Slide background
Slide background
Slide background




Vademecum Made Green in Italy

ID 10371 | | Visite: 4076 | Documenti Riservati AmbientePermalink: https://www.certifico.com/id/10371

Vademecum Made green in Iyaly Cover

Vademecum Made Green in Italy | NEW 2021

ID 10371 | Rev. 1.0 del 04.08.2021

Il presente vademecum illustra la disciplina dello schema nazionale volontario per la valutazione e la comunicazione dell'impronta ambientale dei prodotti, denominato «Made Green in Italy» è istituito dall’art. 21, comma 1 della Legge n. 221/2015 (Collegato ambientale alla legge di stabilità del 2014) recante“Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell'uso eccessivo di risorse naturali.

Update Rev. 1.0 2021 del 04 agosto 2021
1. Rinumerazione paragrafi
2. Inseriti nuovi paragrafi:
5. Manuale per l’utilizzo del logo “Made Green in Italy”
6. Caratteristiche del logo MGI
7. Chi può utilizzare il logo MGI
8. Specifiche tecniche sull’utilizzo del logo
9. Asserzioni associate al logo
10. Regole per l’apposizione del logo sul prodotto
11. Regole per l’apposizione del logo su materiale dell’organizzazione e pubblicitario
12. Logo MGI su siti web e social network
13. Convivenza del logo MGI con altri loghi
14. Validità temporale del logo
15. Rapporti con il Gestore del logo
16. Limitazioni all’uso del logo MGI
2. Aggiornati paragrafi:
20. RCP in corso di validità
21. Consultazione pubbliche attive

Il Vademecum risulta essere così strutturato:

Premessa
1. Schema nazionale volontario “Made Green in Italy”
2. Il regolamento per l’attuazione dello schema “made green in italy”
2.1 Elaborazione delle Regole di categoria di prodotto (RCP)
2.1.1 Come presentare richiesta per l’elaborazione delle proposta di RCP
2.2 Adesione allo schema “Made Green in Italy”
2.2.1 Come presentare la richiesta di adesione allo schema “Made Green in Italy”
3. Mappa descrittiva del Regolamento
4. Chi ottiene il logo “Made Green in Italy”
5. Manuale per l’utilizzo del logo “Made Green in Italy”
6. Caratteristiche del logo MGI
7. Chi può utilizzare il logo MGI
8. Specifiche tecniche sull’utilizzo del logo
9. Asserzioni associate al logo
10. Regole per l’apposizione del logo sul prodotto
11. Regole per l’apposizione del logo su materiale dell’organizzazione e pubblicitario
12. Logo MGI su siti web e social network
13. Convivenza del logo MGI con altri loghi
14. Validità temporale del logo
15. Rapporti con il Gestore del logo
16. Limitazioni all’uso del logo MGI
17. L’impronta ambientale e la metodologia PEF nello schema “Made Green in Italy”
18. Regole di categoria dell'impronta ambientale dei prodotti (PEFCR)
19. Prassi DM n. 56 del 21.03.2018
20. RCP in corso di validità
21. Consultazione pubbliche attive
Fonti

Excursus

Schema nazionale volontario “Made Green in Italy”

L’art. 21, comma 1 della Legge n. 221/2015 (“Collegato Ambiente”) recante “Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell'uso eccessivo di risorse naturali” prevede l’istituzione dello Schema nazionale volontario per la valutazione e la comunicazione dell'impronta ambientale dei prodotti, denominato «Made Green in Italy», al fine di promuovere la competitività del sistema produttivo italiano nel contesto della crescente domanda di prodotti ad elevata qualificazione ambientale sui mercati nazionali ed internazionali. 

Tale schema adotta la metodologia PEF per la determinazione dell'impronta ambientale dei prodotti (PEF, Product Environmental Footprint), come definita nella raccomandazione 2013/179/UE della Commissione, del 9 aprile 2013.

La Legge n. 221/2015 prevede, inoltre, che le modalità di funzionamento di tale schema siano stabilite da un apposito Regolamento del Ministro dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, da emanare entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore della suddetta legge (2 febbraio 2016).

