Slide background
Slide background
Slide background




Linee guida audit rifiuti lavori demolizione e ristrutturazione

ID 6073 | | Visite: 2777 | Documenti Ambiente UEPermalink: https://www.certifico.com/id/6073

Guidelines waste audits before demolition

Linee guida audit rifiuti prima dei lavori di demolizione e ristrutturazione degli edifici

Update 14.09.2018 - Versione in IT

Aprile 2018

Guidelines for the waste audits before demolition and renovation works of buildings

Questo documento fornisce una guida sulle migliori pratiche per la valutazione dei flussi di rifiuti da costruzione e demolizione prima della demolizione o ristrutturazione di edifici e infrastrutture, denominata "audit dei rifiuti". Lo scopo dell'orientamento è di facilitare e massimizzare il recupero di materiali e componenti dalla demolizione o ristrutturazione di edifici e infrastrutture per il riutilizzo e il riciclaggio utili, senza compromettere le misure e le pratiche di sicurezza delineate nel Protocollo europeo di demolizione.

Questo protocollo afferma che:

- Qualsiasi progetto di demolizione, ristrutturazione o costruzione deve essere ben pianificato e gestito al fine di ridurre gli impatti sull'ambiente e sulla salute, fornendo al contempo importanti vantaggi in termini di costi.
- Gli audit dei rifiuti (o audit pre-demolizione come definiti nel Protocollo europeo di demolizione) devono essere eseguiti prima di qualsiasi progetto di ristrutturazione o demolizione, per qualsiasi materiale da riutilizzare o riciclare, nonché per i rifiuti pericolosi.
- Le autorità pubbliche dovrebbero decidere la soglia per gli audit pre-demolizione (che è attualmente altamente variabile nell'UE).
- I controlli dei rifiuti tengono pienamente conto dei mercati locali per i rifiuti C & D e materiali riutilizzati e riciclati.
- Una buona verifica dei rifiuti deve essere effettuata da un esperto qualificato.

Lo scopo della Linea Guida comprende i rifiuti da lavori di costruzione, ristrutturazione e demolizione. Esclude, tuttavia la fase di progettazione, così come i terreni di scavo e dragaggio. Per quanto riguarda la copertura geografica, questo documento è stato sviluppato per la sua applicazione in tutti i 28 Stati membri dell'Unione europea. Include buone pratiche da in tutta l'UE che può essere fonte d'ispirazione sia per i responsabili politici sia per i professionisti.

La linea guida ha i seguenti gruppi target di stakeholder:

- professionisti del settore; settore delle costruzioni (comprese le imprese di ristrutturazione e le imprese di demolizione), rifiuti trattamento, trasporto e logistica, nonché società di riciclaggio;
- autorità pubbliche a livello locale, regionale, nazionale e dell'UE;
- Organismi di certificazione della qualità per la costruzione e l'infrastruttura.

Partecipanti audit rifiuti

La figura 1 illustra il processo di gestione dei rifiuti, mostrando gli attori coinvolti e le relazioni tra le fasi e responsabilità. Gli attori coinvolti sono:

- Il proprietario è responsabile della nomina di un revisore dei conti per la stesura di una verifica dei rifiuti per l'identificazione e classificazione dei rifiuti e pianificazione preliminare del loro trattamento;

- L'autorità rilascia permessi di demolizione o ristrutturazione e dovrebbe stabilire meccanismi per accertare (direttamente o con l'intervento di terze parti) che vengono eseguite analisi dei rifiuti, incluso un sistema di controllo della qualità e le loro raccomandazioni seguirono;

- Il revisore  o il gruppo di revisione è un esperto responsabile della revisione dei rifiuti. Il revisore deve essere qualificato esperto con conoscenza adeguata dei materiali da costruzione attuali e storici (compresi materiali pericolosi), tecniche di costruzione attuali e storiche e storia dell'edificio e familiarità con tecniche di demolizione, rifiuti trattamento e lavorazione, nonché con i mercati (locali);

- Il contraente è responsabile delle operazioni di demolizione / decostruzione / ristrutturazione definite nel contratto con il proprietario. Il contraente dovrebbe contribuire agli aspetti di tracciabilità dei rifiuti;

- Il gestore dei rifiuti è responsabile della gestione e dello smaltimento appropriati dei rifiuti ricevuti da il detentore del rifiuto o il produttore. Il gestore dei rifiuti dovrebbe anche contribuire agli aspetti di tracciabilità dei rifiuti;

-  Il produttore  può contribuire alla revisione dei rifiuti fornendo soluzioni e/o requisiti per il materiali e componenti riutilizzati/riciclati.

