Slide background
Slide background
Slide background
Slide background




CNAPI | Carta Aree Potenzialmente Idonee Deposito Nazionale rifiuti radioattivi

ID 12518 | | Visite: 5426 | Documenti Ambiente EntiPermalink: https://www.certifico.com/id/12518

SOGIN Documento consultazione

Dalla CNAPI alla CNAI: Carta Nazionale Aree Idonee Deposito Nazionale rifiuti radioattivi / Update 2023

ID 12518 | 13.12.2023

Dalla CNAPI 2021 alla CNAI 2023:

la proposta della Carta Nazionale delle Aree Idonee (CNAI) 2023 per la realizzazione del Deposito Nazionale dei rifiuti radioattivi è stata pubblicata (decreto atteso) a seguito della consultazione pubblica condotta dopo la pubblicazione della Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee (CNAPI) 2021

La Carta Nazionale delle Aree Idonee, elaborata dalla Sogin, individua 51 zone (dalle 67 della CNAPI) i cui requisiti sono stati giudicati in linea con i parametri previsti dalla Guida tecnica Isin, che recepisce le normative internazionali per questo tipo di strutture.

Update 13.12.2022

Il 13 dicembre 2023, il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica ha pubblicato sul proprio sito istituzionale l’elenco delle aree presenti nella proposta di Carta Nazionale delle Aree Idonee (CNAI), che individua le zone dove realizzare in Italia il Deposito Nazionale dei rifiuti radioattivi e il Parco Tecnologico, al fine di permettere lo stoccaggio in via definitiva dei rifiuti radioattivi di bassa e media attività.

La Carta e’ stata elaborata dalla Sogin, sulla base delle osservazioni emerse a seguito della consultazione pubblica e del Seminario nazionale condotti dopo la pubblicazione della Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee (CNAPI), e approvata dall’Ispettorato nazionale per la Sicurezza Nucleare e la Radioprotezione (Isin).

La Carta Nazionale delle aree idonee individua 51 zone i cui requisiti sono stati giudicati in linea con i parametri previsti dalla Guida tecnica Isin, che recepisce le normative internazionali per questo tipo di strutture.

Gli enti territoriali le cui aree non sono presenti nella proposta di CNAI, nonché il Ministero della difesa per le strutture militari interessate, possono entro trenta giorni dalla pubblicazione della Carta, presentare la propria autocandidatura a ospitare il Deposito nazionale e il Parco tecnologico e chiedere al MASE e alla Sogin di avviare una rivalutazione del territorio stesso, al fine di verificarne l’eventuale idoneità.

Possono inoltre presentare la propria autocandidatura, entro lo stesso termine, anche gli enti territoriali le cui aree sono presenti nella proposta di CNAI.

Le autocandidature devono essere inviate ad entrambi i seguenti indirizzi PEC:

MASE: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sogin S.p.A.: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Al termine, il MASE invia l’elenco delle autocandidature a Sogin, che, entro i successivi 30 giorni, procede alle necessarie valutazioni tecniche. Tali verifiche consentono un riesame delle aree sulla base di dati territoriali più recenti per l’applicazione delle Guida Tecnica n. 29 di ISIN, nonché dei nuovi sviluppi progettuali. Le risultanze sono trasmesse a ISIN che, entro 30 giorni, esprime il proprio parere inviandolo al MASE e a Sogin.

Sogin, entro 30 giorni dal recepimento del parere di ISIN, predispone la proposta di Carta Nazionale delle Aree Autocandidate (CNAA), proponendone contestualmente il relativo ordine di idoneità sulla base di caratteristiche tecnico e socio-ambientali.

La CNAA è inviata al MASE che, nei successivi 30 giorni, avvia, con il supporto tecnico di Sogin, la procedura di Valutazione Ambientale Strategica (VAS) sulla proposta di CNAA, o in caso di mancata presentazione di autocandidature a ospitare il DNPT sulla proposta di CNAI.

Al termine della procedura di VAS ed entro 30 giorni, Sogin aggiorna la proposta di CNAA o di CNAI e il relativo ordine di idoneità rinviandola al MASE che recepisce il parere di ISIN elaborato in 30 giorni.