Con la messa a punto e l’implementazione dello Schema e del Regolamento previsti dall’art.21 della Legge 28 dicembre 2015 n. 221, si intendono perseguire i seguenti obiettivi (art. 21, comma 3):

a) promuovere, con la collaborazione dei soggetti interessati, l'adozione di tecnologie e disciplinari di produzione innovativi, in grado di garantire il miglioramento delle prestazioni dei prodotti e, in particolare, la riduzione degli impatti ambientali che i prodotti hanno durante il loro ciclo di vita, anche in relazione alle prestazioni ambientali previste dai criteri ambientali minimi di cui all'articolo 68-bis del codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture, di cui al decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, introdotto dall'articolo 18 della legge n. 221/2015;

b) rafforzare l'immagine, il richiamo e l'impatto comunicativo che distingue le produzioni italiane, associandovi aspetti di qualità ambientale, anche nel rispetto di requisiti di sostenibilità sociale;

c) rafforzare la qualificazione ambientale dei prodotti agricoli, attraverso l'attenzione prioritaria alla definizione di parametri di produzione sostenibili dal punto di vista ambientale e della qualità del paesaggio;

d) garantire l'informazione, in tutto il territorio nazionale, riguardo alle esperienze positive sviluppate in progetti precedenti, e in particolare nel progetto relativo allo schema di qualificazione ambientale dei prodotti che caratterizzano i cluster (sistemi produttivi locali, distretti industriali e filiere) sviluppato con il protocollo d'intesa firmato il 14 luglio 2011 tra il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, il Ministero dello sviluppo economico e le regioni Lombardia, Liguria, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Toscana, Lazio, Sardegna, Marche e Molise.

Il regolamento per l’attuazione dello schema “made green in italy”

Con il Decreto MATTM  21 marzo 2018 n. 56 - Regolamento per l’attuazione dello schema nazionale volontario per la valutazione e la comunicazione dell’impronta ambientale dei prodotti, denominato «Made Green in Italy», di cui all’articolo 21, comma 1, della legge 28 dicembre 2015, n. 221. (GU  n.123 del 29-05-2018, entrato in vigore il 13 giugno 2018, è istituito il regolamento che stabilisce le modalità di funzionamento dello schema denominato “Made Green in Italy” finalizzato a promuovere i prodotti ad elevata qualificazione ambientale attraverso la concessione d’uso del logo “Made Green in Italy”. Per prodotti si intendono beni, servizi, prodotti intermedi o semilavorati.

 

Logo “Made Green in Italy”

Vademecum Made green in Iyaly Logo

L’attuazione dello schema prevede due fasi.

- Prima fase: elaborazione delle Regole di categoria di prodotto (RCP)
- Seconda fase: adesione allo schema “Made Green in Italy

Vademecum Made green in Iyaly Figura1

Figura n. 1 – Attuazione Schema Made Green in Italy

Elaborazione delle Regole di categoria di prodotto (RCP)

Prima fase: elaborazione delle Regole di categoria di prodotto (RCP)

Affinché un’azienda possa aderire allo schema “Made Green in Italy” con uno o più dei suoi prodotti, è necessario che esistano le “Regole di categoria di prodotto” (RCP), ovvero i documenti contenenti indicazioni metodologiche che definiscono regole e requisiti obbligatori e facoltativi necessari alla conduzione di studi relativi all'impronta ambientale per quella specifica categoria di prodotto.

A proporre le RCP possono essere soggetti (privati o pubblici) costituiti da almeno tre aziende - di cui almeno una piccola e media impresa secondo la definizione fornita dal decreto del Ministro delle attività produttive del 18 aprile 2005 - che rappresentano la quota maggioritaria del settore della specifica categoria di prodotto per la quale si intende proporre l'elaborazione di RCP all'interno dello schema; per quota maggioritaria si intende oltre il 50% del fatturato riferito all'anno solare precedente alla proposta di RCP.

Poiché, dunque, l’adesione allo schema è limitata ai prodotti per cui esiste una Regola di categoria di prodotto valida, possono presentarsi due scenari:

- se per una specifica categoria di prodotto è stata definita una PEFCR in sede europea, questa deve essere recepita nella RCP che si intende elaborare ed integrata con i requisiti addizionali obbligatori e facoltativi;
- in caso contrario, viene elaborata una nuova RCP, a livello nazionale.