Guidelines waste audits before demolition fig 1

Figure 1: Role of waste audit actors in the waste management process

.....

Table of content
Foreword
1. Introduction
1.1. Purpose of the waste audit
1.2. Participants in the waste audit
2. Waste audit
2.1. Inventory of materials and elements
2.2. Waste management recommendations
2.3. Reporting
3. Quality Assessment of waste audits
3.1. Requirements for auditors
3.2. Traceability
4. Recommended waste audit process
4.1. Desk study
4.2. Field survey
4.3. Inventory of materials and elements
5. Waste management recommendations
5.1. Reporting
6. European Waste Catalogue
7. Recommended template for inventory of materials
8. Recommended template for inventory of building element
9. Recommended template for waste management recommendations
10. Recommended template for waste traceability
11. Annexes
11.1. Examples of international, EU and national policy and framework conditions
12. Best practice examples
12.1. Waste logistics
12.2. Waste processing and treatment
12.3. Quality management and assurance
13. Glossary
CHECK LIST
Identification and statistics (key aspects are highlighted in grey)

Fonte: Commissione Europea



Tags: Ambiente Rifiuti Abbonati Ambiente

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

2021 958
Giu 15, 2021 42

Decisione di esecuzione (UE) 2021/958

Decisione di esecuzione (UE) 2021/958 Decisione di esecuzione (UE) 2021/958 della Commissione del 31 maggio 2021 che stabilisce il formato per la comunicazione dei dati e delle informazioni sugli attrezzi da pesca immessi sul mercato e sui rifiuti di attrezzi da pesca raccolti negli Stati membri e… Leggi tutto
Giu 14, 2021 75

Linee guida Criteri Minimi per le Ispezioni Ambientali (CMIA)

Linee guida Criteri Minimi per le Ispezioni Ambientali (CMIA) ISPRA, 30.06.2014 (Delibera CF n. 40 del 30.06.2014) 1. I CONTROLLI AMBIENTALI NELLA UE1.1 IL QUADRO DI RIFERIMENTO ITALIANO2 DEFINIZIONI, CICLO REGOLATORE E ISPEZIONI AMBIENTALI2.1 DEFINIZIONI2.2 CICLO REGOLATORE2.3 CONTROLLO DELLA… Leggi tutto
Giu 14, 2021 33

Raccomandazione 2001/331/CE

Raccomandazione 2001/331/CE Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio, del 4 aprile 2001, che stabilisce i criteri minimi per le ispezioni ambientali negli Stati membri (GU L 118 del 27.4.2001) Leggi tutto
EEA Italian bathing water quality in 2020
Giu 14, 2021 49

Rapporto EEA sulle acque di balneazione in Italia 2020

Rapporto EEA sulle acque di balneazione in Italia 2020 EEA, 01.06.2021 La relazione annuale sulle acque di balneazione pubblicata il 1° giugno 2021, evidenzia che nel 2020 quasi l'83 % dei siti di balneazione europei ha rispettato gli standard di qualità più severi dell'Unione europea, meritandosi… Leggi tutto
Giu 11, 2021 44

Direttiva (UE) 2015/1513

Direttiva (UE) 2015/1513 Direttiva (UE) 2015/1513 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 9 settembre 2015, che modifica la direttiva 98/70/CE, relativa alla qualità della benzina e del combustibile diesel, e la direttiva 2009/28/CE, sulla promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili… Leggi tutto
Revision of EU ecolabel criteria for cosmetic products
Giu 07, 2021 85

Revision of EU ecolabel criteria for cosmetic products

Revision of EU ecolabel criteria for cosmetic products Revision of EU ecolabel criteria for cosmetic products and animal care products (previously Rinse-off Cosmetic Products)This Technical Report aims at providing a technical basis to the revision process of the EU Ecolabel criteria for Rinse-off… Leggi tutto
Giu 03, 2021 67

Decisione 94/3/CE

Decisione 94/3/CE Decisione 94/3/CE della Commissione, del 20 dicembre 1993, che istituisce un elenco di rifiuti conformemente all'articolo 1 a) della direttiva 75/442/CEE del Consiglio relativa ai rifiuti (GU L 5 del 7.1.1994) Abrogata da: Decisione 2000/532/CE della Commissione, del 3 maggio… Leggi tutto

Più letti Ambiente