Slide background

Società Organismi di Attestazione (SOA): Guida

ID 8222 | | Visite: 4096 | News generaliPermalink: https://www.certifico.com/id/8222

Società Organismi di Attestazione (SOA): Guida

Le società organismi di attestazione (SOA) sono organismi di diritto privato italiani con forma giuridica di S.p.A., autorizzati dall'Autorità Nazionale Anti-corruzione (ANAC), che accertano l'esistenza nei soggetti esecutori di lavori pubblici degli elementi di qualificazione, ovvero della conformità dei requisiti alle disposizioni comunitarie in materia di qualificazione dei soggetti esecutori di lavori pubblici, riassunti nel regolamento per il sistema di qualificazione, decreto del Presidente della Repubblica 25 gennaio 2000, n. 34 (abrogato dal D.P.R. ottobre 2010 n. 207).

Con le modifiche introdotte nel corpo normativo del Codice del Contratti Pubblici ad opera del decreto legislativo 31 luglio 2007, n. 113 (art. 3 comma 1, lett. f) (abrogato dal Decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50) la natura giuridica delle SOA è profondamente mutata. Le stesse hanno infatti assunto funzioni di natura pubblicistica anche in materia di responsabilità contabile. Si aggiunge inoltre che, in caso di false attestazioni rilasciate dalle stesse, si applicano gli articoli 476 e 479 del codice penale.

Elenco SOA (ANAC)

http://elencosoa.anticorruzione.it/public/


L’Autorità nazionale anticorruzione ha adottato dal 29 ottobre 2014, (G.U. n. 251 del 28.10.2014), il Manuale sulla qualificazione avente carattere ricognitivo/interpretativo delle diverse comunicazioni, succedutesi negli anni, in materia di SOA. Sul punto, infatti, l’Autorità svolge la funzione di regolazione essendo stato riconosciuto il potere di interpretare la normativa di settore con lo scopo di orientare l’azione dei soggetti interessati. Pertanto, al fine di integrare il predetto Manuale, sono stati predisposti atti tipo diretti a standardizzare le istanze, le dichiarazioni e la documentazione da chiedere alle SOA nei seguenti casi:
...

Requisiti SOA
D.P.R. ottobre 2010 n. 207
...
Art. 64 Requisiti generali e di indipendenza delle SOA (art. 7, commi 1, 2, 3, 4, 5, 7, d.P.R. n. 34/2000) 
Art. 65 Controlli sulle SOA (art. 7, commi 6 e 8, d.P.R. n. 34/2000)
Art. 66 Partecipazioni azionarie (art. 8, d.P.R. n. 34/2000)
Art. 67 Requisiti tecnici delle SOA (art. 9, d.P.R. n. 34/2000)
Art. 68 Rilascio della autorizzazione (art. 10, commi 1, 2, 3, e 4 d.P.R. n. 34/2000)
Art. 69 Elenco delle SOA ed elenchi delle imprese qualificate (art. 11, d.P.R. n. 34/2000)
Art. 70 Attivita' di qualificazione e organizzazione delle SOA -Tariffe (art. 12, d.P.R. n. 34/2000)
Art. 71 Vigilanza dell'Autorita' (artt. 14 e 16 d.P.R. n. 34/2000)
Art. 72 (Articolo non ammesso al "Visto" della Corte dei conti)
Art. 73 Sanzioni pecuniarie nei confronti delle SOA Sospensione e decadenza dell'autorizzazione all'esercizio dell'attivita' di attestazione (art. 7, comma 9, art. 10, commi 5, 6, 8, 9, e 10, d.P.R. n. 34/2000)
Art. 74 Sanzioni per violazione da parte delle imprese dell'obbligo d'informazione
Art. 75 Attivita' delle SOA

Il Decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50 ha disposto (con l'art. 217, comma 1, lettera u) che i presenti articoli sono abrogati con effetto dalla data di entrata in vigore degli atti attuativi del Decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, i quali operano la ricognizione delle disposizioni del presente regolamento di esecuzione da esse sostituite. 

