Slide background
Slide background
Slide background
Slide background




UNI 7128:2015 Impianti gas civili / Le definizioni principali

ID 21093 | | Visite: 1604 | Impianti gasPermalink: https://www.certifico.com/id/21093

UNI 7128 2015 Impianti gas civili   Le definizioni principali

UNI 7128:2015 Impianti gas civili / Le definizioni principali

ID 21093 | 07.01.2024 / Documento completo allegato

Il Documento estratto dalla UNI 7128:2015 Impianti a gas per uso civile - Termini e definizioni, tratta le definizioni relative agli impianti civili per l'utilizzazione dei gas combustibili appartenenti alla 1a, 2a e 3a famiglia di cui alla UNI EN 437. In particolare sono trattati:

INTRODUZIONE 
1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 
2 RIFERIMENTI NORMATIVI  
3 DEFINIZIONI GENERALI RELATIVE AGLI IMPIANTI  
4 DEFINIZIONI RELATIVE AGLI APPARECCHI 
8 DEFINIZIONI RELATIVE AL SETTORE EDILE  
10 DEFINIZIONI RELATIVE ALLE ATTIVITÀ 
11 DEFINIZIONI RELATIVE AGLI OPERATORI 
12 DEFINIZIONI RELATIVE ALLE CONDIZIONI DEGLI IMPIANTI ED AGLI EVENTI  

La norma stabilisce i termini e le definizioni relativi agli impianti civili per l'utilizzazione dei gas combustibili appartenenti alla 1a, 2a e 3a famiglia di cui alla UNI EN 437.

Excursus

INTRODUZIONE
La presente norma è il riferimento per tutte le norme in materia di impianti gas per uso civile. In aggiunta, la norma può costituire uno strumento di riferimento per l’applicazione della legislazione vigente in materia di impianti a gas.

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE
La presente norma stabilisce i termini e le definizioni relativi agli impianti civili per l’utilizzazione dei gas combustibili appartenenti alla 1a, 2a e 3a famiglia di cui alla UNI EN 437, a valle del punto di inizio, con l’obiettivo di unificarne la comprensione e razionalizzarne l’applicazione concreta. Con questa finalità sono stati redatti i termini e le definizioni riferiti agli impianti, ai loro componenti e accessori, agli apparecchi, ai sistemi per l’adduzione dell’aria comburente per il ricambio dell’aria e l’evacuazione dei prodotti della combustione, al settore edile, alle caratteristiche del combustibile, alle attività e agli operatori del settore nonché quelli relativi alle condizioni degli impianti e agli eventi.
Sono esclusi gli impianti asserviti a cicli di processo industriale.

3 DEFINIZIONI GENERALI RELATIVE AGLI IMPIANTI 

3.1 impianto gas ad uso civile:
Impianto gas funzionale ad uno o più dei seguenti effetti utili: 

a) climatizzazione di edifici ed ambienti; 
b) produzione di acqua calda sanitaria; 
c) cottura domestica di cibi; 
d) ospitalità professionale, di comunità e ambiti similari. 

Tra gli impianti gas ad uso civile rientrano: 

1) impianti domestici e similari; 
2) impianti civili extradomestici; 
3) impianti per ospitalità professionale, di comunità ed ambiti similari.  Sono esclusi gli impianti asserviti a cicli di processo industriale. 

3.2 impianto domestico e similare:
Impianto a gas in cui gli apparecchi installati hanno tutti  singola portata termica non maggiore di 35 kW1) Con l’aggettivo "similare" si intende  indicare un impianto, destinato ad alimentare apparecchi di utilizzazione per la produzione  di calore, acqua calda sanitaria e per la cottura cibi, installato in ambienti ad uso non  abitativo e non considerati nel campo di applicazione di specifiche regole tecniche per la  sicurezza dell’utilizzo del gas. 

Nota 1
L’installazione in batteria degli apparecchi di singola portata termica non maggiore di 35 kW, ma con portata  termica complessiva maggiore di 35 kW non rientra nella definizione di "impianto domestico" ed è disciplinata  dalla norma UNI 11528. 
Nota 2
L’installazione degli impianti domestici e similari è disciplinata dalla serie UNI 7129.  

3.3 impianto civile extradomestico:
Impianto gas asservito ad almeno un apparecchio avente  singola portata termica nominale massima maggiore di 35 kW oppure apparecchi installati  in batteria con portata termica complessiva maggiore di 35 kW. 

