Slide background
Slide background
Slide background
Slide background




Quadro di distribuzione di una unità abitativa Conforme CEI 64-8

ID 11047 | | Visite: 760 | Documenti impianti riservatiPermalink: https://www.certifico.com/id/11047

Quadro di distribuzione unita  abitativa

Quadro di distribuzione di una unità abitativa Conforme CEI 64-8

ID 11047 | 05.07.2020 - Documento completo allegato

Il(i) quadri di distribuzione di una unità abitativa devono essere conformi alla CEI 64-8 37.4.1 con una determinata configurazione degli interruttori. Note e peculiarità configurazione del(i) quadro(i).

A. Interruttore generale

CEI 64-8

37.4.1 Generalità

Ogni unità abitativa deve essere dotata di uno o più quadri di distribuzione e di un (1 - ndr) interruttore generale, facilmente accessibile all’utente. 

L’interruttore generale, qualora sia differenziale, deve essere selettivo (selettività totale differenziale) nei confronti degli interruttori differenziali a valle o dotato di SRD (dispositivo di richiusura automatica).

Al fine di garantire una sufficiente continuità di servizio, la protezione differenziale deve essere suddivisa su almeno 2 interruttori.

È consigliabile l’impiego di interruttori differenziali di tipo A, per la protezione dei circuiti che alimentano lavatrici e/o condizionatori fissi.

Per permettere successivi ampliamenti, i quadri devono essere dimensionati per il 15 % in più dei moduli installati, con un minimo di due moduli.

NOTA
Si ricorda che gli interruttori dei singoli circuiti devono essere facilmente identificabili, ad esempio, tramite targa (art. 514.1).

Il quadro di arrivo (principale) dell’unità abitativa deve essere raggiunto direttamente dal conduttore di protezione proveniente dall’impianto di terra dell’edificio, al fine di permettere la corretta messa a terra degli eventuali SPD tramite un opportuno mezzo di connessione.

A seguire esempi con linee utenze suddivise Zona giorno/Zona notte.

Quadro di distribuzione con interruttore generale (non differenziale)
Quadro di distribuzione con interruttore generale
Esempio Configurazione conforme
 
Quadro di distribuzione senza interruttore generale
Quadro di distribuzione con interruttore generale senza generale
Esempio Configurazione non conforme

...

B. Interruttore differenziale

Legge 46/90

Art. 7 c.2
In particolare gli impianti elettrici devono essere dotati di impianti di messa a terra e di interruttori differenziali ad alta sensibilità o di altri sistemi di protezione equivalenti.

DM 37/08

Art. 6 c. 3
Gli impianti elettrici nelle unità immobiliari ad uso abitativo realizzati prima del 13 marzo 1990 si considerano adeguati se dotati di sezionamento e protezione contro le sovracorrenti posti all’origine dell’impianto, di protezione contro i contatti diretti, di protezione contro i contatti indiretti o protezione con interruttore differenziale avente corrente differenziale nominale non superiore a 30 mA.

CEI 64-8

La CEI 64-8/4 richiede l’impiego di interruttori differenziali con soglia di intervento non superiore ai 30 mA.

412 Protezione contro i contatti diretti


412.5 Protezione addizionale mediante interruttori differenziali

412.5.1 L’uso di interruttori differenziali, con corrente differenziale nominale d’intervento non superiore a 30 mA, è riconosciuto come protezione addizionale contro i contatti diretti in caso di insuccesso delle altre misure di protezione o di incuria da parte degli utilizzatori.

412.5.2 L’uso di tali dispositivi non è riconosciuto quale unico mezzo di protezione contro i contatti diretti e non dispensa dall’applicazione di una delle misure di protezione specificate da 412.1 a 412.4.

412.5.3 La protezione addizionale mediante l’uso di dispositivi di protezione con corrente differenziale nominale d’intervento non superiore a 30 mA è richiesta:

a) nei locali ad uso abitativo per i circuiti che alimentano le prese a spina con corrente nominale non superiore a 20 A; e
b) per i circuiti che alimentano le prese a spina con una corrente nominale non superiore a 32 A destinate ad alimentare apparecchi utilizzatori mobili usati all’esterno.

NOTA
Una esenzione può essere fatta per specifiche prese a spina previste per la connessione a particolari componenti elettrici
...

Figura 1

Fig. 1 - Foto esempio quadro di distribuzione con interruttore generale e n. 3 differenziali

...

Interruttori differenziali RCD (Residual Current Device)

Gli ultimi sviluppi normativi hanno ampliato il panorama delle protezioni differenziali, previste in ambito residenziale e non.

Gli RCD sono classificati in base alla forma d’onda della corrente differenziale (Norma CEI CEI 64-8 art. 531.3.3) (Tabella 1).

Tabella 1

...