I documenti ufficiali resi disponibili dalla Commissione Europea utili per l’elaborazione delle RCP:

- Product Environmental Footprint Category 1 Rules Guidance 2 (Version 6.3 – May 2018) (documento-guida per l’elaborazione delle PEFCR e delle RCP)
- Elenco delle PEFCR europee (valide fino al 31/12/2020)

Adesione allo schema “Made Green in Italy”

Seconda fase: adesione allo schema “Made Green in Italy”

La richiesta di adesione allo schema può essere effettuata se:

- è disponibile e in corso di validità la RCP della categoria di prodotto in cui ricade lo specifico prodotto per cui si richiede l’adesione;
- il prodotto per cui si richiede l’adesione allo schema è classificabile come prodotto “Made in Italy” ai sensi della lettera v), comma 1, dell'articolo 2 del Decreto MATTM 21 marzo 2018 n. 56.;
- i documenti tecnici indicati in allegato II, punto 1 - numero 2) sono stati convalidati dopo essere stati sottoposti ad una verifica di parte terza indipendente con emissione dell’attestato.

...

Caratteristiche del logo MGI

Il logo MGI, qui sotto riportato, è di forma circolare ed è caratterizzato da tre elementi grafici: il logo del Ministero della Transizione Ecologica; la parte tipografica costituita dalla dicitura “Made Green in Italy”posta sotto il logo del Ministero; una cornice circolare discontinua in tre punti, formata da tre linee curve spezzate di colore verde bandiera, rosso e verde chiaro. Il logo MGI è di esclusiva proprietà del Gestore dello Schema e ne è vietato l’uso senza esplicita autorizzazione.

Vademecum Made green in Iyaly Figura3

Figura 3: Logo MGI a colori e con specifica dei pantoni da utilizzare per la riproduzione.

Come previsto dall’Allegato IV del Regolamento MGI il logo è corredato da un Codice a Barre Bidimensionale o CBB (QR Code o equivalenti o Codice a Barre) specifico per ogni singolo prodotto per il quale è stata approvata la richiesta di adesione allo Schema.

 Vademecum Made green in Iyaly Figura 4

Figura 4: Esempio di logo MGI con CCB.

Il CBB deve essere generato dall’azienda aderente allo Schema e deve consentire il collegamento, attraverso l’utilizzo di dispositivi mobili quali smartphone o tablet, alla pagina web da cui è possibile accedere alla DIAP-Dichiarazione di Impronta Ambientale di Prodotto oppure direttamente alla DIAP.

Il contenuto della pagina web deve essere preventivamente approvato dal Gestore dello Schema e deve contenere almeno le informazioni elencate al paragrafo 7 del Manuale (in allegato al presente Vademecum).

...

Chi ottiene il logo “Made Green in Italy”

Lo studio di valutazione dell'impronta ambientale contiene, nello specifico, il calcolo dei valori degli indicatori ambientali relativi alle tre principali categorie di impatto individuate dalle relative RCP e del valore ottenuto per aggregazione dei tre principali indicatori di impatto attraverso normalizzazione e pesatura.

Tale valore viene confrontato con il valore del benchmark definito all'interno delle stesse RCP.

Il regolamento prevede una classificazione dei prodotti in tre classi di prestazione:

classe A, prodotti eccellenti che hanno una prestazione migliore rispetto al prodotto medio (benchmark);
classe B, prodotti con prestazioni uguali al benchmark;
classe C, prodotti con prestazioni peggiori rispetto al benchmark.

I prodotti che possono ottenere il logo “Made Green in Italy” sono quelli che presentano prestazioni ambientali pari o superiori al benchmark di riferimento (prodotti di classe A e di classe B).

I prodotti di classe C non possono ottenere l’uso del logo.

I prodotti di classe B possono ottenere l’uso del logo ma devono prevedere un piano di miglioramento da implementare nell’arco dei tre anni di validità della concessione d’uso.

