Slide background

Legge 29 dicembre 2022 n. 197

ID 18158 | | Visite: 5983 | NewsPermalink: https://www.certifico.com/id/18158

Legge di Bilancio 2023

Legge 29 dicembre 2022 n. 197 / Legge di bilancio 2023

Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2023 e bilancio pluriennale per il triennio 2023-2025.

(GU n.303 del 29-12-2022 - S.O. n. 43)

ID 18158 | 29.12.2022 / In allegato

Legge 29 dicembre 2022 n. 197
Legge di bilancio 2023 approvata Camera 23.12.2022
Legge di Bilancio 2023 Novità 21.12.2022
DDL Bilancio 2023 Camera 29.11.2022
-
 Testo Bollinato 29.11.2022
Testo Bozza 27.11.2022
Testo Bozza 25.11.2022
- Scheda puntuale 
Testo Bozza CdM 21.11.2022

29.12.2022 / Testo in GU n.303 del 29.12.2022 - S.O. n. 43

Articolato

PARTE I
SEZIONE I: MISURE QUANTITATIVE PER LA REALIZZAZIONE DEGLI OBIETTIVI PROGRAMMATICI (Art. 1)
PARTE II: SEZIONE II: APPROVAZIONE DEGLI STATI DI PREVISIONE (Art. da 2 a 21)

ALLEGATO 1 (articolo 1, comma 1)(importi in milioni di euro)
ALLEGATO 2 (articolo 1, comma 164)(importi in milioni di euro)

TABELLA A INDICAZIONE DELLE VOCI DA INCLUDERE NEL FONDO SPECIALE DI PARTE CORRENTE
TABELLA B INDICAZIONE DELLE VOCI DA INCLUDERE NEL FONDO SPECIALE DI CONTO CAPITALE
QUADRI GENERALI RIASSUNTIVI

21.12.2022 / Novità approvate in Commissione Bilancio (maxi emendamento 21.12.2022)

CILA-S
Un emendamento approvato prevede la proroga della CILA-S fino al 31 dicembre 2022 per consentire ai condomìni di poter beneficiare del Superbonus al 110% ancora per l’anno 2023. Questo sarà possibile solo con delibera assembleare approvata entro il 18 novembre 2022, data della pubblicazione ufficiale del dl aiuti quater 176/2022.

POS
Approvato in commissione Bilancio della Camera l’emendamento alla manovra che sopprime la modifica introdotta nella stessa legge di bilancio con cui si introduceva un tetto di 60 euro entro il quale i commercianti avrebbero potuto rifiutare transazioni col POS senza incorrere in sanzioni. In altri termini ritornano le multe per coloro che rifiutano di accettare pagamenti con carte e bancomat.

Bonus mobili
Novità importanti per il bonus mobili, prorogato per gli anni 2023 e 2024 con una riduzione del taglio previsto. Per il bonus mobili, infatti, era prevista una soglia di spesa per l’anno 2023 di euro 5.000 (era 10.000 euro nel 2022). Con la modifica la soglia è innalzata, per il 2023 e il 2024, a 8.000 euro.

La detrazione è applicabile per l’acquisto di mobili e di elettrodomestici di grandi dimensioni green. Confermata la condizione che per gli acquisti effettuati nel 2023, il bonus dovrà essere agganciato a interventi di recupero del patrimonio edilizio iniziati a partire dal 1° gennaio dell’anno precedente a quello dell’acquisto.

Bonus barriere architettoniche
L’emendamento del Governo prevede una proroga di tre anni per la detrazione del 75% per gli interventi con cui si superano ed eliminano le barriere architettoniche. Si applicherà per le spese documentate sostenute fino al 31 dicembre 2025.

Si introduce però un paletto: per le deliberazioni dei lavori in assemblea di condominio è necessaria una maggioranza che rappresenti un terzo del valore millesimale dell’edificio.

Smart working
I lavoratori fragili potranno godere del lavoro agevolato fino al 31 marzo 2023, anche esercitando (ove fosse necessario) un’altra mansione. Tale agevolazione potrà essere richiesta sia nel pubblico che nel privato.