L’impianto è funzionale ad uno o più dei seguenti effetti utili: 

a) climatizzazione di edifici ed ambienti; 
b) produzione di acqua calda sanitaria; 
c) cottura di cibi (con esclusione dell’ospitalità professionale, di comunità e ambiti similari). 

L’impianto non è asservito a cicli di lavorazione industriale, a funzioni che rientrano nella  UNI 8723 e a funzioni domestiche o similari rientranti nello scopo e campo di applicazione  della UNI 7129. 

Nota 1
Se l’impianto gas è suddiviso in diverse sezioni, una o più delle quali non è definibile come impianto civile  extradomestico, la linea principale di alimentazione gas alle varie sezioni (a monte del punto di inizio di  ciascuna di esse) può essere posata e dimensionata in ottemperanza alla norma riguardante gli impianti civili  extradomestici. 
Nota 2
il termine "extradomestico" non si riferisce alla destinazione d’uso dell’edificio o delle unità immobiliari servite  dall’impianto (vedere anche definizione di "impianto domestico o similare"). 
Nota 3
L’installazione degli impianti civili extradomestici è disciplinata dalla UNI 11528

3.4 impianto per ospitalità professionale, di comunità ed ambiti similari:
Impianto asservito  al complesso delle attività che afferiscono, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, ai  settori turistico alberghiero, della ristorazione, dei bar, delle grandi catene di ristorazione  aperte al pubblico, delle comunità e degli enti pubblici e privati. Inoltre, per ambiti similari,  ci si riferisce, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, a conventi, circoli, associazioni. 

Nota 1
L’installazione degli impianti per ospitalità professionale, di comunità ed ambiti similari è disciplinata dalla  UNI 8723.  

3.5 impianto gas:
Impianto costituito dai seguenti componenti:  -

 impianto interno; 
- predisposizioni edili e/o meccaniche per la ventilazione dei locali di installazione  degli apparecchi; 
- predisposizioni edili e/o meccaniche per l’aerazione dei locali di installazione; 
- predisposizioni edili e/o meccaniche per l’evacuazione all’esterno dei prodotti della  combustione ed il collegamento al camino/canna fumaria; 
- predisposizioni per l’installazione di bombole o il collegamento a recipiente fisso.

Rientra nell’impianto gas, inoltre, l’installazione e il collegamento degli apparecchi  utilizzatori (apparecchi utilizzatori esclusi).  

1) Alla data di pubblicazione della presente norma è in vigore il DM 12.04.1996, che prevede che più apparecchi termici  alimentati a gas, di seguito denominati apparecchi, installati nello stesso locale o in locali direttamente comunicanti sono considerati come facenti parte di un unico impianto, di portata termica pari alla somma delle portate termiche dei singoli  apparecchi. All'interno di una singola unità immobiliare adibita ad uso abitativo, ai fini del calcolo della portata termica  complessiva, non concorrono gli apparecchi domestici di portata termica singola non superiore a 35 kW quali gli  apparecchi di cottura alimenti, le stufe, i caminetti, i radiatori individuali, gli scaldaacqua unifamiliari, gli scaldabagno e i lavabiancheria.  

3.5.1 impianto interno:
Vedere punto 3.6. 

3.5.2 predisposizioni edili e/o meccaniche per la ventilazione dei locali di installazione degli  apparecchi:
Realizzazione delle aperture o dei sistemi (per esempio, i canali di  ventilazione, sia singoli che collettivi) per la ventilazione dei locali; rientrano in questa definizione anche i sistemi per la ventilazione meccanica controllata ed i condotti di  aspirazione dell’aria comburente per i soli apparecchi di tipo C6. 

3.5.3 predisposizioni edili e/o meccaniche per l’aerazione dei locali di installazione:
Realizzazione delle aperture o dei sistemi (per esempio, i condotti di aerazione, sia singoli  che collettivi) per l’aerazione; rientrano in questa definizione anche i sistemi per l’aerazione meccanica controllata. 

3.5.4 predisposizioni edili e/o meccaniche per lo scarico all’esterno dei prodotti della combustione  ed il collegamento al camino/canna fumaria:
Installazione dei canali da fumo, dei condotti  di scarico fumi (solo per apparecchi di tipo C6), dei camini, delle canne fumarie, dei  condotti intubati, dei collettori fumari, dei terminali di scarico, dei comignoli. 

