Slide background
Slide background
Slide background

Lampadine alogene vietate dal 1° settembre

ID 6687 | | Visite: 1357 | News ambientePermalink: https://www.certifico.com/id/6687

Lampadine alogene divieto

Lampadine alogene vietate dal 1° settembre 2018

Prevista come scadenza il 1° Settembre 2016, il Regolamento (UE) 1428/2015 ha spostato al 1° settembre 2018 il divieto di commercializzare lampade alogene (Fase 6 del Regolamento (CE) 244/2009). Non tutte le lampade alogene saranno vietate dal 1° settembre 2018 ma solo alcune.

In particolare, l'Ue mette vieta le alogene con un indice di efficienza energetica inferiore a B: le classiche lampadine alogene in vetro, non direzionali, con attacco a vite E27 o E14 che funzionano senza trasformatore, insieme alle lampadine alogene non direzionali con attacco speciale (G4 e GY6.35). Non saranno vietate invece le lampade alogene con prese R7 e G9 e almeno una classe energetica di C.

Il Regolamento (UE) 1428/2015, emendamento della Direttiva Ecodesign approvato dal Comitato Regolatore lo scorso 17 aprile 2015, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea il 27 agosto 2015 ed entrerà in vigore il 27 febbraio 2016 (6 mesi dopo la pubblicazione su Gazzetta Ufficiale).

L’emendamento introduce una serie di modifiche al:

Regolamento (CE) 244/2009 (lampade non direzionali per illuminazione domestica), 
Regolamento (CE) 245/2009 (requisiti di EcoDesign per le lampade fluorescenti senza alimentatore integrato, per lampade a scarica ad alta intensità e di alimentatori e apparecchi di illuminazione in grado di far funzionare tali lampade)
- Regolamento (UE) 1194/2012 (requisiti di progettazione ecocompatibile per le lampade direzionali, lampade LED e relative apparecchiature) soprattutto volte ad allinearlo per quanto possibile alla versione aggiornata del Regolamento (CE) 244/2009.

La principale modifica introdotta al Regolamento 244 è lo slittamento dal 2016 al 1 settembre 2018 dell’entrata in vigore dei requisiti più restrittivi di efficienza energetica della “fase 6” per le lampade per l’illuminazione domestica, determinando di fatto il bando della maggior parte delle tipologie di lampade ad alogeni (nella versione a tensione di rete, con attacchi diversi da R7s e G9). La seconda modifica (per importanza) consiste nella nuova definizione di “Lampada per scopi speciali”. Con riferimento al Regolamento CE 245/2009, le variazioni intervenute erano ormai inderogabili perché i criteri prestazionali per le lampade a scarica ad alta intensità che nelle versioni ad alta potenza – già fissati dal regolamento del 2009 – non potevano essere soddisfatti. L’emendamento approvato elimina quindi il rischio che migliaia di campi sportivi europei possano rimanere al buio.

Infine, l’emendamento del Regolamento (UE) 1194/2012 accelera la trasformazione del mercato degli apparecchi di illuminazione verso la tecnologia LED e introduce una serie di modifiche volte ad allineare il Regolamento, per quanto possibile, alla versione aggiornata del Regolamento (CE) 244/2009. La modifica principale al Regolamento UE 1194/2012 è la limitazione, fino al 1 settembre 2016, della già esistente possibilità (per i produttori ed importatori) di riferirsi alla sola etichetta energetica degli apparecchi di illuminazione come possibile unica misura di Ecodesign per gli stessi se funzionanti (ovvero compatibili) solo con lampade a BASSA EFFICIENZA ENERGETICA.

A far data dal 1 settembre 2016, gli apparecchi d’illuminazione ricadenti nello scopo del Regolamento (UE) 1194/2012 (apparecchi per lampade a filamento, per lampade CFLi e per lampade LED) potranno continuare ad essere immessi sul mercato europeo solo se essi risulteranno essere pienamente compatibili con lampade di classe energetica almeno A+: il che si traduce in pratica che gli apparecchi d’illuminazione dovranno essere completamente in grado di far funzionare correttamente le lampade che dal 2016 si ipotizza essere solo quelle a tecnologia LED.

Regolamento (CE) 244/2009 (moficato)
...
Articolo 3 Requisiti di progettazione ecocompatibile

1. Le lampade non direzionali per uso domestico soddisfano i requisiti di progettazione ecocompatibile definiti all'allegato II.