Con un proprio decreto, il MASE di concerto con il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti approva la CNAA o la CNAI con relativo ordine di idoneità che sono pubblicati sui siti internet dei due Ministeri, di ISIN e di Sogin.

Pubblicazione CNAI

La norma prevede che il Ministero della Transizione Ecologica, acquisito il parere tecnico dell’Ispettorato Nazionale per la Sicurezza Nucleare e la Radioprotezione (ISIN), approvi con proprio decreto la Carta, di concerto con il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili.

La pubblicazione della CNAI avvierà quindi la fase di concertazione finalizzata a raccogliere le manifestazioni di interesse, non vincolanti, a proseguire il percorso partecipato da parte delle Regioni e degli Enti locali nei cui territori ricadono le aree idonee, con l’obiettivo di arrivare a una decisione condivisa del sito nel quale realizzare il Deposito Nazionale.

Elenco delle aree presenti nella proposta di CNAI

Codice Area

Provincia

Comuni interessati

REGIONE BASILICATA

MT-1

Matera

Montalbano Jonico

MT-2

Matera

Montalbano Jonico

MT-3

Matera

Matera

MT-15

Matera

Bernalda

MT-16

Matera

Bernalda, Montescaglioso

MT_PZ-6

Matera, Potenza

Genzano di Lucania, Irsina

PZ-8

Potenza

Genzano di Lucania

PZ-9

Potenza

Genzano di Lucania

PZ-13

Potenza

Genzano di Lucania

PZ-14

Potenza

Genzano di Lucania

REGIONI BASILICATA E PUGLIA

BA_MT-4

Bari, Matera

Altamura, Matera

BA_MT-5

Bari, Matera

Altamura, Matera

TA_MT-17

Matera, Taranto

Laterza, Matera

TA_MT-18

Matera, Taranto

Laterza, Matera

REGIONE LAZIO

VT-8

Viterbo

Montalto di Castro

VT-9

Viterbo

Canino, Cellere, Ischia di Castro

VT-11

Viterbo

Soriano nel Cimino, Vasanello, Vignanello

VT-12

Viterbo

Corchiano, Vignanello

VT-15

Viterbo

Corchiano, Gallese

VT-16

Viterbo

Corchiano

VT-20

Viterbo

Gallese, Vignanello

VT-24

Viterbo

Canino, Montalto di Castro

VT-25

Viterbo

Tarquinia, Tuscania

VT-26

Viterbo

Canino

VT-27

Viterbo

Canino, Montalto di Castro

VT-28

Viterbo

Arlena di Castro, Tuscania

VT-29

Viterbo

Ischia di Castro

VT-30_A

Viterbo

Arlena di Castro, Piansano, Tuscania

VT-30_B

Viterbo

Piansano, Tuscania

VT-31

Viterbo

Tuscania

VT-32_A

Viterbo

Arlena di Castro, Tessennano, Tuscania

VT-32_B

Viterbo

Arlena di Castro, Tuscania

VT-33

Viterbo

Tessennano, Tuscania

VT-34

Viterbo

Canino

VT-36

Viterbo

Montalto di Castro

REGIONE PIEMONTE

AL-1

Alessandria

Bosco Marengo, Novi Ligure

AL-3

Alessandria

Alessandria, Oviglio

AL-8

Alessandria

Alessandria, Quargnento

AL-13

Alessandria

Castelnuovo Bormida, Sezzadio

AL-14

Alessandria

Fubine Monferrato, Quargnento

REGIONE PUGLIA

BA-5

Bari

Gravina in Puglia

REGIONE SARDEGNA

OR-60

Oristano

Albagiara, Assolo, Usellus

OR-61

Oristano

Albagiara, Usellus

SU-31

Sud Sardegna

Mandas, Siurgus Donigala

SU-44

Sud Sardegna

Segariu, Villamar

SU-45

Sud Sardegna

Setzu, Tuili, Turri, Ussaramanna

SU-47

Sud Sardegna

Nurri

SU-73_C

Sud Sardegna

Ortacesus

SU-74

Sud Sardegna

Guasila

REGIONE SICILIA

TP-9

Trapani

Calatafimi-Segesta

TP-11

Trapani

Trapani

...