3.5.5 installazione e collegamenti degli apparecchi utilizzatori:
Collegamento fisico, per mezzo di  apposite connessioni (per esempio, tubi flessibili, tubi rigidi, ecc.), tra l’impianto interno e  gli apparecchi. 

3.5.6 impianto gas di nuova realizzazione (impianto di nuova realizzazione):
Impianto gas mai messo in servizio. 

Nota 1
Se l’impianto gas di nuova realizzazione è domestico e similare, si definisce "impianto domestico e similare  di nuova realizzazione", se l’impianto gas di nuova realizzazione è extradomestico, si definisce "impianto  extradomestico di nuova realizzazione".  
[...]

4 DEFINIZIONI RELATIVE AGLI APPARECCHI 

Nota
Per il dettaglio della classificazione degli apparecchi utilizzatori in funzione della modalità di evacuazione dei  prodotti della combustione, vedere UNI CEN/TR 1749.  

4.1 apparecchio di Tipo A:
Apparecchio non previsto per il collegamento a camino/canna  fumaria o a dispositivo di evacuazione dei prodotti della combustione all'esterno del locale  in cui l’apparecchio è installato. Il prelievo dell’aria comburente e l’evacuazione dei prodotti  della combustione avvengono nel locale di installazione. 

4.2 apparecchio di Tipo B:
Apparecchio previsto per il collegamento a camino/canna fumaria  o a dispositivo che evacua i prodotti della combustione all'esterno del locale in cui  l’apparecchio è installato. Il prelievo dell'aria comburente avviene nel locale d’installazione  e l’evacuazione dei prodotti della combustione avviene all’esterno del locale stesso. 

4.3 apparecchio di Tipo C:
Apparecchio il cui circuito di combustione (prelievo dell'aria  comburente, camera di combustione, scambiatore di calore e evacuazione dei prodotti  della combustione) è a tenuta rispetto al locale in cui l’apparecchio è installato. Il prelievo  dell'aria comburente e l’evacuazione dei prodotti della combustione avvengono  direttamente all’esterno del locale. 

4.4 apparecchio di cottura:
Apparecchio destinato alla cottura dei cibi. Fanno parte della  definizione i fornelli, i forni a gas e i piani di cottura siano essi ad incasso, separati fra loro  oppure incorporati in un unico apparecchio chiamato generalmente "cucina a gas". 

4.4.1 apparecchio di cottura con dispositivo di sorveglianza di fiamma:
Apparecchio di cottura  dotato di dispositivo che, in risposta a un segnale del rilevatore di fiamma, interrompe l’alimentazione del gas in assenza della fiamma stessa. 

4.5 cappa da cucina a ricircolazione d’aria:
Cappa che non dispone di collegamento  all’esterno per l’evacuazione dei vapori di cucina.  Nota Queste cappe sono generalmente chiamate "cappe filtranti" e sono dotate di ventilatore aspirante elettrico.

4.6 generatore di calore alimentato a combustibile diverso dal gas:
Generatore (caminetti, termocaminetti, stufe, termocucine, ecc.) alimentato a combustibile solido (inclusa la  legna) o combustibile liquido, destinato al riscaldamento ambientale e/o produzione di  acqua calda sanitaria e/o cottura cibi. 

Nota 1
L’installazione dei generatori a combustibile solido di potenza termica nominale non maggiore di 35 kW è  disciplinata dalla UNI 10683. 

Nota 2
A seconda della tipologia, alcuni generatori interferiscono, durante il funzionamento, con l’ambiente di  installazione a riguardo dell’aerazione o della ventilazione.  
[...]

4.8 caldaia a gas:
Apparecchio progettato e costruito per il riscaldamento degli ambienti;  esplica la sua funzione mediante il trasferimento dell’energia termica, sviluppata dalla  combustione di gas, ad un fluido termovettore che alimenta un impianto di riscaldamento. 
Può avere, come funzione aggiuntiva ma non sostitutiva, la produzione di acqua calda sanitaria. 

4.8.1 caldaia a gas per solo riscaldamento:
Caldaia a gas progettata e costruita per essere  destinata al solo riscaldamento degli ambienti.  Nota Il termine è sinonimo di "caldaia a gas di tipo monotermico". 