Case green
Un emendamento alla legge finanziaria approvato dalla Commissione Bilancio della Camera prevede un nuovo bonus case green. La detrazione della suddetta agevolazione è pari al 50% per l’acquisto di abitazioni di classe energetica A o B effettuato entro il 31 dicembre 2023.

L’imposta dovuta sul corrispettivo d’acquisto è ripartita in dieci quote costanti nell’anno in cui sono state sostenute le spese e nei nove periodi d’imposta successivi.

Bonus 18enni
Restyling della app18: al suo posto arrivano due nuovi bonus.

L’emendamento riformulato approvato prevede per i maggiorenni una “Carta della cultura Giovani” (CartaG), per i residenti nel territorio nazionale appartenenti a nuclei familiari con Isee fino a 35.000 euro, assegnata e utilizzabile nell’anno successivo a quello del compimento di 18 anni; e una “Carta del merito” per chi si è diplomato con 100 centesimi. Valgono 500 euro ciascuna e sono cumulabili

Bonus psicologo
Modifiche importati anche per il bonus psicologo: resta confermato il tetto Isee a 50.000 euro per ricevere il contributo, ma si ottiene un innalzamento della soglia che passa dagli attuali 600 euro per singolo cittadino a 1.500 euro. Ricordiamo che tale bonus è nato con il decreto milleproroghe e da oggi diventa permanete. Questo è quello che prevede l’emendamento del PD approvato in commissione.

Stralcio cartelle
Slitta di 2 mesi lo stralcio automatico delle cartelle fino a 1.000 euro relativo al periodo 2000 – 2015.

Mutui
Ritorna la possibilità di rinegoziare il proprio mutuo da tasso variabile a tasso fisso. Tale richiesta potrà essere fatta sui mutui ipotecari in origine non superiore a 200.000 euro e per chi ha un Isee al momento della richiesta non superiore ai 35.000 euro e che non abbia avuto dei ritardi nei pagamenti delle rate.

Caro energia
Passa dal 22 al 5% l’IVA per la fattura dei consumi nel primo trimestre del 2023 dei servizi di teleriscaldamento; dal 22% al 10% l’IVA sul pellet per tutto il 2023.

Congedo parentale
Innalzamento del congedo parentale che passa dal 30% al 80% della retribuzione e potrà essere usato anche dai papà. Tale congedo potrà essere utilizzato dal primo mese fino al sesto anno di età del bambino.

Il congedo sarà usufruibile in alternativa tra i genitori.

Adeguamento pensioni
Un emendamento alla manovra approvato dalla commissione Bilancio della Camera modifica la norma che rivedeva per il 2023 e 2024 la rivalutazione automatica delle pensioni: sale ora dall’80 all’85% la rivalutazione per gli assegni tra 4 e 5 volte il minimo (circa 2.000-2.500 euro), mentre per le pensioni più alte gli scaglioni vengono rivisti con una riduzione della percentuale.

Occupazione suolo pubblico
Arriva la proroga fino al 30 giugno 2023 delle semplificazioni in materia di occupazione di suolo pubblico.

CdM n. 5 del 21.11.2022

Il Consiglio dei Ministri è convocato in data odierna 21.11.2022 alle ore 20.30, a Palazzo Chigi, per l’esame del seguente ordine del giorno:

- DISEGNO DI LEGGE: Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2023 e bilancio pluriennale per il triennio 2023 - 2025 (ECONOMIA E FINANZE);
- DECRETO LEGISLATIVO: Disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 31 luglio 2020, n. 101, di attuazione della direttiva 2013/59/Euratom, che stabilisce norme fondamentali  di sicurezza relative alla protezione contro i pericoli derivanti dall'esposizione alle radiazioni ionizzanti, e che abroga le direttive 89/618/Euratom, 90/641/Euratom, 96/29/Euratom, 97/43/Euratom e 2003/122/Euratom e riordino della normativa di settore in attuazione dell'articolo 20, comma 1, lettera a), della legge 4 ottobre 2019, n. 117 - ESAME DEFINITIVO  (AFFARI EUROPEI, SUD, COESIONE E PNRR  - SALUTE - IMPRESE E MADE IN ITALY - LAVORO E POLITICHE SOCIALI - AMBIENTE E SICUREZZA ENERGETICA);
- LEGGI REGIONALI;
- VARIE ED EVENTUALI.

