Slide background
Slide background
Slide background




NEC Directive reporting status 2019

ID 9223 | | Visite: 1146 | Documenti Ambiente EntiPermalink: https://www.certifico.com/id/9223

NEC Directive reporting status 2019

NEC Directive reporting status 2019

Il presente report presenta i progressi compiuti dall'Unione europea (UE) e dai suoi Stati membri nel rispettare i limiti di emissione del 2010 che restano applicabili fino alla fine del 2019 ai sensi della direttiva (UE) 2016/2284 sulla riduzione delle emissioni nazionali di determinati inquinanti atmosferici (la direttiva sui limiti nazionali di emissione (NEC)). Inoltre, fornisce una valutazione delle emissioni previste comunicate dagli Stati membri per il 2020 e il 2030, in relazione agli impegni di riduzione per il 2020 e il 2030 per ciascun paese stabilito dalla direttiva.

La direttiva sui massimali di emissione (NEC) (UE 2016/2284; UE, 2016) garantisce che i limiti di emissione esistenti per il 2010 (stabiliti ai sensi della direttiva NEC del 2001) restino applicabili fino alla fine del 2019. Dopo tale data, nuovi impegni per la riduzione delle emissioni si applicano dal 2020 al 2029 e successivamente per il 2030 in poi.

Nel 2019, gli Stati membri erano tenuti a comunicare versioni aggiornate delle loro proiezioni delle emissioni di SO 2 , NO x , NH 3 , NMVOC, PM 2.5 e, se disponibile, carbone nero (BC). Queste proiezioni riguardano gli anni 2020, 2025, 2030 e, ove disponibili, 2040 e 2050. Le emissioni previste sono utilizzate per valutare se gli Stati membri sono sulla buona strada per rispettare i loro impegni di riduzione per il 2020 e il 2030 (cfr. Tabella 1).

Quando uno Stato membro non è sulla buona strada per rispettare i propri impegni in materia di riduzione delle emissioni, è tenuto a comunicare proiezioni integrate "con misure aggiuntive" (WaM) - scenari che riflettono misure adottate e pianificate che contribuiscono a un'ulteriore riduzione delle emissioni. Sedici Stati membri hanno segnalato proiezioni WaM per i cinque principali inquinanti sia per il 2020 che per il 2030, mentre sei hanno riferito proiezioni WaM per il carbonio nero.

L'analisi presentata in questo report si basa sugli ultimi dati di inventario delle emissioni di inquinanti atmosferici per il periodo 2010-2017, comunicati dagli Stati membri nel febbraio 2019. Il briefing fornisce anche una valutazione delle emissioni previste comunicate dagli Stati membri per 2020 e 2030, in relazione agli impegni di riduzione 2020 e 2030.

Le emissioni previste hanno un ruolo particolarmente importante nel 2019 poiché forniscono la base per i programmi nazionali di controllo dell'inquinamento atmosferico degli Stati membri, previsti per aprile 2019. Tali programmi dovrebbero delineare il modo in cui ciascun paese prevede di rispettare gli impegni di riduzione per il 2020 e il 2030.

Tabella 1

Nec table updated

Ned didascalia

Ossidi di azoto (NO x)

Dal 2016 tutti gli Stati membri rispettano i limiti di emissione di NO x . In termini assoluti, i maggiori produttori di NO x nel 2017 sono stati la Germania, seguiti da Regno Unito e Francia. Tra il 2016 e il 2017, 21 Stati membri hanno segnalato riduzioni delle emissioni di NO x. La riduzione totale delle emissioni aggregate dell'UE è stata del 2,2% tra il 2016 e il 2017, con una riduzione complessiva del 38% dal 2005.

Composti organici volatili non metanici (NMVOC)

Nel 2017 uno Stato membro (Paesi Bassi) ha superato i massimali del 37%. Il più grande emettitore di COVNM nel 2017 è stata la Germania, seguita da Italia e Regno Unito. Tra il 2016 e il 2017, 13 Stati membri hanno segnalato riduzioni delle emissioni di COVNM. Al contrario, le emissioni aggregate dell'UE sono aumentate per la prima volta dal 2016 al 2017 (dello 0,5%).

Anidride solforosa (SO 2)

Nel 2017 tutti gli Stati membri hanno rispettato i limiti di emissione di SO 2. Il principale emettitore di SO 2 era la Polonia, seguita da Germania e Spagna. Tra il 2016 e il 2017, 17 Stati membri hanno segnalato riduzioni delle emissioni di SO 2 . Dal 2016 al 2017, la riduzione totale delle emissioni aggregate dell'UE è stata dell'1,2%, con una riduzione complessiva del 69% dal 2005.

Ammoniaca (NH 3)

Sei Stati membri (Austria, Croazia, Germania, Irlanda, Paesi Bassi e Spagna) hanno superato i massimali di NH 3 nel 2017. I superamenti più elevati, in termini percentuali, sono stati segnalati per la Spagna (47%) e la Croazia (25%). I superamenti più piccoli sono stati segnalati per l'Irlanda (circa il 2%). Il più grande emettitore di NH 3 fu la Germania, seguita da Francia e Spagna. Tra il 2016 e il 2017, 12 Stati membri dell'UE hanno segnalato riduzioni delle emissioni per NH 3 . Le emissioni UE di NH 3 sono aumentate di circa lo 0,4% tra il 2016 e il 2017. Ciò rappresenta il quarto anno consecutivo di aumento delle emissioni di NH 3 nell'UE .