4.8.2 caldaia a gas combinata:
Caldaia a gas progettata e costruita per essere destinata al  riscaldamento degli ambienti e alla produzione, istantanea o ad accumulo, di acqua calda  sanitaria.  Nota Il termine è sinonimo di "caldaia mista". 

4.9 scaldaacqua a gas:
Apparecchio a gas per la produzione di acqua calda sanitaria; l’acqua  calda può essere destinata anche ad usi similari purché dichiarati dal produttore  dell’apparecchio.  Esplica la sua funzione mediante il trasferimento dell’energia termica, sviluppata dalla  combustione di gas, ad acqua di consumo che alimenta un impianto idrico-sanitario.  Nota Il termine è sinonimo di "scaldabagno a gas". 

4.9.1 scaldaacqua a gas istantaneo:
Scaldaacqua a gas per la produzione istantanea di acqua  calda. 

4.9.2 scaldaacqua a gas ad accumulo:
Scaldaacqua a gas per la produzione ad accumulo di  acqua calda. 

4.10 caldaia standard:
Caldaia per la quale la temperatura media di funzionamento può essere  limitata dal fabbricante dell’apparecchio in sede di progettazione. 

4.11 caldaia a bassa temperatura:
Caldaia che, come dichiarato dal fabbricante  dell’apparecchio, può funzionare in regime continuo, in cui la temperatura dell'acqua di  alimentazione è compresa tra 35 °C e 40 °C e che, in certi casi, può dare luogo a  condensazione. 

Nota
Rientrano in questa definizione le caldaie a bassa temperatura di cui alla UNI EN 15502-1.  

4.12 caldaia a condensazione:
Caldaia nella quale (come dichiarato dal fabbricante  dell’apparecchio), in condizioni normali di funzionamento e a talune temperature di  funzionamento dell’acqua, il vapore d’acqua presente nei prodotti della combustione è  parzialmente condensato allo scopo di utilizzarne il calore latente per uso riscaldamento  e che soddisfa i requisiti di rendimento previsti dalla pertinente norma di prodotto.  Nota Rientrano in questa definizione le caldaie a condensazione di cui alla UNI EN 677 e alla UNI EN 15502-1. 

4.13 stufa a gas:
Apparecchio indipendente per il riscaldamento dei locali. Si distingue in  apparecchi di tipo B e di tipo C, quest’ultimo altrimenti definito come "stufa convettiva a gas". 

4.14 tubo radiante a gas:
Apparecchio alimentato a gas destinato a installazione sospesa e  progettato per riscaldare lo spazio sottostante per radiazione a mezzo di uno o più tubi, riscaldati dal passaggio interno di prodotti della combustione. 

4.15 apparecchi di riscaldamento a gas sospesi a irraggiamento:
Apparecchio alimentato a  gas destinato a installazione sospesa e progettato per riscaldare lo spazio sottostante per  irraggiamento. 

4.16 generatore modulare:
Un generatore di calore modulare è costituito da due o più moduli  termici predisposti dal fabbricante per funzionare singolarmente o contemporaneamente  collegati ad un unico circuito idraulico. Il modulo termico è un generatore di calore  costituito da uno o più elementi termici, funzionalmente dipendenti.  Nota Un elemento termico è generalmente costituito da uno scambiatore di calore, da un bruciatore (o porzione) e  da dispositivi di sicurezza e controllo. 

4.17 batteria di generatori:
Complesso costituito da più generatori di calore inseriti in un unico  circuito idraulico.  
[...]

10 DEFINIZIONI RELATIVE ALLE ATTIVITÀ 

10.1 accertamento documentale:
Insieme delle attività dirette a riscontrare, in via  esclusivamente documentale, che l’impianto gas sia stato eseguito (oppure modificato,  ampliato, trasformato) secondo i requisiti essenziali di sicurezza.  In caso di un impianto gas esistente, l’accertamento documentale costituisce la prima  parte dell’attività di verifica del sicuro funzionamento. 

Nota 1
Le attività possono essere dirette a riscontrare anche che l’impianto gas si trovi in stato di sicuro  funzionamento. 

