Slide background
Slide background
Slide background
Slide background




Interpello ambientale 26.05.2023 - Emissioni sostanze pericolose impianti

ID 19784 | | Visite: 1003 | News ambientePermalink: https://www.certifico.com/id/19784

Interpello ambientale 26 05 2023   Emissioni sostanze pericolose impianti

Interpello ambientale 26.05.2023 - Emissioni sostanze pericolose impianti

ID 19784 | 09.06.2023 / In allegato Testo interpello Ambientale 

L’art. 27 del decreto-legge n. 77 del 31 maggio 2021 ha introdotto, all’art. 3 septies del D.lgs. 152/2006, l’istituto dell’interpello in materia ambientale, che consente di inoltrare al Ministero della transizione ecologica istanze di ordine generale sull’applicazione della normativa statale in materia ambientale. Una possibilità riconosciuta a Regioni, Province autonome di Trento e Bolzano, Province, Città metropolitane, Comuni, associazioni di categoria rappresentate nel Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro e associazioni di protezione ambientale a carattere nazionale o presenti in almeno cinque regioni o province autonome.

TUA | Testo Unico Ambiente
.
..

Art. 3-septies (Interpello in materia ambientale)

1. Le regioni,le Province autonome di Trento e Bolzano, le province, le citta' metropolitane, i comuni, le associazioni di categoria rappresentate nel Consiglio nazionale dell'economia e del lavoro, le associazioni di protezione ambientale a carattere nazionale e quelle presenti in almeno cinque regioni o province autonome di Trento e Bolzano, possono inviare al Ministero della transizione ecologica istanze di ordine generale sull'applicazione della normativa statale in materia ambientale. La risposta alle istanze deve essere data entro novanta giorni dalla data della loro presentazione. Le indicazioni fornite nelle risposte alle istanze di cui al presente comma costituiscono criteri interpretativi per l'esercizio delle attivita' di competenza delle pubbliche amministrazioni in materia ambientale, salva rettifica della soluzione interpretativa da parte dell'amministrazione con efficacia limitata ai comportamenti futuri dell'istante. Resta salvo l'obbligo di ottenere gli atti di consenso, comunque denominati, prescritti dalla vigente normativa. Nel caso in cui l'istanza sia formulata da piu' soggetti e riguardi la stessa questione o questioni analoghe tra loro, il Ministero della transizione ecologica puo' fornire un'unica risposta.

2. Il Ministero della transizione ecologica, in conformita' all'articolo 3-sexies del presente decreto e al decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 195, pubblica senza indugio le risposte fornite alle istanze di cui al presente articolo nell'ambito della sezione "Informazioni ambientali" del proprio sito internet istituzionale di cui all'articolo 40 del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33, previo oscuramento dei dati comunque coperti da riservatezza, nel rispetto del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196.

3. La presentazione delle istanze di cui al comma 1 non ha effetto sulle scadenze previste dalle norme ambientali, ne' sulla decorrenza dei termini di decadenza e non comporta interruzione o sospensione dei termini di prescrizione.

Tutti gli interpelli ambientali

Interpello ambientale 26.05.2023

Interpello ex art. 3-septies del d.lgs. 152/2006. Corretta identificazione delle sostanze e miscele di cui all’art. 271 comma 7 bis del d.lgs. 152/2006

...

Con l’atto di interpello in oggetto l’autorità regionale in indirizzo pone due quesiti in relazione all’articolo 271, comma 7bis, del d.lgs. 152/2006, relativo agli obblighi di limitazione e sostituzione delle sostanze di particolare pericolosità nei cicli produttivi da cui originano emissioni di tali sostanze.

In primo luogo, si richiede se il riferimento alle “classi di pericolo” con i codici generali H340, H350 e H360, per le sostanze e miscele soggette a tali obblighi, includa anche i codici supplementari (H350i, H360D, H360F, H360FD, H360Fd, H360Df).