Update 05.01.2021 / Mappe allegate

Il presente documento "CNAPI Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee" per la consultazione pubblica è riferito all’avvio della procedura per la localizzazione, costruzione ed esercizio del Deposito Nazionale dei rifiuti radioattivi e Parco Tecnologico, ai sensi del Decreto legislativo 15 febbraio 2010, n. 31.

Il documento individua 67 aree che soddisfano i 25 criteri stabiliti nel 2014-2015. Si tratta di Comuni raccolti in cinque macrozone, così definite: 

- Piemonte con 8 aree tra le province di Torino e Alessandria (Comuni di Caluso, Mazzè, Rondissone, Carmagnola, Alessandria, Quargento, Bosco Marengo e così via); 
- Toscana-Lazio con 24 aree tra Siena, Grosseto e Viterbo (che comprendono i Comuni di Pienza, Campagnatico, Ischia e Montalto di Castro, Canino, Tuscania, Tarquinia, Vignanello, Gallese, Corchiano); 
- Basilicata-Puglia con 17 aree tra Potenza, Matera, Bari, Taranto (Comuni di Genzano, Irsina, Acerenza, Oppido Lucano, Gravina, Altamura, Matera, Laterza, Bernalda, Montalbano, Montescaglioso; poi le Isole,
- Sardegna (14 aree) in provincia di Oristano (Siapiccia, Albagiara, Assolo, Usellus, Mogorella, Villa Sant’Antonio), Sud Sardegna (Nuragus, Nurri, Genuri, Setzu, Turri, Pauli Arbarei, Ortacesus, Guasila, Segariu, Villamar, Gergei e altri);
- Sicilia, 4 aree nelle province di Trapani, Palermo, Caltanissetta (Comuni di Trapani, Calatafimi, Segesta, Castellana, Petralia, Butera).

Sogin S.p.A (di seguito Sogin), con sede in Roma, via Marsala 51/c, ai sensi degli articoli 25, 26 e 27 del D.lgs. n. 31/2010, è il soggetto responsabile della localizzazione, realizzazione e dell’esercizio del Deposito Nazionale destinato allo smaltimento a titolo definitivo dei rifiuti radioattivi e del Parco Tecnologico.

Sogin, tenendo conto dei criteri previsti nella Guida Tecnica n. 29 dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) elaborati sulla base degli standard dell’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica (AIEA), definisce una proposta di Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee (CNAPI) a ospitare il Deposito Nazionale e Parco Tecnologico, proponendone contestualmente un ordine di idoneità sulla base di caratteristiche tecniche e socio-ambientali delle suddette aree, nonché un progetto preliminare per la realizzazione del Parco stesso.

Come previsto dall’art. 27, comma 3, del D.lgs. n. 31/2010 Sogin, dopo aver ricevuto il nulla osta dai Ministeri dello Sviluppo Economico e dell’Ambiente, pubblica sul sito internet depositonazionale.it, direttamente raggiungibile dal sito istituzionale sogin.it, la proposta di Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee, con l’ordine della idoneità delle aree identificate sulla base delle caratteristiche tecniche socio-ambientali, il progetto preliminare e la relativa documentazione.

Nei sessanta giorni successivi alla pubblicazione (ex art. 27, comma 3 del D.lgs. n. 31/2010), le Regioni, gli Enti locali, nonché i soggetti portatori di interessi qualificati, possono formulare osservazioni e proposte tecniche in forma scritta e non anonima secondo le modalità indicate sul sito depositonazionale.it.

Il presente documento si inserisce nell'ambito del suddetto procedimento ed elenca tutta la documentazione posta in consultazione in base a quanto previsto dall’articolo 27 del D.lgs. n. 31/2010.

________

Rappresentazione grafica sintetica delle aree potenzialmente idonee individuate nella CNAPI

Rappresentazione grafica

...