Nota 2
L’accertamento può avvenire sia in sito che in luogo diverso. Il primo caso si configura, per esempio,  nell’ambito della verifica di un impianto gas con sopralluogo, costituendo la parte di controllo documentale; il  secondo caso si riscontra, per esempio, nell’attività di accertamento da parte del distributore tramite il proprio  personale tecnico.

Nota 3
Il riscontro in via esclusivamente documentale coincide nel controllo della documentazione a corredo  dell’impianto. 

10.2 allacciamento di un apparecchio:
Realizzazione di una connessione funzionale, tramite  appositi raccordi o gruppi di allacciamento, tra l’apparecchio e la presa per lo stesso  predisposta sull’impianto interno. 

10.3 analisi della combustione:
Analisi dei prodotti della combustione finalizzata alla verifica  dei parametri relativi alla sicurezza, all’igienicità e al rendimento della combustione. 

10.4 dismissione parziale di un impianto gas:
Intervento consistente nella separazione  dell’impianto gas in due parti, dopo di che una parte (non autonoma dal punto di vista funzionale) viene resa inattiva in modo permanente e senza rimozione della stessa. 

Nota
La dismissione parziale di un impianto gas si distingue dalla messa fuori servizio parziale di un impianto gas  in quanto la prima è permanente.  

10.5 esercizio:
Insieme delle funzioni che dispongono e coordinano, nel rispetto delle  prescrizioni relative alla sicurezza e alle disposizioni legislative vigenti, le attività relative  all’impianto gas, come la conduzione, la manutenzione, la verifica e il controllo, oltre ad  altre operazioni per gli apparecchi e i componenti dell’impianto stesso.  

Nota
L’esercizio comprende, per esempio, la corretta tenuta e conservazione della documentazione a corredo  dell’impianto gas, nonché dei manuali d’uso ed avvertenze degli apparecchi e dei dispositivi; comprende, fra  l’altro, la sorveglianza sullo stato di conservazione dell’impianto gas e degli apparecchi, il monitoraggio degli  indicatori che potrebbero segnalare malfunzionamenti o funzionamenti anomali, la richiesta di intervento di  un operatore abilitato nel caso sia necessario ricondurre l’impianto gas o gli apparecchi a uno stato di sicuro funzionamento.  

10.6 installazione:
Insieme di operazioni finalizzate alla messa in opera (totale o parziale) di un  impianto gas e/o di apparecchi; può comprendere anche la messa in servizio. 

Nota
L’installazione di un impianto gas, nel caso più generale, comprende varie fasi: 

- ideazione della configurazione geometrica e funzionale; 
- scelta e reperimento dei materiali, dei componenti e degli apparecchi; 
- fissaggio degli elementi; 
- assemblaggio delle parti; 
- posa e collegamento degli apparecchi; 
- messa in servizio dell’impianto.  

10.7 manutenzione:
Combinazione di tutte le azioni intese a mantenere (o ripristinare) un  impianto gas (o parte di esso) nello stato per cui è stato progettato o realizzato. 

10.7.1 manutenzione ordinaria:
Intervento finalizzato a contenere il normale degrado d’uso di un  impianto gas. Comprende, tra l’altro, la sostituzione programmata di tubazioni o di  giunzioni al fine di prevenire una perdita di funzionalità o sicurezza per invecchiamento dei  materiali. 

10.7.2 manutenzione straordinaria:
Intervento che comporta la sostituzione di parti quali le  tubazioni, gli accessori (rubinetti, gomiti, raccordi ecc.), i collegamenti degli apparecchi  fissi ed a incasso, nonché la realizzazione o la modifica delle predisposizioni edili e/o  meccaniche per la ventilazione (o l’aerazione) del locale di installazione dell’apparecchio,  le predisposizioni edili e/o meccaniche per l’evacuazione dei prodotti della combustione.  La definizione comprende anche i casi di smontaggio e successivo rimontaggio di parti al  fine, per esempio, di ripristinare la tenuta. 

10.8 messa in servizio:
Interventi da compiere per mettere l’impianto gas in condizioni di  servizio conformemente al progetto. 

10.9 messa fuori servizio:
Intervento di sospensione dell’erogazione del gas combustibile,  mediante chiusura stabile ed eventuale sigillatura dell’organo di intercettazione generale  posto a monte o in corrispondenza del punto di consegna. La messa fuori servizio può  essere anche parziale con la sospensione dell’erogazione di gas a una parte dell’impianto  oppure a un apparecchio non idoneo al funzionamento. 

