Slide background
Slide background
Slide background




Direttiva 2013/30/UE Piani esterni di risposta alle emergenze offshore

ID 7141 | | Visite: 1006 | Documenti Ambiente UEPermalink: https://www.certifico.com/id/7141

External offshore emergency response plans

Direttiva 2013/30/UE Piani esterni di risposta alle emergenze offshore

Relazione CE - 24 Ottobre 2018

La presente relazione è un'analisi preliminare della conformità della situazione esistente relativa ai piani di risposta alle emergenze offshore con i requisiti dell'articolo 29 e degli allegati VII e VIII della direttiva sulla sicurezza in mare

Questo rapporto costituirà la base per la prossima fase dell'assegnazione del progetto, che riguarderà la fornitura agli Stati membri, su loro richiesta, di un servizio di consulenza per guidarli e assisterli nella preparazione della loro risposta di emergenza esterna nazionale offshore.

Garantire alti livelli di sicurezza nell'industria europea del petrolio e del gas offshore è di fondamentale importanza per la Commissione europea e gli Stati membri. A tale scopo, la direttiva sulla sicurezza in mare aperto (2013/30/UE) ha introdotto nuovi requisiti di sicurezza e ha imposto dazi addizionali sia al settore offshore che alle autorità di regolamentazione dell'UE.

In particolare, l'articolo 29 della direttiva sulla sicurezza in mare (OSD) impone agli Stati membri di preparare, in cooperazione con gli operatori o proprietari interessati e, a seconda dei casi, i licenziatari e l'autorità competente, i piani di emergenza esterni (EERP) che coprono tutto il petrolio offshore e installazioni di gas o infrastrutture connesse e aree potenzialmente interessate nella loro giurisdizione.

L'articolo 29 della direttiva sulla sicurezza in mare richiede che i piani europei di ripresa economica siano preparati conformemente agli allegati VII e VIII e che siano messi a disposizione della Commissione, degli altri Stati membri e del pubblico.
Una cooperazione efficace ed efficiente deve essere raggiunta attraverso misure volte a conseguire elevati livelli di compatibilità e interoperabilità delle risorse di risposta alle emergenze, ovvero attrezzature e competenze, e il coordinamento delle risorse di intervento supplementari da parte delle organizzazioni di risposta degli Stati membri all'evolversi della situazione.

Articolo 29 direttiva 2013/30/UE

Piani esterni di risposta alle emergenze e preparazione alle emergenze

1. Gli Stati membri predispongono piani esterni di risposta alle emergenze che coprono tutti gli impianti in mare nel settore degli idrocarburi o le infrastrutture connesse e tutte le zone potenzialmente interessate nell’ambito della loro giurisdizione.

Gli Stati membri specificano il ruolo e gli obblighi finanziari di licenziatari e operatori nei piani di risposta esterna all’emergenza.

2. I piani esterni di risposta alle emergenze sono predisposti dallo Stato membro in collaborazione con gli operatori e proprietari interessati e, se del caso, con i licenziatari e l’autorità competente e tengono conto della versione più aggiornata dei piani interni di risposta alle emergenze degli impianti esistenti o pianificati o delle infrastrutture connesse esistenti o pianificate nell’area coperta dal piano esterno di risposta alle emergenze.

3. I piani esterni di risposta alle emergenze sono redatti in conformità dell’allegato VII e sono resi disponibili alla Commissione, ad altri Stati membri eventualmente interessati e al pubblico.

Nel rendere disponibili i rispettivi piani esterni di risposta alle emergenze, gli Stati membri provvedono affinché le informazioni divulgate non mettano a rischio la sicurezza e le operazioni degli impianti in mare nel settore degli idrocarburi e non ledano gli interessi economici degli Stati membri o la sicurezza personale e il benessere di funzionari degli Stati membri.

4. Gli Stati membri adottano misure adeguate per raggiungere un elevato livello di compatibilità e interoperabilità delle attrezzature e delle competenze d’intervento di tutti gli Stati membri in una regione geografica, e se necessario al di là di essa. Gli Stati membri incoraggiano l’industria a sviluppare attrezzature di risposta e servizi a contratto che siano compatibili e interoperabili in tutta la regione geografica.

5. Gli Stati membri tengono un registro delle attrezzature e dei servizi di risposta alle emergenze conformemente all’allegato VIII, punto 1. Tale registro è a disposizione di altri Stati membri potenzialmente interessati e della Commissione e, su una base di reciprocità, dei paesi terzi limitrofi.

6. Gli Stati membri garantiscono che operatori e proprietari verifichino periodicamente la propria preparazione a rispondere efficacemente a incidenti gravi in stretta cooperazione con le pertinenti autorità degli Stati membri.

7. Gli Stati membri provvedono affinché le autorità competenti o, se del caso, i punti di contatto elaborino scenari per la cooperazione nelle emergenze. Se necessario, tali scenari sono valutati e aggiornati periodicamente.

Tuttavia, in un certo numero di casi i requisiti dell'articolo 29 si riflettono (o si riflettono in parte) nelle attuali procedure e piani operativi nazionali, come i piani di emergenza nazionali, i piani di risposta all'inquinamento marino ei piani di ricerca e salvataggio.

