Slide background
Slide background
Slide background




Il manutentore di estintori d'incendio

ID 19859 | | Visite: 2854 | Prevenzione IncendiPermalink: https://www.certifico.com/id/19859

Il manutentore di estintori d incendio

Il manutentore di estintori d'incendio / Requisiti conformi a UNI 9994-2

ID 19859 | 24.06.2023 / In allegato documento completo

Il Manutentore di estintori d’incendio è dotato della competenza necessaria per eseguire le attività di manutenzione degli estintori previste dalla UNI 9994-1, dalle disposizioni legislative vigenti e dalle procedure speciali raccomandate dal produttore.

In base al livello di competenza ed ai compiti che esegue, il tecnico manutentore può essere classificato in due profili professionali:

- Tecnico Manutentore di estintori d’incendio
- Tecnico Manutentore di estintori d’incendio Senior

Il Tecnico Manutentore di Estintori certificato è in grado di adempiere esaustivamente ai seguenti compiti:

- Eseguire i controlli visivi, di integrità e documentali
- Eseguire i controlli strumentali
- Eseguire la sostituzione degli agenti estinguenti e dei componenti
- Eseguire il collaudo idrostatico
- Eseguire le registrazioni delle attività svolte, su supporto cartaceo o elettronico

Il Tecnico Manutentore di estintori di incendio senior, in aggiunta a quanto sopra indicato, sarà in grado di:

- Relazionarsi con il cliente in merito alle attività di controllo e manutenzione eseguite
- Coordinare e controllare l’attività di manutenzione

La norma 9994-2 definisce i requisiti di conoscenza, abilità e competenza relativi all'attività del Tecnico Manutentore di estintori d'incendio, ossia della figura professionale che svolge le attività di manutenzione di estintori d'incendio portatili e carrellati previste dalla UNI 9994-1.

Detti requisiti sono specificati, a partire dai compiti e attività specifiche identificati, in termini di conoscenza, abilità e competenza in conformità al quadro Europeo delle qualifiche (EQF) e sono espressi in maniera tale da agevolare i processi di valutazione e convalida dei risultati dell'apprendimento.

________

UNI 9994-2:2015
Apparecchiature per estinzioni incendi - Estintori di incendio - Parte 2: Requisiti di conoscenza, abilità e competenza del tecnico manutentore di estintori d'incendio

Compiti e attività specifiche della figura professionale

Generalità

La norma prevede, oltre al tecnico manutentore di estintori di incendio, anche la figura professionale di tecnico manutentore di estintori di incendio senior.

La UNI 9994-2:2015 stabilisce i requisiti identificati con la suddivisione tra compiti e attività specifiche svolte dalla figura professionale in termini di conoscenza, abilità e competenza secondo il quadro Europeo delle qualifiche (EQF). I requisiti sono indicati per consentire la valutazione dei risultati dell'apprendimento la conformità delle competenze.

Tecnico manutentore di estintori d'incendio

Il tecnico manutentore di estintori d'incendio nello svolgere la sua attività ha il compito di eseguire le procedure di manutenzione previste dalla UNI 9994-1, dalle disposizioni legislative vigenti e dalle procedure speciali raccomandate dal produttore dello specifico estintore oggetto di manutenzione. Il livello di competenze del tecnico manutentore si colloca al livello 2 dell'EQF.

Tecnico manutentore di estintori d'incendio senior

Il tecnico manutentore di estintori d'incendio senior nello svolgere la sua attività, oltre a quanto indicato al punto 4.2, è in grado di comunicare in modo efficace con il cliente e di proporre in autonomia soluzioni migliorative.

Il tecnico manutentore di estintori d'incendio senior può effettuare attività di coordinamento di attività di altri tecnici manutentori.

Il livello di competenze del tecnico manutentore di estintori d'incendio senior si colloca al livello 3 dell'EQF.

Al fine di definire i compiti relativi ai due differenti profili si rimanda al prospetto 1.

Prospetto 1 compiti e attività specifiche della figura professionale

Il manutentore di estintori d incendio   Prospetto 1

Schema 1 - Livelli EQF – Tecnico manutentore di estintori d’incendio

Il manutentore di estintori d incendio   Schema 1

Conoscenze, abilita e competenze associate alle attivita’ professionale

Per poter assolvere ai compiti di cui al punto 4, il tecnico manutentore di estintori d'incendio deve possedere le conoscenze, le abilità e le competenze elencate nei prospetti da 2 a 6 di seguito riportati.

Il tecnico manutentore di estintori d'incendio senior, oltre a quanto previsto per il tecnico manutentore di estintori d'incendio, deve possedere le conoscenze, le abilità e le competenze elencate nei prospetti 7 e 8.

[...]

Il manutentore di estintori d incendio   Prospetto 5

[...]

