Slide background
Slide background
Slide background




GPP | Nuovi criteri UE centri dati, sale server e servizi cloud

ID 10964 | | Visite: 112 | News ambientePermalink: https://www.certifico.com/id/10964

GPP Data centers

GPP | Nuovi criteri UE centri dati, sale server e servizi cloud

UE, 2020

Il presente documento elenca i criteri GPP dell'UE per i centri dati, le sale server e i servizi cloud. Una relazione tecnica di accompagnamento fornisce maggiori dettagli sui motivi che hanno determinato la selezione di tali criteri, nonché riferimenti a ulteriori informazioni.

I criteri sono suddivisi in criteri di selezione, specifiche tecniche, criteri di aggiudicazione e clausole di esecuzione del contratto.

I criteri sono di due tipi:

- criteri di base – destinati a consentire una facile applicazione degli appalti pubblici verdi, si concentrano su aspetti chiave delle prestazioni ambientali di un prodotto cercando di contenere al massimo i costi amministrativi per le imprese;
- criteri completi – tengono conto di un maggior numero di aspetti o di livelli più elevati di prestazioni ambientali e sono destinati alle autorità che vogliono impegnarsi più a fondo nel sostegno a obiettivi in materia di ambiente e di innovazione.

La frase "I criteri di base e i criteri generali presentano gli stessi requisiti" è inserita quando i criteri sono identici per entrambi i tipi.

Il gruppo di prodotti. "centri dati, sale server e servizi cloud" comprende:

- centri dati, ovvero strutture o gruppi di strutture, dedicati all'alloggio, all'interconnessione e al funzionamento centralizzati delle apparecchiature informatiche e per le telecomunicazioni di rete che forniscono servizi di archiviazione, trattamento e trasporto dei dati, insieme a tutte le strutture e infrastrutture per la distribuzione dell'energia e il controllo ambientale e i richiesti livelli di resilienza e sicurezza necessari per garantire la disponibilità del servizio desiderato;

- sale server, denominate anche sale computer o armadi per server, ovvero stanze o porzioni di un edificio che soddisfano un carico informatico specifico, determinato dalla densità di potenza delle apparecchiature presenti nella stanza. Le sale server solitamente dispongono di un controllo TIC e possono avere capacità di alimentazione e raffreddamento dedicate. Le sale server sono centri dati aziendali ma su scala ridotta, normalmente alloggiate in un'area di dimensioni indicativamente inferiori a 46 m2 e costituite indicativamente da un massimo di 25 rack;

- centri dati che forniscono servizi digitali nel cloud, in cui il cliente paga per un servizio e il fornitore offre e gestisce l'hardware/software TIC e le apparecchiature del centro dati necessarie pererogare il servizio. Ciò include l'hosting contemporaneo di più clienti, che può assumere la forma di un ambiente applicativo cloud.

Diversi modelli d'impresa sono associati ai servizi cloud, ma è importante notare che l'ambito si estende solo alla componente dei centri dati. I più comuni servizi cloud individuati sono:

- servizi a livello di infrastruttura (IaaS): un fornitore di servizi offre ai clienti l'accesso a pagamento per l'archiviazione, il collegamento in rete, i server e altre risorse informatiche nel cloud;
- servizi a livello di piattaforma (PaaS): un fornitore di servizi offre l'accesso a un ambiente basato sul cloud nel quale gli utenti possono sviluppare e offrire applicazioni. Il fornitore mette a disposizione l'infrastruttura sottostante;
- servizi a livello di software (SaaS): un fornitore di servizi offre software e applicazioni attraverso internet. Gli utenti si abbonano al software e vi accedono tramite il web o le interfacce dei programmi applicativi del fornitore.

...

Fonte: Commissione Europea

Collegati:

Pin It


Tags: Ambiente Abbonati Ambiente Codice Appalti

Ultimi archiviati Ambiente

Il declino delle api e impollinatori  Riposte alle domande pi  frequenti
Lug 02, 2020 30

Il declino delle api e impollinatori. Riposte alle domande più frequenti

Il declino delle api e impollinatori. Riposte alle domande più frequenti Quasi il 90% delle piante selvatiche che fioriscono e oltre il 75% delle principali colture agrarie esistenti necessitano dell'impollinazione animale per produzione, resa e qualità dei prodotti. Essi sono essenziali per… Leggi tutto
Giu 25, 2020 108

Direttiva 2013/12/UE

Direttiva 2013/12/UE Direttiva 2013/12/UE del Consiglio, del 13 maggio 2013, che adatta la direttiva 2012/27/UE del Parlamento europeo e del Consiglio sull’efficienza energetica, in conseguenza dell’adesione della Repubblica di Croazia GU L 141 del 28.5.2013 Collegati[box-note]Direttiva… Leggi tutto
Giu 25, 2020 99

Raccomandazione (UE) 786/2019

Raccomandazione (UE) 786/2019 Al fine di agevolare il recepimento entro il 10/03/2020 della Direttiva 30/05/2018 n.844 (recante le disposizioni modificative e integrative della Direttiva sulla Prestazione energetica nell’edilizia 2010/31/UE recepita in Italia con la L.90), è stata pubblicata nella… Leggi tutto
Linee guida licheni
Giu 23, 2020 76

Linee guida per l'utilizzo dei licheni come bioaccumulatori

Linee guida per l'utilizzo dei licheni come bioaccumulatori ISPRA, 23.06.2020 Queste linee guida sono basate sulla revisione delle migliori pratiche e dei risultati di recenti studi metodologici e applicativi. Esse riguardano l’utilizzo di licheni epifiti (bioaccumulo mediante licheni nativi e… Leggi tutto
DIRETTIVA 2004 101 CE
Giu 17, 2020 73

Direttiva 2004/101/CE

Direttiva 2004/101/CE Direttiva 2004/101/CE del Parlamento europeo e Del consiglio del 27 ottobre 2004 recante modifica della direttiva 2003/87/CE che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità, riguardo ai meccanismi di progetto del Protocollo… Leggi tutto
D LGS 4 APRILE 2006 N  216
Giu 17, 2020 87

D.Lgs.4 aprile 2006 n. 216

D.Lgs.4 aprile 2006 n. 216 Attuazione delle direttive 2003/87 e 2004/101/CE in materia di scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunita', con riferimento ai meccanismi di progetto del Protocollo di Kyoto. (GU n.140 del 19-6-2006 - Suppl. Ordinario n. 150 ) Entrata in vigore… Leggi tutto

Più letti Ambiente