Nota
La sigillatura può essere sostituita da altra operazione (analoga ed equivalente dal punto di vista dell’efficacia)  che dia evidenza all’intervento di riattivazione dell’impianto.  

10.10 messa in gas:
Procedimento con cui si sostituisce l’aria che si trova nella tubazione (di un  impianto gas) con il gas distribuito.  [UNI EN 1775:2007, punto 3.7.1] 

Nota
L’operazione si definisce, anche, con il termine "spurgo".  

10.11 modifica:
Operazione che comporta (o può comportare) variazioni dell’impianto gas  esistente o degli apparecchi ad esso collegati, quali per esempio: ampliamento,  trasformazione, manutenzione straordinaria, sostituzione di apparecchi, rimozione di  apparecchi. 

10.12 posa di un apparecchio:
Installazione di un apparecchio, nel luogo predefinito, sia esso di  tipo fisso che mobile. La posa può comprendere o meno i collegamenti con i sistemi di  evacuazione dei prodotti della combustione, ma non comprende il collegamento tra  l’apparecchio e l’impianto interno. 

10.13 prova di resistenza meccanica:
Procedimento per il controllo della conformità della  tubazione ai requisiti di resistenza meccanica. 

10.14 rimessa in servizio:
Interventi da compiere per riportare l’impianto gas nelle normali  condizioni di servizio dopo una messa fuori servizio. 

10.15 ripristino della tenuta:
Procedimento che, a seguito di interventi appositi, consente di  ottenere un sistema (per esempio un impianto interno o un sistema fumario) rispondente  ai requisiti di tenuta. 

Nota
Solitamente gli interventi appositi vengono preceduti dalla ricerca e localizzazione di uno o più punti di rilascio  (di gas combustibile o di altro fluido gassoso).  

10.16 verifica:
Procedimento che consente di controllare i requisiti di sicurezza di un impianto  gas.  

Nota
La verifica dei requisiti di sicurezza tende a riscontrare, a seconda dei casi, la funzionalità o l’idoneità, le  condizioni per il funzionamento temporaneo o per quello illimitato.  

10.17 verifica di tenuta:
Procedimento che consente di controllare i requisiti di tenuta. 

Nota
La verifica di tenuta può essere effettuata, per esempio, su un impianto interno in esercizio oppure su un  camino in esercizio.  

10.18 controllo visivo:
Controllo eseguito sulle parti dell’impianto visibili e/o ispezionabili senza  l’ausilio di strumenti.
Sono, per esempio, considerati controlli visivi: 
- il controllo delle tubazioni e dei relativi accessori installati a vista; 
- il controllo della sezione libera delle predisposizioni per la ventilazione e l’aerazione  dei locali; 
- il controllo delle predisposizioni edili e meccaniche per l’evacuazione dei prodotti  della combustione. 

10.19 controllo strumentale:
controllo eseguito con l’ausilio di strumenti appropriati. Il controllo  strumentale può essere di tipo geometrico o di tipo funzionale.  Sono considerati controlli geometrici quelli in cui si utilizzano strumenti come il metro per  controllare le sole misure geometriche come, per esempio, l’area dell’apertura di  ventilazione. 
Sono, per esempio, considerati controlli strumentali di tipo funzionale: 
- il controllo della tenuta dell’impianto interno; 
- il controllo del corretto afflusso di aria comburente; 
- il controllo dell’assenza di riflusso dei prodotti della combustione in ambiente;
- il controllo del tiraggio dei sistemi di evacuazione dei prodotti della combustione  funzionanti a tiraggio naturale. 

11 DEFINIZIONI RELATIVE AGLI OPERATORI 

11.1 accertatore:
Personale tecnico incaricato dal distributore del gas di effettuare  l’accertamento documentale. 

11.2 controllore:
Tecnico che effettua il controllo. 

11.3 fabbricante:
Persona fisica o giuridica responsabile della fabbricazione di un prodotto,  ovvero (a seconda dei casi e ove previsto), della progettazione o della messa in opera del  progetto, della ricerca e della ricezione dei singoli componenti e/o dei gruppi funzionali  costituenti il prodotto finito, nonché del fissaggio, dell’assemblaggio, del collaudo  funzionale, del confezionamento, dell’imballaggio e/o dell’etichettatura in vista  dell’immissione in commercio a proprio nome o marchio od altro segno distintivo. 
Si definisce "fabbricante" anche la persona fisica o giuridica che mette in commercio (per  esempio, a titolo di vendita e/o locazione e/o noleggio, anche se gratuito), un prodotto  rimesso a nuovo assumendosi gli obblighi previsti dalle disposizioni legislative applicabili. 