La direzione generale dell'Energia della Commissione europea (DG ENER) ha incaricato il Centro comune di ricerca (JCR) della Commissione di analizzare i piani operativi esistenti degli Stati membri che sono rilevanti per la risposta all'emergenza offshore di petrolio e gas, allo scopo di identificare possibili si sovrappone, incertezze o lacune nei ruoli dei vari organismi degli Stati membri coinvolti nei piani di ripresa europei e valuta se questi piani sono conformi all'OSD.

Sulla base della raccolta della pertinente documentazione pubblicamente disponibile e delle risposte fornite da dodici Stati membri a un questionario preparato dal CCR e distribuito dalla DG ENER nell'agosto 2017, il CCR ha condotto un'analisi preliminare della conformità della situazione esistente ai requisiti della Articolo 29 e allegati VII e VIII della direttiva.

Questo progetto di relazione contiene i risultati di un'analisi preliminare che è stata rivista dalla maggioranza degli Stati membri interessati. Anche il feedback ricevuto in una fase successiva è incluso.

Questo rapporto costituirà la base per la prossima fase dell'assegnazione del progetto, che riguarderà la fornitura agli Stati membri, su loro richiesta, di un servizio di consulenza per guidarli e assisterli nella preparazione dei loro piani nazionali di risposta alle emergenze.

L'obiettivo di quest'ultima fase del progetto, che coinvolgerà solo gli Stati membri volontari, è quello di eseguire un'analisi delle lacune/carenze nei loro EERP esistenti (o in preparazione) e formulare proposte dettagliate su come migliorare i loro piani fino a un livello adeguato Quest'ultima fase del progetto è la più importante e comporterà interazioni bilaterali con gli Stati membri.
Il presente rapporto è strutturato come segue. Dopo una breve introduzione al progetto del piano di risposta alle emergenze esterne con il sondaggio dei piani nazionali degli Stati membri per la risposta alle emergenze e l'inquinamento marino (Sezione 1), un'analisi della conformità dei piani operativi degli Stati membri per la risposta di emergenza ai requisiti dell'articolo 29 dell'OSD è effettuata nella sezione 2. Un confronto tra i piani nazionali e le prescrizioni degli allegati VII e VIII dell'OSD sono fornite rispettivamente nelle sezioni 3 e 4.

La tabella riassuntiva con i risultati dell'analisi complessiva della conformità degli Stati membri ai requisiti della direttiva 2013/30/UE relativa ai piani esterni di risposta alle emergenze offshore è riportata nella sezione 5. Le conclusioni si trovano nella sezione 6.

______

Fonte: Commissione Europea

Collegati:


Pin It
Scarica questo file (Directie 2013 30 EU - External offshore emergency response plans.pdf)Directive 2013/30/EU - External offshore emergency response plansCE - 24 Ottobre 2018EN1389 kB(155 Downloads)

Tags: Ambiente Emergenze Acque

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

Regolamento UE 2020 741
Giu 05, 2020 32

Regolamento (UE) 2020/741

Regolamento (UE) 2020/741 Regolamento (UE) 2020/741 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 25 maggio 2020 recante prescrizioni minime per il riutilizzo dell’acqua GU L 177/32 del 05.06.2020 Entrata in vigore: 25.06.2020____ Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Il presente regolamento stabilisce le… Leggi tutto
Decreto 14 febbraio 2020
Mag 27, 2020 121

Decreto 14 febbraio 2020

Decreto 14 febbraio 2020 Posticipo dell'entrata in vigore del decreto 14 novembre 2016, concernente «Modifiche all'allegato I del decreto legislativo 2 febbraio 2001, n. 31, recante: "Attuazione della direttiva 98/83/CE relativa alla qualita' delle acque destinate al consumo umano". (GU Serie… Leggi tutto
Spiaggia ecologia
Mag 26, 2020 68

ISPRA Manuale 192/2020 | La Spiaggia Ecologica

ISPRA Manuale 192/2020 | La Spiaggia Ecologica La Spiaggia Ecologica: gestione sostenibile della banquette di Posidonia oceanica sugli arenili del Lazio Lo spiaggiamento delle foglie di Posidonia oceanica è un fenomeno naturale, che annualmente si rileva lungo le coste del Mar Mediterraneo. L’uso… Leggi tutto
Amianto
Mag 25, 2020 57

Amianto nelle rocce ofiolitiche in Calabria

Amianto nelle rocce ofiolitiche in Calabria INAIL, 25.05.2020 Il tema dell’esposizione ambientale naturale a fibre asbestiformi risulta connesso alla diffusa presenza di affioramenti ofiolitici nell’arco alpino e sulla dorsale appenninica, alla possibile esposizione ambientale causata dai fenomeni… Leggi tutto
Mag 23, 2020 96

Economics and Cross-Media Effects

Economics and Cross-Media Effects Integrated Pollution Prevention and Control Reference Document July 2006 Collegati
Direttiva 2010/75/UETabella Documenti BREF / BAT Direttiva IED (2010/75/UE)
Leggi tutto
BREF Production of Wood based Panels
Mag 23, 2020 90

BREF Production of Wood-based Panels

Best Available Techniques (BAT) Reference Document for the Production of Wood-based Panels Industrial Emissions Directive 2010/75/EU (Integrated Pollution Prevention and Control) The BAT reference document (BREF) entitled ‘Production of Wood-based Panels' forms part of a series presenting the… Leggi tutto

Più letti Ambiente