L’ordine del giorno è integrato come segue:

- DECRETO-LEGGE: Misure urgenti in materia di accise e IVA sui carburanti e di sostegno agli enti territoriali e ai territori delle Marche colpiti da eccezionali eventi metereologici (PRESIDENZA - ECONOMIA E FINANZE).
_________

DDL BILANCIO 2023 E DOCUMENTO PROGRAMMATICO DI BILANCIO

Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2023 e bilancio pluriennale per il triennio 2023-2025 (disegno di legge)

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti, ha approvato il disegno di legge recante il bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2023 e il bilancio pluriennale per il triennio 2023-2025 e l’aggiornamento del Documento programmatico di bilancio (DPB).

I provvedimenti, che verranno trasmessi al Parlamento e alle autorità europee, prendono come riferimento il quadro programmatico definito nell’integrazione alla Nota di aggiornamento del documento di economia e finanza 2022 e quantificano l’ammontare del valore delle misure contenute nella manovra di bilancio in 35 miliardi di euro.

La manovra si basa su un approccio prudente e realista che tiene conto della situazione economica, anche in relazione allo scenario internazionale, e allo stesso tempo sostenibile per la finanza pubblica, concentrando gran parte delle risorse disponibili sugli interventi a sostegno di famiglie e imprese per contrastare il caro energia e l’aumento dell’inflazione.

Altre risorse sono stanziate per interventi di riduzione del cuneo fiscale e dell’Iva su alcuni prodotti, di aumento dell’assegno unico per le famiglie, per agevolazioni sulle assunzioni a tempo indeterminato per donne under 36 e per percettori di reddito di cittadinanza, per la proroga delle agevolazioni per l’acquisto della prima casa per i giovani.

In materia fiscale, si estende la flat tax fino a 85.000 euro per autonomi e partite Iva e si ampliano le misure per la detassazione ai premi dei dipendenti, oltre a intervenire con una “tregua fiscale” per cittadini e imprese che in questi ultimi anni si sono trovati in difficoltà economica anche a causa delle conseguenze del COVID-19 e dell’impennata dei costi energetici.

Sul fronte delle pensioni, oltre alla conferma di “opzione donna” rivisitata e “Ape sociale”, si attua l'indicizzazione delle pensioni al 120% e si introduce per l’anno 2023 un nuovo schema di anticipo pensionistico, che permette di uscire dal lavoro con 41 anni di contributi e 62 anni di età e prevede bonus per chi decide di restare al lavoro.

Misure contro il caro energia

Le risorse destinate alle misure contro caro energia per i primi tre mesi del 2023 che consentiranno di aumentare gli aiuti a famiglie e imprese allargando anche la platea dei beneficiari ammontano a oltre 21 miliardi di euro. Nel dettaglio, confermata l’eliminazione degli oneri impropri delle bollette, rifinanziato fino al 30 marzo 2023 il credito d’imposta per l’acquisto di energia elettrica e gas naturale che per bar, ristoranti ed esercizi commerciali salirà dal 30% al 35% mentre per le imprese energivore e gasivore dal 40% al 45%.
Per il comparto sanità e per gli enti locali, compreso il trasporto pubblico locale, stanziati circa 3.1 miliardi.

Pacchetto famiglia

Bonus sociale bollette - Per le famiglie più fragili confermato e rafforzato il meccanismo che consente di ricevere il bonus sociale bollette, con un innalzamento della soglia Isee da 12.000 euro a 15.000 euro.