L’impronta ambientale e la metodologia PEF nello schema “Made Green in Italy”

L’ impronta ambientale di un prodotto (inteso come “bene” o “servizio”, secondo la Norma ISO 14040:2006 sulla metodologia LCA – Life Cycle Assessement) è una misura fondata sulla valutazione delle prestazioni ambientali di un prodotto, analizzate lungo tutto il ciclo di vita, dall’approvvigionamnetodelle materie prime al fine vita, calcolate al fine di ridurre gli impatti ambientali di tale bene o servizio.

La Commissione Europea ha pubblicato la raccomandazione 2013/179/UE del 9 aprile 2013 che definisce un metodo unico europeo per la valutazione e comunicazione dell’impronta ambientale dei prodotti denominato Product Environmental Footprint - PEF.

Nell’ambito del progetto pilota Environmental Footprint (EF) della Commissione Europea sono state elaborate alcune PEFCR (Product Environmental Footprint Category Rules - regole di categoria relative all'impronta ambientale dei prodotti) ovvero delle regole, basate sul ciclo di vita, specifiche per tipologia di prodotto, che completano il metodo PEF identificando ulteriori requisiti per una data categoria di prodotto.

Lo schema “Made Green in Italy” adotta la metodologia PEF per la determinazione dell'impronta ambientale dei prodotti così come definita nella raccomandazione 2013/179/UE della Commissione del 9 aprile 2013.

Per la conduzione degli studi per la valutazione dell’impronta ambientale dei prodotti e per l’elaborazione delle RCP, lo schema nazionale adotta la metodologia PEF e le “linee guida PEF” ovvero linee guida, metodi, prescrizioni tecniche ed altri documenti di interesse comune sviluppati nell'ambito della applicazione pilota europea del metodo PEF e approvate nell'ambito del progetto PEF della Commissione Europea.

Le Regole finali sulla categoria dell'impronta ambientale dei prodotti (PEFCR) e le Regole settoriali sull'impronta ambientale delle organizzazioni (OEFSR) possono essere utilizzate per calcolare il profilo dell'impronta ambientale per prodotti e organizzazioni nell'ambito.

PEFCR e OEFSR finali vengono caricati quando finalizzati.

I PEFCR e le OEFSR sono stati sviluppati in base alla versione 6.3 della Guida alle regole della categoria dell'impronta ambientale dei prodotti e della Guida alle regole del settore dell'impronta ambientale dell'organizzazione (documenti aggiuntivi citati nei documenti di orientamento: allegato C e modello di inventario del ciclo di vita).

Regole di categoria dell'impronta ambientale dei prodotti (PEFCR- Product Environmental Footprint)

Elenco delle PEFCR europee (valide fino al 31/12/2020)

Vademecum Made green in Iyaly Tabella1

Regole settoriali sull'impronta ambientale delle organizzazioni (OEFSR)

Vademecum Made green in Iyaly Tabella2

[...]

RCP in corso di validità

RCP " Tessuti in lana cardata o peli fini cardati" (valida fino al 7 luglio 2025)
RCP "Imballaggi in legno" (valida fino al 7 luglio 2025)
RCP "Formaggio Provolone Valpadana DOP" (valida fino al 30 giugno 2025)
RCP "Formaggio Grana Padano DOP" (valida fino al 24 giugno 2025)
RCP "Servizi delle attività di lavanderia industriale" (valida fino al 18 giugno 2025)
RCP "Aceto" (valida fino al 15 giugno 2025)
RCP Pasta secca (valida fino all’8 giugno 2025)
RCP Borse multiuso in PE (valida fino all’11 febbraio 2024)

Consultazione pubbliche attive

Consultazione pubblica sulla proposta RCP "Carni suine, fresche o refrigerate"

Schema nazionale volontario “Made Green in Italy” – Online la consultazione pubblica sulla proposta di RCP relativa alla categoria di prodotto “Carni suine, fresche o refrigerate”.
La consultazione si concluderà il 20 agosto 2021.
Il Ministero della transizione ecologica apre la consultazione pubblica sulla proposta di Regola di Categoria di Prodotto (RCP) relativa alla categoria di prodotto “Carni suine, fresche o refrigerate – Codice CPA/NACE 10.11.12”, nell’ambito dello Schema “Made Green in Italy, come previsto dal Decreto ministeriale n.56/2018.