Particolato (PM 2.5)

La direttiva NEC non prevede un massimale del 2010 per il PM 2.5 primario . Nel 2017, i maggiori produttori di PM 2.5 erano Italia, Francia e Polonia. Sebbene le emissioni di PM 2,5 nell'UE siano diminuite del 28% dal 2000, la tendenza recente è meno positiva. Dal 2015 al 2016, le emissioni sono diminuite solo dell'1%, mentre tra il 2016 e il 2017 le emissioni UE di PM 2,5 sono aumentate dello 0,4%. Ciò è avvenuto in un contesto in cui 15 Stati membri hanno segnalato riduzioni delle emissioni per il PM 2,5 nel periodo.

Progressi dell'UE nel rispetto dei massimali di emissione e confronto con i futuri impegni di riduzione delle emissioni

L'UE deve continuare a rispettare i massimali di emissione aggregati del 2010 per i quattro principali inquinanti (NO x , NMVOC, SO 2 e NH 3 ) fino alla fine del 2019. In ogni anno dal 2010, le emissioni totali dell'UE di questi inquinanti erano inferiori ai rispettivi massimali.

Nel 2017, le emissioni UE di COVNM e SO 2 erano già al di sotto degli impegni di riduzione fissati per il 2020 per questi inquinanti. Per PM 2,5 e NH 3 , è necessaria una riduzione dell'1,3% e del 2,3% rispetto al livello del 2017 per rispettare l'impegno dell'UE per il 2020, mentre, per NO x , le emissioni dell'UE devono essere ridotte di un ulteriore 3,2% rispetto con i livelli del 2017.

Al contrario, sono necessari ulteriori sforzi per tutti gli inquinanti se l'UE deve raggiungere i suoi impegni di riduzione delle emissioni per il 2030. Le riduzioni percentuali richieste dalle emissioni del 2017 sono:

13% per NMVOC;
16% per NH 3 ;
33% per SO 2 ;
36%; per PM 2.5 ;
quasi il 40% per NO x.

....

Fonte: EEA

Collegati:



Tags: Ambiente Emissioni Abbonati Ambiente

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

Decreto legislativo 2 febbraio 2021 n  20
Feb 27, 2021 19

Decreto legislativo 2 febbraio 2021 n. 20

Decreto legislativo 2 febbraio 2021 n. 20 Norme per la produzione a scopo di commercializzazione e la commercializzazione di prodotti sementieri in attuazione dell'articolo 11 della legge 4 ottobre 2019, n. 117, per l'adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del regolamento (UE)… Leggi tutto
Decreto 15 febbraio 2021
Feb 26, 2021 23

Decreto 15 febbraio 2021

Decreto 15 febbraio 2021 Aggiornamento dell'elenco nazionale dei prodotti agroalimentari tradizionali ai sensi dell'articolo 12, comma 1, della legge 12 dicembre 2016, n. 238. (GU n.48 del 26-02-2021 - SO n. 15) ... Collegati[box-note]Testo unico della vite e del vino Legge 238 del… Leggi tutto
Decreto Legislativo 2 febbraio 2021 n  19
Feb 26, 2021 22

Decreto Legislativo 2 febbraio 2021 n. 19

Decreto Legislativo 2 febbraio 2021 n. 19 Norme per la protezione delle piante dagli organismi nocivi in attuazione dell'articolo 11 della legge 4 ottobre 2019, n. 117, per l'adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del regolamento (UE) 2016/2031 e del regolamento (UE) 2017/625. (GU… Leggi tutto
Rapporto ISPRA 338 2021
Feb 26, 2021 19

Stato e trend dei principali pollini allergenici in Italia (2003-2019)

Stato e trend dei principali pollini allergenici in Italia (2003-2019) ISPRA Rapporti 338/2021 Il Rapporto descrive lo stato della presenza dei principali pollini allergenici e della spora Alternaria in Italia nel 2019 e gli andamenti delle loro concentrazioni in aria, misurate, dal 2003 al 2019,… Leggi tutto
Decreto Legislativo 2 febbraio 2021 n  18
Feb 25, 2021 33

Decreto Legislativo 2 febbraio 2021 n. 18

Decreto Legislativo 2 febbraio 2021 n. 18 Norme per la produzione e la commercializzazione dei materiali di moltiplicazione e delle piante da frutto e delle ortive in attuazione dell'articolo 11 della legge 4 ottobre 2019, n. 117, per l'adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni… Leggi tutto
Feb 24, 2021 27

Decisione (UE) 2017/848

Decisione (UE) 2017/848 Decisione (UE) 2017/848 della Commissione, del 17 maggio 2017, che definisce i criteri e le norme metodologiche relativi al buono stato ecologico delle acque marine nonché le specifiche e i metodi standardizzati di monitoraggio e valutazione, e che abroga la decisione… Leggi tutto
D Lgs 13 ottobre 2010 n  190
Feb 23, 2021 38

Decreto Legislativo 13 ottobre 2010 n. 190

Decreto Legislativo 13 ottobre 2010 n. 190 Attuazione della direttiva 2008/56/CE che istituisce un quadro per l'azione comunitaria nel campo della politica per l'ambiente marino. (GU n.270 del 18-11-2010) Entrata in vigore del provvedimento: 03/12/2010 Aggiornamenti all'atto al 23.02.2021:… Leggi tutto
Feb 23, 2021 28

Decreto 11 febbraio 2015

Decreto 11 febbraio 2015 Determinazione degli indicatori associati ai traguardi ambientali e dei programmi di monitoraggio, predisposto ai sensi degli articoli 10, comma 1 e 11, comma 1, del decreto legislativo n. 190/2010. (GU n.50 del 02-03-2015) Abrogato da: Decreto 2 febbraio 2021… Leggi tutto

Più letti Ambiente