D.P.R. ottobre 2010 n. 207
...
Art. 64 Requisiti generali e di indipendenza delle SOA (art. 7, commi 1, 2, 3, 4, 5, 7, d.P.R. n. 34/2000)

1. Le Societa' Organismi di Attestazione sono costituite nella forma delle societa' per azioni, la cui denominazione sociale deve espressamente comprendere la locuzione "organismi di attestazione".

 2. Il capitale sociale deve essere almeno pari a 1.000.000 di euro interamente versato. Il patrimonio netto, costituito dal totale della lettera A del passivo dello stato patrimoniale di cui all'articolo 2424 del codice civile dell'ultimo bilancio depositato, deve essere almeno pari al capitale sociale. Il bilancio delle SOA deve essere certificato dalle societa' di revisione, iscritte nell'apposito albo, secondo i criteri stabiliti dal decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, e successive modificazioni.

3. Lo statuto deve prevedere come oggetto esclusivo lo svolgimento dell'attivita' di attestazione secondo le norme del presente titolo e di effettuazione dei connessi controlli tecnici sull'organizzazione aziendale e sulla produzione delle imprese di costruzione, nonche' sulla loro capacita' operativa ed economico - finanziaria. E' fatto divieto alle SOA, pena la decadenza dell'autorizzazione, di erogare servizi di qualsiasi natura ad operatori economici, direttamente ovvero a mezzo di societa' collegate o di societa' in virtu' di rapporti contrattuali.

4. La composizione e la struttura organizzativa delle SOA deve assicurare, anche in presenza di eventuali situazioni di controllo o di collegamento, individuate secondo quanto previsto dall'articolo 2359 del codice civile, il rispetto del principio di indipendenza di giudizio e l'assenza di qualunque interesse commerciale, finanziario che possa determinare comportamenti non imparziali o discriminatori.

5. Le SOA devono dichiarare e adeguatamente documentare, entro quindici giorni dal loro verificarsi, le eventuali circostanze che possano implicare la presenza di interessi idonei ad influire sul requisito dell'indipendenza.

6. Non possono svolgere attivita' di attestazione le SOA:
a) che si trovano in stato di fallimento, liquidazione, concordato preventivo, o qualsiasi altra situazione equivalente secondo la legislazione vigente;
b) che sono soggette a procedimento per la dichiarazione di una di tali situazioni;
c) che non sono in regola con gli obblighi fiscali, contributivi ed assistenziali previsti dalla vigente legislazione o abbiano commesso gravi violazioni debitamente accertate delle norme in materia di sicurezza e degli obblighi derivanti dai rapporti di lavoro;
d) qualora nei confronti dei propri amministratori, legali rappresentanti, soci diretti o indiretti, direttori tecnici e del personale di cui all'articolo 67, comma 2, sia pendente un procedimento per l'applicazione di una delle misure di prevenzione prevista dall'articolo 3 della legge 27 dicembre 1956 n. 1423, o sussista una delle cause ostative previste dell'articolo 10 della legge 31 maggio 1965 n. 575, ovvero nei cui confronti sia stato emanato un provvedimento da cui derivi il divieto di contrarre con la pubblica amministrazione;
e) qualora nei confronti dei propri amministratori, legali rappresentanti, i soci diretti o indiretti, o i direttori tecnici e del personale di cui all'articolo 67, comma 2, sia stata pronunciata sentenza di condanna passata in giudicato, ovvero di applicazione della pena su richiesta ai sensi dell'articolo 444 del codice di procedura penale per qualsiasi reato che incida sulla affidabilita' morale o professionale, o per delitti finanziari;
f) qualora gli amministratori, i legali rappresentanti, i soci diretti o indiretti, i direttori tecnici e il personale di cui all'articolo 67, comma 2, si siano resi responsabili di errore professionale grave formalmente accertato; 
g) qualora gli amministratori, i legali rappresentanti, i soci diretti o indiretti, i direttori tecnici e il personale di cui all'articolo 67, comma 2, abbiano reso false dichiarazioni o fornito falsa documentazione in merito alle informazioni loro richieste o all'assenza di situazioni idonee a pregiudicare il requisito dell'indipendenza o abbiano utilizzato con dolo o colpa grave documentazione dell'impresa, di cui agli articoli 78 e 79, non veritiera.
...
 