Consultazione pubblica sulla proposta RCP "Carni bovine, fresche o refrigerate"

Schema nazionale volontario “Made Green in Italy” – Online la consultazione pubblica sulla proposta di RCP relativa alla categoria di prodotto “Carni bovine, fresche o refrigerate”.
La consultazione si concluderà il 20 agosto 2021.
Il Ministero della transizione ecologica apre la consultazione pubblica sulla proposta di Regola di Categoria di Prodotto (RCP) relativa alla categoria di prodotto “Carni bovine, fresche o refrigerate – Codice CPA/NACE 10.11.11”, nell’ambito dello Schema “Made Green in Italy, come previsto dal Decreto ministeriale n.56/2018.

Consultazione pubblica sulla proposta RCP "Tabacco greggio"

Schema nazionale volontario “Made Green in Italy” – Online la consultazione pubblica sulla proposta di RCP relativa alla categoria di prodotto “Tabacco greggio”.
La consultazione si concluderà il 16 agosto 2021.
Il Ministero della transizione ecologica apre la consultazione pubblica sulla proposta di Regola di Categoria di Prodotto (RCP) relativa alla categoria di prodotto “Tabacco Greggio” - Codice CPA/NACE 01.15.10”, nell’ambito dello Schema “Made Green in Italy, come previsto dal Decreto ministeriale n. 56/2018.

...segue in allegato

Certifico Srl - IT | Rev. 1.0 2021
©Copia autorizzata Abbonati

Matrice Revisioni:

Rev. Data Oggetto Autore
1.0 04.08.2021 1. Rinumerazione paragrafi
2. Inseriti nuovi paragrafi:
5. Manuale per l’utilizzo del logo “Made Green in Italy”
6. Caratteristiche del logo MGI
7. Chi può utilizzare il logo MGI
8. Specifiche tecniche sull’utilizzo del logo
9. Asserzioni associate al logo
10. Regole per l’apposizione del logo sul prodotto
11. Regole per l’apposizione del logo su materiale dell’organizzazione e pubblicitario
12. Logo MGI su siti web e social network
13. Convivenza del logo MGI con altri loghi
14. Validità temporale del logo
15. Rapporti con il Gestore del logo
16. Limitazioni all’uso del logo MGI
2. Aggiornati paragrafi:
20. RCP in corso di validità
21. Consultazione pubbliche attive
Certifico Srl
0.0 13.03.2020 --- Certifico Srl

Collegati



Vademecum Made Green in Italy Rev. 1.0 2021.pdfAbbonati Ambiente51
Manuale per l’utilizzo del logo Made Green in Italy.pdfAbbonati Ambiente27
RCP Borse multiuso in PE.pdfAbbonati Ambiente13
RCP Pasta secca.pdfAbbonati Ambiente6
RCP Aceto.pdfAbbonati Ambiente5
RCP Servizi delle attività di lavanderia industriale.pdfAbbonati Ambiente13
RCP Formaggio Grana Padano DOP.pdfAbbonati Ambiente5
RCP Formaggio Provolone Valpadana DOP.pdfAbbonati Ambiente6
RCP Imballaggi in legno.pdfAbbonati Ambiente9
RCP Tessuti in lana cardata o peli fini cardati.pdfAbbonati Ambiente12
Vademecum Made Green in Italy Rev. 0.0 2020.pdfAbbonati Ambiente64
Product Environmental Footprint Category 1 Rules Guidance 2.pdfAbbonati Ambiente31
mattm_made_green_italy_moduloC.docxAbbonati Ambiente23
mattm_made_green_italy_moduloB.docxAbbonati Ambiente22
mattm_made_green_italy_moduloA.docxAbbonati Ambiente22
20. OEFSR Retail.pdfAbbonati Ambiente17
19. OEFSR Copper.pdfAbbonati Ambiente18
18. PEFCR Wine.pdfAbbonati Ambiente17
17. PEFCR Uninterruptible Power Supply.pdfAbbonati Ambiente16
16. PEFCR T shirts.pdfAbbonati Ambiente23
15. PEFCR Batteries.pdfAbbonati Ambiente18
14. PEFCR Photovoltaic.pdfAbbonati Ambiente19
13. PEFCR Prepared Pet Food for cats and dogs.pdfAbbonati Ambiente19
12. Dry pasta PEFCR final.pdfAbbonati Ambiente17
11. PEFCR PackedWater Final.pdfAbbonati Ambiente17
10. PEFCR Metal Sheets final.pdfAbbonati Ambiente24
09. PEFCR leather Errata Corrige.pdfAbbonati Ambiente19
08. PEFCR leather.pdfAbbonati Ambiente18
07. PEFCR IT equipment.pdfAbbonati Ambiente16
06. PEFCR feed.pdfAbbonati Ambiente18
05. PEFCR intermediate paper product.pdfAbbonati Ambiente21
04. PEFCR hotcold watersupply.pdfAbbonati Ambiente20
03. PEFCR decorative paints.pdfAbbonati Ambiente14
02. PEFCR Dairy Products.pdfAbbonati Ambiente19
01. PEFCR for Beer.pdfAbbonati Ambiente20