Ogni requisito di progettazione ecocompatibile si applica in conformità delle fasi seguenti:

Fase 1: 1o settembre 2009,
Fase 2: 1o settembre 2010,
Fase 3: 1o settembre 2011,
Fase 4: 1o settembre 2012,
Fase 5: 1o settembre 2013,
Fase 6: 1o settembre 2018.

A meno che non sia sostituito o salvo indicazione contraria, un requisito continua a essere applicato congiuntamente a quelli introdotti in fasi successive

Collegati


Tags: Ambiente Impianti energy

Ultimi archiviati Ambiente

Manuali 188 2019
Mag 24, 2019 16

Funghi Comuni: Caratteristiche, Sosia e Aspetti Tossicologici Vol. 2

Funghi Comuni: Caratteristiche, Sosia e Aspetti Tossicologici Raccolta degli ulteriori 70 articoli pubblicati su AK-Informa. Volume 2 Manuali e linee guida 188/2019 Il presente secondo Volume del Manuale “Funghi comuni: caratteristiche, sosia e aspetti tossicologici” raccoglie ulteriori settanta… Leggi tutto
Decreto 19 marzo 2019
Mag 23, 2019 25

Decreto 19 marzo 2019

Decreto 19 marzo 2019 Sistema nazionale volontario di qualificazione del materiale di propagazione vegetale (GU Serie Generale n.119 del 23-05-2019 - Suppl. Ordinario n. 19) Art. 1. Campo di applicazione e finalità 1. Il presente decreto disciplina l’organizzazione e l’articolazione del Sistema… Leggi tutto
Mag 23, 2019 23

Decreto 6 novembre 2012

Decreto 6 novembre 2012 Modalità di trasmissione e tipologia di informazioni che le regioni sono tenute a comunicare per la rendicontazione alla Commissione europea sulle ricerche e i lavori riguardanti la protezione, la gestione e l'utilizzazione delle specie di uccelli, di cui all'articolo 1… Leggi tutto
Mag 23, 2019 17

D.P.R. 8 settembre 1997 n. 357

D.P.R. 8 settembre 1997 n. 357 Regolamento recante attuazione della direttiva 92/43/CEE relativa alla conservazione degli habitat natuali e seminaturali, nonche' della flora e della fauna selvatiche. (GU n.248 del 23-10-1997 - S.O. n. 219)_______ Il recepimento in Italia della Direttiva… Leggi tutto
Mag 22, 2019 17

D.Lgs. 4 marzo 2014 n. 26

Decreto legislativo 4 marzo 2014 n. 26 Attuazione della direttiva 2010/63/UE sulla protezione degli animali utilizzati a fini scientifici. (GU n.61 del 14-03-2014) Testo consolidato 2019 con gli atti: 17/11/2014 Errata Corrige (in G.U. 17/11/2014, n.267) relativo all'allegato VIII.17/11/2014 Errata… Leggi tutto
Mag 22, 2019 30

Direttiva 2010/63/CE

Direttiva 2010/63/CE Direttiva 2010/63/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 settembre 2010 , sulla protezione degli animali utilizzati a fini scientifici Testo rilevante ai fini del SEE OJ L 276 20.10.2010 Attuata con il: D.Lgs. 4 marzo 2014 n. 26 Collegati[box-note]D.Lgs. 4 marzo 2014… Leggi tutto
Direttiva 2009 147 CE Uccelli
Mag 22, 2019 55

Direttiva 2009/147/CE

Direttiva 2009/147/CE Direttiva 2009/147/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 30 novembre 2009 , concernente la conservazione degli uccelli selvatici GU L 20, 26.1.2010 Direttiva recepita con il D.P.R. 8 settembre 1997 n. 357 [panel]Direttiva uccelli La prima Direttiva comunitaria in… Leggi tutto
Mag 22, 2019 28

Direttiva 2007/2/CE

Direttiva 2007/2/CE Direttiva 2007/2/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 14 marzo 2007 che istituisce un'Infrastruttura per l'informazione territoriale nella Comunità europea (Inspire) GU L 108, 25.4.2007 Leggi tutto
Mag 22, 2019 32

Direttiva 86/278/CEE

Direttiva 86/278/CEE Direttiva 86/278/CEE del Consiglio del 12 giugno 1986 concernente la protezione dell'ambiente, in particolare del suolo, nell'utilizzazione dei fanghi di depurazione in agricoltura GU L 181, 4.7.1986 Attuata con: D.Lgs. 27 gennaio 1992 n. 99 Collegati[box-note]Decreto… Leggi tutto

Più letti Ambiente