Slide background
Slide background
Slide background




UNI ISO 16732-1:2020 | Valutazione del rischio incendio

ID 10702 | | Visite: 2491 | Prevenzione IncendiPermalink: https://www.certifico.com/id/10702

UNI ISO 16732 1 2020

UNI ISO 16732-1:2020 | Valutazione del rischio incendio

ID 10702 | 11.05.2020

La norma UNI ISO 16732-1:2020 fornisce la base concettuale per la valutazione del rischio di incendio affermando i principi alla base della quantificazione e dell'interpretazione del rischio correlato al fuoco. Questi principi di rischio incendio si applicano a tutti i fenomeni relativi al fuoco e a tutte le configurazioni di uso finale, il che significa che questi principi possono essere applicati a tutti i tipi di scenari di incendio.

La UNI ISO 16732-1:2020 è destinata ai professionisti della sicurezza antincendio che utilizzano metodi basati sulla valutazione del rischio.

Qualsiasi professionista della sicurezza antincendio può usare tali metodi. Tutte le decisioni sulla sicurezza antincendio hanno una base di incertezza. La probabilità è la rappresentazione matematica dell'incertezza e la valutazione del rischio è la forma di analisi della sicurezza antincendio che utilizza più ampiamente le probabilità e quindi più ampiamente affronta tutti i tipi di incertezza.

La valutazione del rischio è preceduta da due analisi di base: definizione di uno scenario, compresi gli obiettivi di sicurezza antincendio da soddisfare e i soggetti della valutazione del rischio di incendio, e i relativi fatti o ipotesi; e identificazione dei vari pericoli da valutare. Un "pericolo" è qualcosa che ha il potenziale per causare danni.

Gli argomenti della valutazione del rischio di incendio includono la progettazione e il controllo di qualsiasi parte dell'ambiente costruito, come edifici o altre strutture. La valutazione del rischio di incendio di un progetto consiste nell'analisi dei rischi, per esempio analisi della frequenza e della gravità del danno previste a seguito di scelte progettuali, combinate con una valutazione dell'accettabilità di tali rischi.

La valutazione del rischio di incendio può essere utilizzata per supportare qualsiasi decisione relativa alla prevenzione o alla protezione antincendio di ambienti costruiti nuovi o esistenti, come edifici, dove aspetti probabilistici, come l'accensione del fuoco o l'affidabilità delle misure antincendio, sono importanti. La valutazione del rischio di incendio può essere utilizzata anche per determinare la sicurezza equivalente a un codice, per valutare il bilanciamento tra il costo e il beneficio di riduzione del rischio di una proposta, o esaminare il rischio accettabile relativamente a eventi gravi. La valutazione del rischio di incendio può anche essere utilizzata per fornire una guida generale o per essere di supporto nella scelta di scenari e altri elementi di un'analisi deterministica.

Il documento allegato contiene una traduzione non ufficiale in Italiano di alcune parti della norma.

__________

1. Scopo

I principi e i concetti della UNI ISO 16732-1:2020 possono essere applicati per il raggiungimento di qualsiasi obiettivo di sicurezza antincendio, inclusi i cinque obiettivi tipici elencati come esempi al capitolo 1 della norma ISO 23932:2009:

- sicurezza della vita,
- conservazione della proprietà,
- continuità delle operazioni lavorative e della sicurezza,
- protezione dell'ambiente,
- conservazione del patrimonio.

2. Applicabilità della valutazione del rischio di incendio

Gli scenari con bassa frequenza ma alte conseguenze rappresentano un grande problema nella valutazione del rischio incendio. Potrebbe essere impossibile raggiungere gli obiettivi di sicurezza antincendio a costi accettabili per tali scenari, ma può essere inaccettabile ignorarli interamente. Ponderare le conseguenze di tali scenari in base alla loro frequenza, come si fa nella valutazione del rischio di incendio, incorpora tali scenari nel calcolo senza renderli i solo scenari che determinano il calcolo stesso.

__________

3. Panoramica della gestione del rischio di incendio

La gestione del rischio include la valutazione del rischio, ma in genere comprende anche il “trattamento” del rischio, l'accettazione del rischio e la comunicazione del rischio. L'accettazione del rischio segna la conclusione della valutazione del rischio. Se il rischio non è accettato, è necessaria un'altra valutazione del rischio e il “trattamento” del rischio è una possibilità da considerare dopo ogni valutazione del rischio. La comunicazione del rischio avviene dopo l'accettazione del rischio (vedere la Figura 1). È anche possibile utilizzare la valutazione del rischio di incendio per valutare progetti alternativi prima di scegliere un progetto specifico o apportare modifiche a tale progetto per ottenere il rispetto dei criteri di accettazione.

Figura 1

Figura 1 – Gestione del rischio incendio

__________

4. Fasi della stima del rischio di incendio

La Figura 2 illustra la sequenza delle fasi coinvolte nella stima del rischio di incendio quando lo scenario è noto e quando sono espressamente calcolate le frequenze e le conseguenze nella forma quantitativa. Le sezioni successive descrivono l'uso di curve del rischio, matrici di rischio e altre tecniche per le quali il diagramma di flusso non è completamente applicabile nel dettaglio.

La stima del rischio di incendio inizia con la determinazione di un contesto. Il contesto fornisce un numero di ipotesi, che sono necessarie insieme agli obiettivi e alle specifiche di progetto per eseguire i calcoli di stima. Se l'edificio, ad esempio, deve essere usato come un edificio per uffici, questo ha delle implicazioni in termini di tipi di stanze e aree, le dimensioni tipiche di quelle stanze per tipo, il numero di occupanti per tipo di giorno e la combinazione di caratteristiche di tali occupanti.