Misure contro inflazione - Riduzione dell’Iva dal 10 al 5% per i prodotti per l’infanzia e per l’igiene intima femminile. Viene inoltre istituito un fondo di 500 milioni di euro destinato alla realizzazione di una “Carta Risparmio Spesa” per redditi bassi fino a 15mila gestita dai comuni e volta all’acquisto di beni di prima necessità. Si tratta di una sorta di “buoni spesa” da utilizzare presso punti vendita che aderiscono all’iniziativa con un’ulteriore proposta di sconto su un paniere di prodotti alimentari.

Assegno unico per le famiglie con 3 o più figli (610 milioni) - Per il 2023 sarà maggiorato del 50% per il primo anno, e di un ulteriore 50% per le famiglie composte da 3 o più figli. Confermato l’assegno per persone con disabilità.

Premi di produttività detassati - Per i dipendenti aliquota al 5% per premi di produttività fino a 3.000 euro.

Agevolazioni assunzioni a tempo indeterminato - Agevolazioni alle assunzioni a tempo indeterminato con una soglia di contributi fino a 6 mila euro per chi ha già un contratto a tempo determinato e in particolare pe le donne under 36 e per i percettori del reddito di cittadinanza.

Agevolazioni per acquisto prima casa - Proroga per il 2023 delle agevolazioni per acquisto prima casa per i giovani under 36.

Flat tax incrementale per i lavoratori al 15% - Introduzione per i lavoratori autonomi di una flat tax incrementale al 15% con una franchigia del 5% e un tetto massimo di 40.000 euro.

Cuneo fiscale

Si introduce una riduzione del cuneo fiscale, a beneficio dei lavoratori, nella misura del 2 per cento per i percettori di redditi fino a 35mila euro lordi annui e del 3 per cento per chi ha redditi fino a 20mila euro.

Scuole

Per le scuole partitarie è previsto il ripristino del contributo (70 mln) + trasporto persone con disabilità (24 mln).

Pensioni

Si avvia un nuovo schema di anticipo pensionistico per il 2023 che consente di andare in pensione con 41 anni di contributi e 62 anni di età anagrafica (quota 103). Per chi decide di restare a lavoro decontribuzione del 10%.

Opzione donna - Prorogata per il 2023 Opzione donna con modifiche: in pensione a 58 con due figli o più, 59 con un figlio, 60 altri casi.

Confermata anche Ape sociale per i lavori usuranti.

Reddito di cittadinanza

Dal 1° gennaio 2023 alle persone tra 18 e 59 anni (abili al lavoro ma che non abbiano nel nucleo persone con disabilità, minori o persone a carico con almeno 60 anni d’età) è riconosciuto il reddito nel limite massimo di 7/8 mensilità invece delle attuali 18 rinnovabili. E’ inoltre previsto un periodo di almeno sei mesi di partecipazione a un corso di formazione o riqualificazione professionale. In mancanza, decade il beneficio del reddito. Si decade anche nel caso in cui si rifiuti la prima offerta congrua.

Tetto al contante

Dal 1° gennaio 2023 la soglia per l’uso del contante salirà da 1.000 a 5.000 euro.

Imprese

Sospensione plastic e sugar tax - Prevista la sospensione anche per il 2023 dell’entrata in vigore di plastic e sugar tax, le imposte sui prodotti in plastica monouso e sulle bevande zuccherate. 600mln

Fondo garanzia Pmi - Rifinanziato il fondo per 1 miliardo per il 2023. Il fondo garantisce tutte le operazioni finanziarie direttamente finalizzate all’attività d’impresa concesse da un soggetto finanziatore (banca o altro). Prorogato bonus Ipo (credito imposta per favorire la quotazione pmi in borsa)

Riattivazione società Ponte Stretto

Per riavviare il progetto di realizzazione del ponte sullo Stretto di Messina prevista la riattivazione della società Stretto di Messina spa attualmente in liquidazione.
...
Fonte PdCM

in aggiornamento

Collegati

Tags: News

Articoli correlati