Come stabilito dall’art. 27 del D.lgs. 31/2010, la CNAPI individua le aree le cui caratteristiche soddisfano sia i criteri di localizzazione definiti da ISPRA (oggi ISIN) nella Guida Tecnica n. 29​, che i requisiti indicati nelle Linee Guida IAEA (International Atomic Energy Agency).

Secondo quanto riportato nella Guida Tecnica n. 29, “per ‘aree potenzialmente idonee’ si intendono le aree, anche vaste, che presentano caratteristiche favorevoli alla individuazione di siti in grado di risultare idonei alla localizzazione del deposito attraverso successive indagini tecniche specifiche e sulla base degli esiti di analisi di sicurezza condotte tenendo conto delle caratteristiche progettuali della struttura del deposito”.

Sogin ha elaborato la proposta di CNAPI adottando, per l’analisi di una vastissima raccolta di dati territoriali, ​una procedura ​che ha consentito di applicare i criteri indicati nella Guida Tecnica n. 29 e così di escludere progressivamente le aree non potenzialmente idonee.

Per ciascuna delle aree potenzialmente idonee oggi individuate nella Carta è disponibile una relazione sulle caratteristiche geologiche, naturalistiche e antropiche a scala regionale. Come previsto dal Decreto, è stata proposta una classificazione in gruppi delle aree individuate in base alle caratteristiche di idoneità riscontrate. La proposta di CNAPI è presentata in una versione interattiva e navigabile che consente di visualizzare le aree potenzialmente idonee, l’estensione del territorio escluso per ciascun criterio e l’effetto della sovrapposizione dei criteri.

Sono, inoltre, disponibili le tavole in formato .pdf/A

DNGS00195 - Proposta di Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee Tav 1
DNGS00195 - Proposta di Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee Tav 2
DNGS00195 - Proposta di Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee Tav 3
DNGS00195 - Proposta di Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee Tav 4
DNGS00195 - Proposta di Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee Tav 5
DNGS00195 - Proposta di Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee Tav 6​​

______

Fonte: SOGIN

Collegati:

Tags: Ambiente Rifiuti radioattivi

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

DPCM 22 febbraio 2024
Apr 12, 2024 62

DPCM 22 febbraio 2024

DPCM 22 febbraio 2024 ID 21682 | 12.04.2024 DPCM 22 febbraio 2024 - Adozione della nota metodologica relativa all'aggiornamento e alla revisione della metodologia per i fabbisogni dei comuni per il 2023 ed il fabbisogno standard complessivo per ciascun comune delle regioni a statuto ordinario. (GU… Leggi tutto
Regolamento delegato  UE  2024 873
Apr 04, 2024 161

Regolamento delegato (UE) 2024/873

Regolamento delegato (UE) 2024/873 / Procedure di assegnazione gratuita quote di emissioni ID 21631 | 04.04.2024 Regolamento delegato (UE) 2024/873 della Commissione, del 30 gennaio 2024, che modifica il regolamento delegato (UE) 2019/331 per quanto riguarda le norme transitorie per l’insieme… Leggi tutto
The implementation of the DNSH priciple EU 2024
Apr 02, 2024 88

The implementation of the ‘Do No Significant Harm’ principle in selected EU instruments

The implementation of the ‘Do No Significant Harm’ (DNS) principle in selected EU instruments / A comparative analysis ID 21608 | 02.04.2024 / In allegato In its more common formulation in the European Union (EU) policy context, the Do No Significant Harm principle aims to ensure that EU policies… Leggi tutto
Sintesi istruttorie ENEA GSE   PREPAC
Mar 30, 2024 131

Sintesi istruttorie ENEA-GSE / PREPAC

Il Programma per la Riqualificazione energetica degli Edifici della Pubblica Amministrazione Centrale ID 21604 | 30.03.2024 / In allegato In occasione dei dieci anni dall'istituzione del PREPAC, il Programma di Riqualificazione degli Edifici della Pubblica Amministrazione Centrale istituito… Leggi tutto

Più letti Ambiente