(*) Differenziale selettivo (es. a protezione montante)

Nel collegamento in serie di interruttori differenziali, per ottenere in caso di guasto una disinserzione selettiva, gli apparecchi devono essere selettivi sia nella corrente differenziale nominale Idn sia nel tempo di sgancio Ts.

1) interruttori differenziali di tipo generale, che intervengono in tempi relativamente rapidi perché la corrente di guasto e il tempo di intervento determinino punti (t,I) che si trovano nelle zone meno pericolose di quelle stabilite dalla CEI 64-8.

2) interruttori differenziali selettivi, che intervengono entro un tempo di ritardo fisso, per essere collegati a monte di altri differenziali del tipo 1) ed assicurare la continuità di servizio delle parti di impianto non interessate dal guasto (selettività).

3) interruttori differenziali ritardati, in cui invece il tempo di ritardo è regolabile, sempre per assicurare la selettività. Questo genere di interruttori può essere utilizato solo in ambito industriale, perché la regolazione deve essere eseguita da persone esperte (PES).

Concetto di selettività - Esempio (Quadro principale e altri Quadri secondari distinti)

A causa di un guasto verso terra nel circuito utilizzatore di una presa, si ha una corrente di dispersione verso terra di 50 mA.

Se l'interruttore generale dell'abitazione (posto in quadro di distribuzione principale) è dotato di un unico interruttore generale differenziale magnetotermico ad alta sensibilità con Idn=30 mA / ts ≤ 30 ms, questo guasto causerà l'interruzione di tutte le linee delle utenze dell'abitazione (luce, prese, riscaldamento, ecc ).
 
Se invece ogni linea è dotata di un proprio interruttore differenziale (ad esempio posto in quadro a valle - quadro di distribuzione secondario) ad alta sensibilità da 30 mA, mentre è presente un'altro l'interruttore differenziale (ad esempio posto in altro quadro a monte - quadro di distribuzione principale, installato a protezione del(i) montante(i)), selettivo (Idn = 300 mA / Ts = 100 ms), l'interruzione riguarderà la sola linea della presa interessata dal guasto.
...

Quadro generale   Quadri secondari

...
segue in allegato

Certifico Srl - IT Rev. 00 2020
Copia autorizzata Abbonati

Collegati

Pin It


Tags: Impianti Impianti elettrici Abbonati Impianti

Articoli correlati

Più letti Impianti

Ultimi archiviati Impianti

110
Ago 06, 2020 142

Superbonus e Sismabonus al 110%: Decreto Asseverazioni

Superbonus e Sismabonus al 110%: Decreto Asseverazioni MIT, 05 Agosto 2020 Pubblicata la modulistica per gli interventi di efficientamento energetico Firmato il decreto attuativo relativo alla modulistica e alle modalità di trasmissione dell’asseverazione agli organi competenti, tra cui Enea, per… Leggi tutto
Legge 28 giugno 1986 n  339
Lug 26, 2020 101

Legge 28 giugno 1986 n. 339

Legge 28 giugno 1986 n. 339 Nuove norme per la disciplina della costruzione e dell'esercizio di linee elettriche aeree esterne. (GU n.158 del 10-7-1986) [box-info]Norme tecniche previste dalla Legge n. 339/1986 Le norme tecniche previste dalla Legge 28 giugno 1986 n. 339 (Art. 2) sono state emanate… Leggi tutto
Linee elettriche aeree   Distanza da attivita  PI
Lug 26, 2020 84

DM 16 gennaio 1991

DM 16 gennaio 1991 Aggiornamento delle norme tecniche per la disciplina della costruzione e dell'esercizio di linee elettriche aeree esterne (G.U. 16 febbraio 1991 n. 40)Vedi: Collegati
Decreto 21 marzo 1988 n. 449Linee elettriche aeree: le distanze dalle attività PI
Leggi tutto
Decreto 21 marzo 1988 n  449
Lug 26, 2020 173

Decreto 21 marzo 1988 n. 449

Decreto 21 marzo 1988 n. 449 Approvazione nelle norme tecniche per la progettazione, l’esecuzione e l’esercizio delle linee elettriche aeree esterne (1). (G.U. 5 aprile 1988, n. 79 SO) [box-info]Norme tecniche previste dalla Legge n. 339/1986 Le norme tecniche previste dalla Legge 28 giugno 1986 n.… Leggi tutto
Relazione annuale ARERA 2019
Lug 20, 2020 106

Relazione Annuale ARERA 2019

Relazione Annuale ARERA 2019 ID 11220 | 20.07.2020 In allegato i due volumi della Relazione Annuale ARERA 2019 sullo Stato dei servizi e sull’Attività svolta. Gli elementi contenuti nei due volumi riguardano i 12 mesi dell’anno solare 2019 e non contemplano i primi mesi di quest’anno e l’impatto… Leggi tutto