Elementi per la valutazione e convalida dei risultati dell'apprendimento

Generalità

Nel presente punto si forniscono, in forma di linee guida, gli elementi utili ai fini del percorso formativo e di apprendimento del tecnico manutentore di estintori d'incendio e del tecnico manutentore di estintori d'incendio senior in termini di accesso, di valutazione e di mantenimento.

Percorso di accesso e mantenimento

Accesso

Al momento della pubblicazione della presente norma l'esercizio dell'attività di tecnico manutentore di estintori d'incendio e di tecnico manutentore di estintori d'incendio senior non è subordinato ad uno specifico percorso formativo. Ai fini della presente norma si propongono i criteri per determinare l'accesso al processo di valutazione.

- diploma di scuola secondaria di primo grado (apprendimento formale);
- corso di formazione teorico pratico riguardante la manutenzione degli estintori d'incendio, che comprende tutti i contenuti della UNI 9994-1 (apprendimento non formale);
- periodo di pratica professionale documentabile in modo continuativo e prevalente, svolta per un periodo non inferiore a 6 mesi, svolgendo le attività previste dalla UNI 9994-1 ed indicate nei punti 4 e 5 della presente norma (apprendimento informale).

Valutazione del livello professionale

La valutazione dell'apprendimento a seguito del percorso formativo del tecnico manutentore di estintori d'incendio dovrebbe essere eseguita sulla base delle conoscenze, delle abilità e delle competenze di cui al punto 5.

I metodi di valutazione da applicare sono forniti nel prospetto 9.

Prospetto 9 Metodi di valutazione

Il manutentore di estintori d incendio   Prospetto 9

Per i metodi proposti è necessario superare positivamente ogni prova per accedere alla successiva.

Mantenimento

Al fine del mantenimento delle competenze, conoscenze ed abilità, di cui al punto 5, il tecnico manutentore di estintori d'incendio e il tecnico manutentore di estintori d'incendio senior devono seguire percorsi di aggiornamento continuo.

I percorsi di aggiornamento comprendono:

- eventi formativi organizzati da aziende produttrici di estintori di incendio;
- eventi formativi organizzati dalle associazioni di categoria del settore antincendio;

purché collegati alle attività del tecnico manutentore di estintori.

È opportuno prevedere attività di valutazione del mantenimento delle competenze, conoscenze ed abilità con periodicità massima di 3 anni.

Le attività di aggiornamento possono essere registrate e rese disponibili, quando richiesto, in occasione delle attività di valutazione delle competenze.

Organizzazione competente che effettua la valutazione e/o convalida

L’Organizzazione che effettua la valutazione e/o la convalida dei risultati dell'apprendimento deve:

- avere i requisiti di indipendenza, imparzialità, trasparenza, competenza e assenza di conflitti di interesse;
- assicurare l'omogeneità delle valutazioni;
- assicurare la verifica dell'aggiornamento professionale;
- definire, adottare e rispettare un proprio sistema qualità documentato e un proprio codice deontologico.

[...]

Decreto 1 settembre 2021 / Decreto controlli

Al tecnico antincendio qualificato sono affidati gli interventi di manutenzione e di controllo periodico sugli impianti e sulle attrezzature antincendio annotate sul registro antincendio obbligatorio per tutte le attività con almeno un lavoratore (Decreto 1 settembre 2021 come modificato dal Decreto Ministero dell'Interno del 15 settembre 2022).

Il Decreto 1 settembre 2021definisce "tecnico manutentore qualificato" la persona fisica in possesso dei requisiti tecnico-professionali di cui all’allegato II dello stesso.

Il Decreto 1 settembre 2021prevede che interventi di manutenzione e i controlli sugli impianti e le attrezzature e le altre misure di sicurezza antincendio siano eseguiti da tecnici manutentori qualificati.

Le modalità di qualificazione del tecnico manutentore sono stabilite nell’Allegato II del decreto.

Gli interventi di manutenzione e i controlli sugli impianti, le attrezzature e gli altri sistemi di sicurezza antincendio sono eseguiti e registrati nel rispetto delle disposizioni legislative e regolamentari vigenti, secondo la regola dell’arte, in accordo alle norme tecniche applicabili emanate dagli organismi di normazione nazionali o internazionali e delle istruzioni fornite dal fabbricante e dall’installatore, secondo i criteri indicati nell’Allegato I.

L’applicazione della normazione tecnica volontaria, come le norme ISO, IEC, EN, CEI, UNI, conferisce presunzione di conformità, ma rimane volontaria e non obbligatoria, a meno che non sia resa cogente da altre disposizioni.

Il datore di lavoro può attuare tali interventi anche attraverso il modello di organizzazione e gestione di cui all’articolo 30 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81.