Al riguardo, dato che, secondo la normativa di riferimento, le indicazioni di pericolo dei codici generali ricomprendono, sul piano sostanziale, le indicazioni di pericolo di tutti i codici supplementari (H350: può provocare il cancro; H350i: può provocare il cancro se inalato; H360: può nuocere alla fertilità o al feto; H360F: può nuocere alla fertilità; H360D: può nuocere al feto; ecc.), si deduce che l’applicazione della norma debba essere logicamente riferita a tutti i codici in esame.

Non osta la circostanza che un’altra norma del d.lgs. 152/2006 (l’art. 272, comma 4,) espliciti, ad altri fini (l’accesso alle autorizzazioni generali alle emissioni), i codici supplementari delle classi di pericolo, trattandosi solo di una distinta modalità descrittiva che produce invariabilmente, considerato il contenuto di tali codici, gli stessi effetti sul piano legale.

In secondo luogo, si richiede se il riferimento dell’articolo 271, comma 7bis, del d.lgs. 152/2006 alle sostanze “di tossicità e cumulabilità particolarmente elevata” debba identificarsi con l’elenco di sostanze “di tossicità e cumulabilità particolarmente elevata” previsto nell’allegato I alla parte quinta di tale decreto.

Al riguardo, si evidenzia che tale allegato I rappresenta, nella parte quinta del d.lgs. 152/2006, l’unica norma in cui sono individuate le sostanze definite “di tossicità e cumulabilità particolarmente elevata” e che pertanto, ai fini della coerenza della disciplina in esame, la locuzione usata dall’articolo 271, comma 7bis, deve essere riferita all’elenco dell’allegato

...

Collegati

Tags: Ambiente Emissioni Abbonati Ambiente Interpello ambientale

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

Lug 11, 2024 80

Legge 29 ottobre 1987 n. 441

Legge 29 ottobre 1987 n. 441 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 31 agosto 1987, n. 361, recante disposizioni urgenti in materia di smaltimento dei rifiuti. (GU n.255 del 31.10.1987) Collegati
Decreto-Legge 31 agosto 1987 n. 361
Leggi tutto
Lug 11, 2024 74

Decreto-Legge 31 agosto 1987 n. 361

Decreto-Legge 31 agosto 1987 n. 361 Disposizioni urgenti in materia di smaltimento dei rifiuti. Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 29 ottobre 1987, n. 441 (in G.U. 31/10/1987, n.255). (GU n.203 del 01.09.1987)______ Aggiornamenti all'atto 31/10/1987 LEGGE 29 ottobre 1987, n.… Leggi tutto
Ecosistemi terrestri ed incendi boschivi in Italia Anno 2023
Lug 01, 2024 112

Ecosistemi terrestri ed incendi boschivi in Italia: Anno 2023

Ecosistemi terrestri ed incendi boschivi in Italia: Anno 2023 ID 22151 | 01.07.2024 / In allegato Durante il 2023 l’Italia è stata colpita da incendi boschivi per una superficie complessiva di 1073 km2 (quasi un terzo della Val D’Aosta). Di questi, circa 157 km2 (una superficie confrontabile con… Leggi tutto
Raccomandazione  UE  2024 1722
Giu 19, 2024 166

Raccomandazione (UE) 2024/1722 della Commissione del 17.06.2024

Raccomandazione (UE) 2024/1722 | Recepimento nuova direttiva sull'efficienza energetica ID 22089 | 19.06.2024 Raccomandazione (UE) 2024/1722 della Commissione, del 17 giugno 2024, che stabilisce orientamenti per l’interpretazione dell’articolo 4 della direttiva (UE) 2023/1791 del Parlamento europeo… Leggi tutto
UNMIG databook 2024
Giu 11, 2024 170

UNMIG databook 2024

UNMIG databook 2024 ID 22042 | 11.06.2024 / In allegato La pubblicazione riporta i dati riferiti alle attività 2023 svolte dagli Uffici territoriali dell’UNMIG e dai Laboratori chimici e mineralogici, unitamente ai dati relativi alla situazione in Italia, al 31 dicembre 2023, delle attività di… Leggi tutto

Più letti Ambiente