dei rifiuti presso gli impianti di destino, nonché per l’idonea classificazione dei rifiuti, nelle more dell’adozione, da parte della Commissione europea, di specifici criteri per l’attribuzione ai rifiuti della caratteristica di pericolo HP 14 “ecotossico”, tale caratteristica viene attribuita secondo le modalità dell’Accordo europeo relativo al trasporto internazionale delle merci pericolose su strada (ADR ) per la classe 9 - M6 e M7".

La Legge 125/2015 rimette quindi (in maniera provvisoria) la caratteristica di pericolo HP14 all’interno dei criteri ADR già introdotti dalla Legge 28/2012.

Vedi Legge 125/2015 





Direttiva quadro rifiuti | Testo consolidato 2017

Normativa collegata:

Vedi Tabella di Raccordo HP | CLP | ADR

Classificazione rifiuti ecotossici HP14 e ADR

Scarica questo file (Regolamento UE 2017 997 hp14.pdf)Regolamento (UE) 2017/997Modifica All. III Direttiva 2008/98/CE HP14 EcotossicoIT325 kB(1312 Downloads)

Tags: Ambiente Rifiuti

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

RAEE Indicazioni operative applicazione aperto
Mag 19, 2018 44

Indicazioni operative ambito applicazione direttiva RAEE

Indicazioni operative sull'ambito di applicazione "aperto" del d.lgs. 49/2014 MATTM 18 Maggio 2018 E’ stato pubblicato il documento del Comitato di vigilanza e controllo RAEE, pile e accumulatori recante “Indicazioni operative sull'ambito di applicazione "aperto" del d. lgs. 49/2014” allo scopo di… Leggi tutto
Linea guida ATF Retrofit dei refrigeranti HFC ad alto GWP
Mag 15, 2018 50

Linea guida ATF Retrofit dei refrigeranti HFC ad alto GWP

Linea guida ATF Retrofit dei refrigeranti HFC ad alto GWP 10 Maggio 2018 “Linea Guida per il retrofit dei refrigeranti HFC ad alto GWP con refrigeranti a minor GWP non infiammabili” (Es. R448, R449 etc..) approvate dal Comitato Tecnico Scientifico dell’Associazione dei Tecnici Italiani del Freddo… Leggi tutto
Rapporto 283 2018
Mag 15, 2018 43

Italian Greenhouse Gas Inventory 1990-2016

Italian Greenhouse Gas Inventory 1990-2016 National Inventory Report 2018 Nel documento si descrive la comunicazione ufficiale italiana dell’inventario delle emissioni dei gas serra in accordo a quanto previsto nell’ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti Climatici delle Nazioni Unite… Leggi tutto
Atlante degli uccelli nidificanti nella Riserva Naturale Regionale di Decima Malafede
Mag 09, 2018 91

Atlante uccelli nidificanti Riserva Decima Malafede

Atlante degli uccelli nidificanti nella Riserva Naturale Regionale di Decima Malafede ISPRA Quaderno 9/2018 L’Atlante ornitologico di un’area protetta è uno strumento utile per investigare la distribuzione delle varie specie ornitiche nello spazio e nel tempo anche ai fini di una corretta… Leggi tutto
Elenco  europeo impianti riciclaggio delle  navi
Mag 07, 2018 93

Decisione di esecuzione (UE) 2018/684

Aggiornamento elenco europeo impianti di riciclaggio delle navi Decisione di esecuzione (UE) 2018/684 della Commissione del 4 maggio 2018 che modifica la decisione di esecuzione (UE) 2016/2323 al fine di aggiornare l'elenco europeo degli impianti di riciclaggio delle navi a norma del regolamento… Leggi tutto

Più letti Ambiente

Feb 27, 2017 9607

Rapporto rifiuti Urbani 2013

Rapporto rifiuti urbani 2013 Il presente Rapporto è stato elaborato dal Servizio Rifiuti, dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA). Il Rapporto conferma l’impegno dell’ISPRA affinché le informazioni e le conoscenze relative ad un importante settore, quale quello dei… Leggi tutto