Figura 2

Figura 2 – Stima del rischio incendio

__________

6. Attenzione all'esclusione di scenari ritenuti con rischio trascurabile

Poiché esiste un numero molto elevato di possibili scenari di incendio, il processo di combinazione di scenari in un insieme collettivamente completo di gruppi di scenari sarà semplificato se alcuni scenari possono essere esclusi all'inizio in base ad un rischio trascurabile. Questo passaggio dovrebbe essere giustificato in modo esplicito e quantitativo e dovrebbe essere usato solo quando ci sono prove evidenti che il rischio è trascurabile. È particolarmente pericoloso utilizzare questo passaggio per escludere scenari a bassa frequenza e ad alta conseguenza.

...

segue in allegato

Fonti
UNI ISO 16732-1:2020

Certifico Srl - IT | Rev. 0.0 2020
©Copia autorizzata Abbonati

Collegati

Pin It


Tags: Prevenzione Incendi Abbonati Prevenzione Incendi

Articoli correlati

Più letti Prevenzione Incendi

Dic 16, 2019 51454

Decreto Presidente della Repubblica 1° agosto 2011, n. 151

Decreto Presidente della Repubblica 1° agosto 2011 , n. 151 Disponibile, in allegato, il testo aggiornato con modifiche e note Riservato Abbonati in formato PDF stampabile/copiabile aggiornato data articolo. Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla… Leggi tutto
Decreto 5 agosto 2011
Dic 16, 2019 49989

Decreto 5 agosto 2011

Decreto 5 agosto 2011: Professionisti antincendio Iscrizione elenchi MI Procedure e requisiti per l'autorizzazione e l'iscrizione dei professionisti negli elenchi del Ministero dell'interno di cui all'articolo 16 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139. G.U. n.198 del 26 agosto 2011 Testo… Leggi tutto
Marcatura CE maniglioni antipanico
Dic 16, 2019 37519

Maniglioni antipanico: normativa

Maniglioni antipanico: marcatura CE Le porte antincendio, salvo casi particolari, devono "aprirsi a semplice spinta dall'interno nel verso dell'esodo", i dispositivi di apertura del tipo maniglioni o piastre ai apertura pur non esssendo obbligatori, sono altamente consigliati per soddisfare il… Leggi tutto
DPR 151 2011 small
Lug 23, 2020 36211

Elenco Attività soggette visite Prevenzione Incendi D.P.R. 151/2011

PDF | ebook Google Android | ebook Apple iOSElenco delle attività soggette alle visite e ai controlli di Prevenzione Incendi DPR 151/2011 Testo consolidato Update 23.07.2020 Tabella di equiparazione DPR 151/2011 e DM 16.02.1982 Documento Tabella Attività e RTV (al link il Documento formato PDF) (1)… Leggi tutto

Ultimi inseriti Prevenzione Incendi

Set 16, 2020 46

Decreto del 29 febbraio 1988

Decreto del 29 febbraio 1988 Norme di sicurezza per la progettazione, l'installazione e l'esercizio dei depositi di gas di petrolio liquefatto con capacita' complessiva non superiore a 5 m3. (GU Serie Generale n.57 del 09-03-1988) Collegati[box-note]Decreto 23 settembre 2004Decreto 17 gennaio… Leggi tutto
Set 16, 2020 46

Decreto 23 settembre 2004

Decreto 23 settembre 2004 Modifica del decreto del 29 febbraio 1988, recante norme di sicurezza per la progettazione, l'installazione e l'esercizio dei depositi di gas, di petrolio liquefatto con capacita' complessiva non superiore a 5 m3 e adozione dello standard europeo EN 12818 per i serbatoi di… Leggi tutto
Linee elettriche aeree   Distanza da attivita  PI
Lug 25, 2020 291

Chiarimento Prot. n. 001008 del 25.07.2011

Chiarimento Prot. n. 001008 del 25.07.2011 OGGETTO: Quesito. Insediamenti industriali sottostanti linee elettriche ad alta tensione. La lettera circolare n° 7075 del 27/04/2010 (abrogata) stabilisce una procedura per l’espressione del parere del Ministero dell’Interno nell’ambito del procedimento… Leggi tutto
Linee elettriche aeree   Distanza da attivita  PI
Lug 25, 2020 271

Lettera circolare DCPREV Prot. n. 07075 del 27/04/2010

Lettera circolare DCPREV Prot. n. 07075 del 27/04/2010 Rete nazionale di trasporto dell’energia elettrica. Autorizzazioni ai sensi della legge 23 agosto 2004, n. 239. [box-warning]Abrogata da: Circolare Prot. n. 3300 del 06/03/2019Rete nazionale di trasporto dell'energia elettrica. Autorizzazioni… Leggi tutto
Lug 25, 2020 257

Lettera circolare DCPREV prot. n. 10925 del 15/07/2010

Lettera circolare DCPREV prot. n. 10925 del 15/07/2010
Abrogata da: Circolare Prot. n. 3300 del 06/03/2019Rete nazionale di trasporto dell'energia elettrica. Autorizzazioni ai sensi della legge 23 agosto 2004, n. 239.
OGGETTO: Rete nazionale di trasporto dell’energia… Leggi tutto