Tags: Ambiente Energy Abbonati Ambiente Vademecum

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

WHO global air quality guidelines   2021
Set 26, 2021 18

Linee guida globali Oms sulla qualità dell’aria 2021

Linee guida globali Oms sulla qualità dell’aria 2021 WHO global air quality guidelines: particulate matter (‎PM2.5 and PM10)‎, ozone, nitrogen dioxide, sulfur dioxide and carbon monoxide L’Organizzazione mondiale della sanità ha aggiornato le proprie Linee guida sulla qualità dell’aria, fornendo le… Leggi tutto
Set 23, 2021 26

Rettifica della direttiva delegata (UE) 2020/363 | 22.09.2021

Rettifica della direttiva delegata (UE) 2020/363 Rettifica della direttiva delegata (UE) 2020/363 della Commissione, del 17 dicembre 2019, recante modifica dell’allegato II della direttiva 2000/53/CE del Parlamento europeo e del Consiglio relativa ai veicoli fuori uso per quanto riguarda… Leggi tutto
Primo rapporto attivazioni snpa in situazioni di emergenza
Set 22, 2021 33

Primo rapporto attivazioni SNPA in situazioni di emergenza

Primo rapporto attivazioni SNPA in situazioni di emergenza Il primo rapporto sulle attivazioni del Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente (SNPA) in situazioni di emergenza è stato elaborato dall’ISPRA, con la collaborazione dei referenti della Rete operativa SNPA per le emergenze… Leggi tutto
Regolamento di esecuzione UE 2021 1688
Set 21, 2021 43

Regolamento di esecuzione (UE) 2021/1688

Regolamento di esecuzione (UE) 2021/1688 Regolamento di esecuzione (UE) 2021/1688 della Commissione del 20 settembre 2021 che modifica il regolamento di esecuzione (UE) 2020/1201 per quanto riguarda gli elenchi delle piante ospiti e delle piante specificate e i metodi di prova per l’identificazione… Leggi tutto
Gli apoidei e l agricoltura sostenibile
Set 20, 2021 37

Gli apoidei e l’agricoltura sostenibile

Gli apoidei e l’agricoltura sostenibile Gli impollinatori, in particolare gli insetti apoidei, rivestono grande rilievo nel garantire struttura, composizione e funzionamento degli habitat naturali e semi-naturali, inclusi quelli agricoli e dei contesti urbani e peri-urbani. Quasi il 90% delle… Leggi tutto
Report   Study on Certification and Verification Schemes in the Forest Sector and for Wood based Products
Set 15, 2021 64

Report: Study on Certification and Verification Schemes in the Forest Sector and for Wood-based Products

Report: Study on Certification and Verification Schemes in the Forest Sector and for Wood-based Products / 2021 What is forest certification? What does it certify? How is it used? What can you tell from a certificate? The answers to these questions are fundamental to understanding the relationship… Leggi tutto
Set 11, 2021 71

Legge 21 ottobre 1994 n. 584

Legge 21 ottobre 1994 n. 584 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 8 agosto 1994, n. 507, recante misure urgenti in materia di dighe. Entrata in vigore della legge: 22-10-1994 (GU n.247 del 21-10-1994) Collegati
Decreto-Legge 8 agosto 1994 n. 507
Leggi tutto

Più letti Ambiente