Vedi Manuale Qualificazione Lavori pubblici 24.10.14 agg 14.11.16

Attestazione SOA

L'attestazione SOA è il documento, rilasciato dalle SOA, che dimostra il possesso dei requisiti di cui all'articolo 8 della Legge 11 febbraio 1994, n. 109, abrogata dal Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163 Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE e a sua volta abrogato dal Decreto Legislativo 18 aprile 2016, n. 50 Attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE sull'aggiudicazione dei contratti di concessione, sugli appalti pubblici e sulle procedure d'appalto degli enti erogatori nei settori dell'acqua, dell'energia, dei trasporti e dei servizi postali, nonché per il riordino della disciplina vigente in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture, ad oggi vigente (e che ha in parte superato il Nuovo Regolamento di esecuzione e attuazione - Codice contratti pubblici di lavori, servizi e forniture D.P.R. ottobre 2010 n. 207).

Di fatto, in luogo dell'iscrizione all'Albo nazionale costruttori (oggi abolito) e in virtù della nuova normativa in ambito di appalti pubblici, l'attestazione SOA è oggi un documento necessario per comprovare la capacità dell'impresa di sostenere ogni appalto pubblico di fornitura e posa in opera con importo a base d’asta superiore a € 150.000,00 (sia esso in appalto o in subappalto).

Note SOA Decretoto-Legge 18 aprile 2019 n. 32

Con il DL 18 aprile 2019 n. 32 previsto adozione, entro 180 giorni, di "regolamento unico recante disposizioni di esecuzione, attuazione e integrazione del presente codice"

Decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50
..
Art. 83 (Criteri di selezione e soccorso istruttorio)

1. I criteri di selezione riguardano esclusivamente:
a) i requisiti di idoneità professionale;
b) la capacità economica e finanziaria;
c) le capacità tecniche e professionali.

2. I requisiti e le capacità di cui al comma 1 sono attinenti e proporzionati all’oggetto dell’appalto, tenendo presente l’interesse pubblico ad avere il più ampio numero di potenziali partecipanti, nel rispetto dei principi di trasparenza e rotazione. Per i lavori, con il regolamento di cui all’articolo 216, comma 27 -octies ,”, e, al terzo periodo, le parole: “di dette linee guida” sono sostituite dalle seguenti: “di detto regolamento, sono disciplinati, nel rispetto dei principi di cui al presente articolo e anche al fine di favorire l’accesso da parte delle microimprese e delle piccole e medie imprese, il sistema di qualificazione, i casi e le modalità di avvalimento, i requisiti e le capacità che devono essere posseduti dal concorrente, anche in riferimento ai consorzi di cui all’articolo 45, lettere b) e c) e la documentazione richiesta ai fini della dimostrazione del loro possesso di cui all’allegato XVII. Fino all’adozione di dette linee guida, si applica l’articolo 216, comma 14. (comma così modificato dal DL 18 aprile 2019 n. 32)
...
Art. 216  (Disposizioni transitorie e di coordinamento)
...
14. Fino all’adozione del regolamento di cui all’articolo 216, comma 27-octies, continuano ad applicarsi, in quanto compatibili, le disposizioni di cui alla Parte II, Titolo III, nonché gli allegati e le parti di allegati ivi richiamate, del decreto del Presidente della Repubblica 5 ottobre 2010, n. 207.
...
27-octies. Nelle more dell’adozione, entro 180 giorni dalla data di entrata in vigore della presente disposizione, ai sensi dell’articolo 17, comma 1, lettere a) e b) , della legge 23 agosto 1988, n. 400, su proposta del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, sentita la Conferenza Stato-Regioni, di un regolamento unico recante disposizioni di esecuzione, attuazione e integrazione del presente codice, le linee guida e i decreti adottati in attuazione delle previgenti disposizioni di cui agli articoli 24, comma 2, 31, comma 5, 36, comma 7, 89, comma 11, 111, commi 1 e 2, 146, comma 4, 147, commi 1 e 2, e 150, comma 2, rimangono in vigore o restano efficaci fino alla data di entrata in vigore del regolamento di cui al presente comma. (comma aggiunto dal DL 18 aprile 2019 n. 32)

Decreto SOA

L’ANAC ha inviato al Ministero delle infrastrutture, ai sensi dell’articolo 83 comma 2 e dell’articolo 84 comma 2 del Codice dei contratti, la Proposta al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti finalizzata all’adozione del decreto di cui all’art. 83, comma 2, del d.lgs. 50/2016 nella parte relativa alle Società Organismi di Attestazione (SOA).