Nota
Con "rimessa a nuovo" si intende l’insieme delle operazioni atte a ripristinare la funzionalità e le prestazioni  di un prodotto precedentemente immesso sul mercato e poi dismesso, al fine di immetterlo nuovamente in  commercio e/o metterlo in servizio in un differente impianto. Ciò comporta la necessità di accertamento da  parte del "fabbricante" (anche se diverso dal fabbricante originario) della conformità del prodotto "rimesso a  nuovo" a tutte le disposizioni legislative applicabili.  

11.4 installatore:
Tecnico, in possesso dei requisiti previsti dalla legislazione vigente, che  effettua (o che è incaricato di effettuare) operazioni di installazione, ampliamento o  modifica.

Nota
L’installatore opera al fine di garantire un livello adeguato di sicurezza all’impianto gas, in qualsiasi caso  (realizzazione di un impianto nuovo o modifica ad un impianto esistente).  

11.5 manutentore:
Tecnico, in possesso dei requisiti previsti dalla legislazione vigente, che  effettua (o che è incaricato di effettuare) operazioni di controllo e manutenzione.  

Nota 1
Il manutentore opera al fine di garantire un livello adeguato di sicurezza all’impianto gas. A seconda dei casi e delle necessità, egli può effettuare operazioni atte a limitare l’inevitabile degrado  dell’impianto gas e degli apparecchi, dovuto all’azione combinata di sollecitazioni meccaniche, sollecitazioni  termiche ed usura, che ne possono ridurre il livello di sicurezza, sia direttamente per rottura o disattivazione  (degli apparecchi, dei componenti o dei dispositivi), sia indirettamente a causa di deriva dei valori delle  regolazioni. 

Nota 2
Il manutentore può effettuare trasformazioni qualora ciò non comporti variazioni geometriche o dimensionali  dell’impianto.

11.6 verificatore:
Tecnico che effettua la verifica. 

12 DEFINIZIONI RELATIVE ALLE CONDIZIONI DEGLI IMPIANTI ED AGLI EVENTI  
[...]

segue in allegato

Certifico Srl - IT | Rev. 0.0 2024
©Copia autorizzata Abbonati 

Collegati

Descrizione Livello Dimensione Downloads
Allegato riservato UNI 7128 2015 Impianti gas civili - Le definizioni principali Rev. 00 2024.pdf
Certifico Srl - Rev. 0.0 2024
331 kB 64

Tags: Impianti Abbonati Impianti Impianti gas

Articoli correlati

Più letti Impianti

Ultimi archiviati Impianti

Broadband Investment Handbook 2024
Mar 23, 2024 130

Broadband investment handbook 2024

Broadband investment handbook 2024 ID 21564 | 23.03.2024 This handbook aims to assist public authorities in planning, implementing, and monitoring broadband projects within their territories. It primarily addresses the deployment of access and backhaul segments of fixed broadband networks and the… Leggi tutto
Feb 22, 2024 172

Regolamento di esecuzione (UE) 2023/2633

Regolamento di esecuzione (UE) 2023/2633 ID 21408 | 22.02.2024 Regolamento di esecuzione (UE) 2023/2633 della Commissione, del 20 novembre 2023, che definisce la traiettoria di riempimento con obiettivi intermedi per il 2024 per ciascuno Stato membro dotato di impianti di stoccaggio sotterraneo di… Leggi tutto
Dic 22, 2023 251

CEI 23-151;V1 e CEI 23-57;V1 / Varianti norme adattatori per usi domestici e similari

CEI 23-151;V1 e CEI 23-57;V1 / Varianti norme adattatori per usi domestici e similari ID 21038 | 22.12.2023 / Progetti in allegato In inchiesta pubblica fino al 19 febbraio 2024 progetti delle Varianti V1 alla CEI 23-151 e CEI 23-57 relative agli adattatori per usi domestici e similari CEI 23-151;V1Spine e… Leggi tutto