La manutenzione e il controllo periodico di impianti, attrezzature e altri sistemi di sicurezza antincendio devono essere effettuati da tecnici manutentori qualificati, nel rispetto delle disposizioni legislative e regolamentari vigenti, secondo la regola dell’arte, in accordo a norme e specifiche tecniche pertinenti, ed al manuale di uso e manutenzione dell’impianto, dell’attrezzatura o del sistema di sicurezza antincendio.

La tabella 1 indica alcune possibili norme e specifiche tecniche di riferimento per la manutenzione ed il controllo di impianti, attrezzature ed altri sistemi di sicurezza antincendio, che integrano le disposizioni applicabili.

Oltre all’attività di controllo periodico e alla manutenzione, le attrezzature, gli impianti e i sistemi di sicurezza antincendio devono essere sorvegliati con regolarità dai lavoratori normalmente presenti, adeguatamente istruiti, mediante la predisposizione di idonee liste di controllo.

________

Decreto 1 settembre 2021

Criteri generali per il controllo e la manutenzione degli impianti, attrezzature ed altri sistemi di sicurezza antincendio, ai sensi articolo 46, comma 3, lettera a), punto 3, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. (GU n.230 del 25.09.2021). 

Art. 1 Definizioni

1. Ai fini del presente decreto si definiscono:
a) manutenzione: operazione o intervento finalizzato a mantenere in efficienza ed in buono stato, impianti, attrezzature e altri sistemi di sicurezza antincendio;
b) tecnico manutentore qualificato: persona fisica in possesso dei requisiti tecnico-professionali di cui all'allegato II, che costituisce parte integrante del presente decreto;
c) qualifica: risultato formale di un processo di valutazione e convalida, ottenuto quando l'amministrazione competente determina che i risultati dell'apprendimento conseguiti da una persona corrispondono a standard definiti;
d) controllo periodico: insieme di operazioni da effettuarsi con frequenza non superiore a quella indicata da disposizioni, norme, specifiche tecniche o manuali d'uso e manutenzione per verificare la completa e corretta funzionalità di impianti, attrezzature e altri sistemi di sicurezza antincendio;
e) sorveglianza: insieme di controlli visivi atti a verificare, nel tempo che intercorre tra due controlli periodici, che gli impianti, le attrezzature e gli altri sistemi di sicurezza antincendio siano nelle normali condizioni operative, siano correttamente fruibili e non presentino danni materiali evidenti. La sorveglianza può essere effettuata dai lavoratori normalmente presenti dopo aver ricevuto adeguate istruzioni.

Art. 2 Campo di applicazione

1. Il presente decreto stabilisce, in attuazione dell'articolo 46, comma 3, lettera a) punto 3, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, i criteri generali per il controllo e la manutenzione degli impianti, delle attrezzature e degli altri sistemi di sicurezza antincendio.

Art. 3 Controlli e manutenzione degli impianti e delle attrezzature antincendio

1. Gli interventi di manutenzione e i controlli sugli impianti, le attrezzature e gli altri sistemi di sicurezza antincendio sono eseguiti e registrati nel rispetto delle disposizioni legislative e regolamentari vigenti, secondo la regola dell'arte, in accordo alle norme tecniche applicabili emanate dagli organismi di normazione nazionali o internazionali e delle istruzioni fornite dal fabbricante e dall'installatore, secondo i criteri indicati nell'Allegato I, che costituisce parte integrante del presente decreto.
2. L'applicazione della normazione tecnica volontaria, come le norme ISO, IEC, EN, CEI, UNI, conferisce presunzione di conformità, ma rimane volontaria e non obbligatoria, a meno che non sia resa cogente da altre disposizioni.
3. Il datore di lavoro attua gli interventi di cui al comma 1, anche attraverso il modello di organizzazione e gestione di cui all'articolo 30 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81.

Art. 4 Qualificazione dei tecnici manutentori

1. Gli interventi di manutenzione e i controlli sugli impianti e le attrezzature e le altre misure di sicurezza antincendio sono eseguiti da tecnici manutentori qualificati.
2. Le modalità di qualificazione del tecnico manutentore sono stabilite nell'Allegato II del presente decreto, che costituisce parte integrante del presente decreto.
3. La qualifica di tecnico manutentore qualificato sugli impianti, attrezzature ed altri sistemi di sicurezza antincendio è valida su tutto il territorio nazionale. 

Art. 5 Abrogazioni

1. Dalla data di entrata in vigore del presente decreto, sono abrogati l'articolo 3, comma 1, lettera e), l'articolo 4 e l'allegato VI del decreto del Ministro dell'interno del 10 marzo 1998.

Art. 6 Entrata in vigore

1. Il presente decreto entra in vigore un anno dopo la sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

1-bis. Le disposizioni previste all’art. 4 relative alla qualificazione dei tecnici manutentori entrano in vigore a decorrere dal 25 settembre 2023. (*)

(*) Comma aggiunto dal Decreto Ministero dell'Interno del 15 settembre 2022.