Il Decreto SOA che per entrare, però, in vigore dovrà attendere prima il parere del Consiglio di Stato (previsto come funzione consultiva) e, successivamente, quello delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 83, comma 2.

Nella situazione attuale è semplice ipotizzare che il MIT dovrà prima esaminare il decreto e, successivamente, il nuovo Ministro delle infrastrutture e dei trasporti potrà decidere se inviarlo o meno per i citati pareri. Ma potrebbe verificarsi, anche, che decida di non inviarlo per il semplice fatto di voler procedere, prima ad una più completa revisione del codice principalmente per il fatto di semplificarne tutto il processo relativo alla infinità di provvedimenti attuativi.

Il provvedimento predisposto dall’ANAC, che nel Titolo III della parte II del Regolamento n. 207/2010 era costituito da 37 articoli dal 60 al 96 contiene, adesso, 73 articoli suddivisi nelle seguenti 2 parti:

- Parte I (artt. 1-19) - Società organismi di attestazione (SOA)
- Parte II (artt. 20 - 73) - Sistema di qualificazione.

C’è da aggiungere, anche, che il decreto entrerà in vigore 60 giorni dopo la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana ma ha un periodo transitorio monstre costituito dai 25 commi dell’articolo 71.

Con il nuovo decreto proposto al MIT dall’ANAC. In particolare, sono state previste per quanto concerne le categorie di opere generali:

- la suddivisione della categoria OG3 in OG3-A (strade, autostrade, ponti, viadotti, piste aeroportuali e relative opere complementari) e OG3-B (ferrovie, linee tranviarie, metropolitane, funicolari e relative opere complementari);
- la suddivisione della categoria OG6 in OG6-A (acquedotti, opere di irrigazione e di evacuazione) e OG6-B (gasdotti e oleodotti);
- la soppressione della categoria OG11 in considerazione delle criticità riscontrate in fase di applicazione della normativa specialistica sia per la strutturazione dei bandi di gara che per la dimostrazione dei requisiti ai fini della qualificazione,

mentre per quanto concerne le categorie di opere specializzate, sono state previste:

- l’accorpamento delle categorie OS2-A e OS2-B, sempre in ragione della carenza di un’esigenza reale che giustifichi la separazione di lavorazioni di fatto molto simili;
- la suddivisione della categoria OS6 in OS6-A (Finiture di opere generali in materiali lignei, plastici, metallici e vetrosi) e OS6-B (Allestimenti museali e di spazi espositivi);
- la soppressione della categoria OS17 e l’annessione delle relative lavorazioni in parte alla categoria OG10 e in parte alla categoria OS19:
- la suddivisione della categoria OS24 in OS24-A (verde urbano) e OS24-B (aree verdi sottoposte a tutela ai sensi del Codice dei BB.CC.).
- la qualificazione resta obbligatoria per tutte le categorie generali mentre non è obbligatoria per le categorie di opere specializzate OS6-A, OS7, OS15, OS16,OS19, OS22, OS23, OS26, OS29, OS31 e OS32.

Le classifiche che erano 8 passano nelle 12 seguenti:

- I - fino a euro 250.000
- II - fino a euro 500.000
- III - fino a euro 1.000.000
- IV - fino a euro 1.500.000
- V - fino a euro 2.500.000
- VI - fino a euro 3.500.000
- VII - fino a euro 5.000.000
- VIII - fino a euro 7.500.000
- IX - fino a euro 10.000.000
- X - fino a euro 12.500.000
- XI - fino a euro 15.000.000
- XII - illimitato.

NB
Il DL 18 aprile 2019 n. 32 che ha aggiunto l''Art. 216-octies al Decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, riporta ora che fino all’adozione del regolamento di cui all’articolo 216, comma 27-octies, continuano ad applicarsi, in quanto compatibili, le disposizioni di cui alla Parte II, Titolo III, nonché gli allegati e le parti di allegati ivi richiamate, del decreto del Presidente della Repubblica 5 ottobre 2010, n. 207.

Collegati

Tags: Codice Appalti