Slide background
Slide background
Slide background
Slide background




Linee guida per il monitoraggio della microsismicità ICHESE

ID 19181 | | Visite: 1001 | Documenti Ambiente EntiPermalink: https://www.certifico.com/id/19181

Linee guida per il monitoraggio della microsismicità / ICHESE 2014

ID 19181 | 10.03.2023 / In allegato

Le linee guida, sviluppate per il monitoraggio delle attività di coltivazione di idrocarburi e stoccaggio sotterraneo di gas naturale potranno essere applicate, attraverso opportuni adattamenti, anche a tutte le attività antropiche che interessano grandi bacini artificiali, attività geotermiche, stoccaggio sotterraneo di CO2, estrazioni minerarie e più in generale attività di sottosuolo.

In applicazione delle raccomandazioni della Commissione ICHESE (International Commission on Hydrocarbon Exploration and Seismicity in the Emilia region) il Presidente della Commissione per gli idrocarburi e le risorme minerarie (CIRM) ha istituito in data 27 febbraio 2014 un Gruppo di Lavoro per la definizione di indirizzi e linee guida per il monitoraggio della microsismicità, delle deformazioni del suolo e della pressione di poro nell’ambito delle attività antropiche.

La Commissione ICHESE

Nonostante la Pianura Padana centrale fosse già stata interessata da terremoti IMCS>VII ed effetti di liquefazione (v. CPTI11, CFTI: Guidoboni et al., 2007), gran parte dell’opinione pubblica e della stampa, prima degli eventi di maggio 2012, considerava la Pianura Padana una zona non sismica e perciò sono stati sollevati dubbi sull’origine naturale del terremoto del 20 maggio.

Inoltre, nei mesi precedenti il maggio 2012, la bassa pianura modenese è stata al centro di aspre polemiche per il cosiddetto “progetto Rivara”. La questione è stata posta anche a livello politico.

In sede di Assemblea Legislativa sono stati posti i seguenti quesiti:

1. E’ possibile che la crisi emiliana sia stata innescata dalle ricerche nel sito di Rivara, effettuate in tempi recenti, in particolare nel caso siano state effettuate delle indagini conoscitive invasive, quali perforazioni profonde, immissioni di fluidi, ecc.?

2. E’ possibile che la crisi emiliana sia stata innescata da attività di sfruttamento o di utilizzo di reservoir, in tempi recenti e nelle immediate vicinanze della sequenza sismica del 2012? Per rispondere ai quesiti il Presidente della Regione, in qualità di Commissario delegato per l‘emergenza Sisma Emilia 2012, ha chiesto al Dipartimento della Protezione Civile l’istituzione di una commissione di esperti.

Tale commissione tecnico-scientifica, denominata ICHESE (International Commission on Hydrocarbon Exploration and Seismicity in the Emilia region), è stata istituita l’11 dicembre 2012 con decreto del Capo Dipartimento della Protezione Civile.

Nel frattempo, fino alle conclusioni della Commissione, la Regione, con DGR 706/2013 ha sospeso, nel rispetto del principio di precauzione, qualsiasi decisione in merito al rilascio dell’intesa nell’ambito dei procedimenti statali in itinere riguardanti i progetti di ricerca e coltivazione di idrocarburi nei territori colpiti dal sisma del maggio 2012.

Relativamente al quesito 1, poiché non è mai stata concessa alcuna autorizzazione per attività minerarie, compresa la ricerca, e non risulta sia stata effettuata alcuna attività di esplorazione mineraria con metodi invasivi negli ultimi 30 anni, la risposta della Commissione è ovviamente stata negativa.

La Commissione ha avviato i lavori nel maggio 2013 e ha consegnato il rapporto al DPC in data 13/2/2014. In data 17/2/2014 il DPC ha trasmesso il rapporto alla Regione.

Per rispondere al quesito 2 la Commissione ha considerato un’area ~ 4000 km2, che include tutta la zona colpita dalla sequenza sismica iniziata il 20 maggio 2012.

Fig  1 1 Study area defined by the Commission

Fig. 1.1 Study area defined by the Commission
...
segue in allegato

DescrizioneLinguaDimensioneDownloads
Scarica questo file (Linee guida per il monitoraggio della microsismicità ICHESE.pdf)Linee guida per il monitoraggio della microsismicità ICHESE
 
IT17221 kB150

Tags: Ambiente Emergenze

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

Lug 11, 2024 62

Legge 29 ottobre 1987 n. 441

Legge 29 ottobre 1987 n. 441 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 31 agosto 1987, n. 361, recante disposizioni urgenti in materia di smaltimento dei rifiuti. (GU n.255 del 31.10.1987) Collegati
Decreto-Legge 31 agosto 1987 n. 361
Leggi tutto
Lug 11, 2024 61

Decreto-Legge 31 agosto 1987 n. 361

Decreto-Legge 31 agosto 1987 n. 361 Disposizioni urgenti in materia di smaltimento dei rifiuti. Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 29 ottobre 1987, n. 441 (in G.U. 31/10/1987, n.255). (GU n.203 del 01.09.1987)______ Aggiornamenti all'atto 31/10/1987 LEGGE 29 ottobre 1987, n.… Leggi tutto
Ecosistemi terrestri ed incendi boschivi in Italia Anno 2023
Lug 01, 2024 100

Ecosistemi terrestri ed incendi boschivi in Italia: Anno 2023

Ecosistemi terrestri ed incendi boschivi in Italia: Anno 2023 ID 22151 | 01.07.2024 / In allegato Durante il 2023 l’Italia è stata colpita da incendi boschivi per una superficie complessiva di 1073 km2 (quasi un terzo della Val D’Aosta). Di questi, circa 157 km2 (una superficie confrontabile con… Leggi tutto
Raccomandazione  UE  2024 1722
Giu 19, 2024 153

Raccomandazione (UE) 2024/1722 della Commissione del 17.06.2024

Raccomandazione (UE) 2024/1722 | Recepimento nuova direttiva sull'efficienza energetica ID 22089 | 19.06.2024 Raccomandazione (UE) 2024/1722 della Commissione, del 17 giugno 2024, che stabilisce orientamenti per l’interpretazione dell’articolo 4 della direttiva (UE) 2023/1791 del Parlamento europeo… Leggi tutto
UNMIG databook 2024
Giu 11, 2024 161

UNMIG databook 2024

UNMIG databook 2024 ID 22042 | 11.06.2024 / In allegato La pubblicazione riporta i dati riferiti alle attività 2023 svolte dagli Uffici territoriali dell’UNMIG e dai Laboratori chimici e mineralogici, unitamente ai dati relativi alla situazione in Italia, al 31 dicembre 2023, delle attività di… Leggi tutto

Più letti Ambiente