[...]

Schema 3 – Corsi di formazione teorico pratica per il tecnico manutentore qualificato

Il manutentore di estintori d incendio   Schema 3

Contenuti minimi e durata dei corsi di formazione teorico pratica per il tecnico manutentore qualificato

Decreto 1 settembre 2021

Allegato II

I prospetti che seguono riportano i contenuti minimi della formazione teorica e delle esercitazioni pratiche per gli impianti, le attrezzature ed i sistemi di sicurezza antincendio maggiormente utilizzati all’interno dei luoghi di lavoro.

Il manutentore di estintori d incendio   Prospetto Punto 3 1

[...] Segue in allegato

Certifico Srl - IT | Rev. 0.0 2023 
©Copia autorizzata Abbonati 

Descrizione Livello Dimensione Downloads
Allegato riservato Il manutentore di estintori d'incendio Requisiti in conformità 9994-2 Rev. 0.0 2023.pdf
Certifico Srl - Rev. 0.0 2023
382 kB 194

Tags: Prevenzione Incendi Abbonati Prevenzione Incendi

Articoli correlati

Più letti Prevenzione Incendi

Ott 15, 2022 148792

Decreto Presidente della Repubblica 1° agosto 2011 n. 151

Decreto Presidente della Repubblica 1° agosto 2011 n. 151 Disponibile, in allegato, il testo aggiornato con modifiche e note Riservato Abbonati in formato PDF stampabile/copiabile aggiornato data articolo. Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla… Leggi tutto
DPR 151 2011 small
Set 01, 2023 109724

Elenco Attività soggette visite Prevenzione Incendi D.P.R. 151/2011

PDF | ebook Google Android | ebook Apple iOSElenco delle attività soggette alle visite e ai controlli di Prevenzione Incendi DPR 151/2011 Testo consolidato ID 921 | Update 01.09.2023 Tabella di equiparazione DPR 151/2011 e DM 16.02.1982 Documento Tabella Attività e RTV (al link il Documento formato… Leggi tutto
Marcatura CE maniglioni antipanico
Mag 05, 2023 89879

Maniglioni antipanico: normativa

Maniglioni antipanico: marcatura CE Le porte antincendio, salvo casi particolari, devono "aprirsi a semplice spinta dall'interno nel verso dell'esodo", i dispositivi di apertura del tipo maniglioni o piastre ai apertura pur non esssendo obbligatori, sono altamente consigliati per soddisfare il… Leggi tutto

Ultimi inseriti Prevenzione Incendi

RISC 501 2023   Fire Safety Assessment Test for External Cladding Systems
Feb 26, 2024 78

RISC 501:2023 - Fire Safety Assessment Test for External Cladding Systems

RISC 501:2023 - Fire Safety Assessment Test for External Cladding Systems / FPA ID 21426 | 26.02.2024 Dal 1990 è in aumento il verificarsi di incendi nei sistemi di rivestimento di grandi dimensioni particolare preoccupazione in quanto il sistema di rivestimento di un edificio ha il potenziale di… Leggi tutto
Circolare D C PREV  prot  n  5555 del 18 aprile 2012
Feb 19, 2024 263

Circolare D.C.PREV. prot. n. 5555 del 18 aprile 2012

Circolare D.C.PREV. prot. n. 5555 del 18 aprile 2012 / DPR 151/2011 artt. 4 e 5 - Chiarimenti applicativi ID 21386 | 19.02.2024 / In allegato Circolare D.C.PREV. prot. n. 5555 del 18 aprile 2012 - DPR 151/2011 artt. 4 e 5 - Chiarimenti applicativi. Pervengono a questa Direzione Centrale quesiti in… Leggi tutto
Dic 12, 2023 759

Nota VVF prot. 6 dicembre 2023 n. 18291

Nota VVF prot. 6 dicembre 2023 n. 18291 ID 20952 | 12.12.2023 / In allegato Nota VVF prot. 6 dicembre 2023 n. 18291 - Allegato IV del decreto 2 settembre 2021 - Refuso A seguito di segnalazioni pervenute a questa Direzione relative all’oggetto, si segnala che il richiamo normativo inserito al punto… Leggi tutto
Nov 29, 2023 1047

Linee guida utilizzo funghi radianti GPL P > 3.5 kW riscaldamento ambienti esterni

Linee Guida per l’utilizzo di funghi radianti a GPL di potenza superiore a 3.5 kW per il riscaldamento in ambienti esterni. ID 20864 | 29.11.2023 / VVF Roma 2014 OGGETTO: Linee Guida per l’utilizzo di Funghi Radianti a GPL di potenza superiore a 3.5 kW per il riscaldamento in ambienti esterni.… Leggi tutto