Slide background




Condono edilizio: le leggi emanate

ID 9617 | | Visite: 10278 | Documenti riservati CostruzioniPermalink: https://www.certifico.com/id/9617

 Condono edilizio   Legislazione

Condono edilizio: le leggi emanate / I testi di legge emanati al 2022

ID 9617 | Update 10.10.2022

Il condono edilizio è un provvedimento legislativo con il quale un cittadino può ottenere l’annullamento di una certa pena o di una sanzione che è derivata dalla commissione di un atto illecito. Ha una durata temporale limitata, poiché l’atto prevede un termine di inizio e fine per poterne usufruire. Alla data, non è in vigore alcun condono edilizio.

Le Leggi sul Condono edilizio nel tempo: 

- il primo condono edilizio (legge 47/1985);
- il secondo condono edilizio (legge 724/1994) (3 i criteri per la sanabilità: tempo, stato dei lavori e limiti dimensionali dell'opera abusiva)
- il terzo condono edilizio (legge 326/2003).

Il condono edilizio 'sana' la realizzazione di opere realizzate in contrasto con le norme urbanistiche, sottraendosi alle pene previste per l'illecito perpetrato.

Il legislatore definisce l'oggetto specifico del condono, ad esempio le opere realizzate per volumi maggiori di quelli consentiti, edifici realizzati in aree non edificabili, costruzioni eseguite in violazione delle norme sulle distanze ecc.

La normativa prevede quattro tipi di sanzioni rivolte alla repressione dell’abusivismo edilizio. Alle sanzioni amministrative dirette a rimuovere gli effetti conseguenti all’offesa arrecata all’interesse pubblico (sanzioni pecuniarie per le ipotesi di minore gravità, quali la difformità parziale, le costruzioni su concessione annullata, la ristrutturazione in mancanza di concessione, sospensione dei lavori per le costruzioni e le lottizzazioni abusive, demolizione, per casi più gravi di difformità parziale, per difformità totale e per assenza di permesso di costruire, confisca e acquisizione al patrimonio comunale per immobili giudicati di prevalente interesse pubblico) e alle sanzioni penali per la punizione delle inosservanze di norme urbanistico-edilizie (DPR n. 380/2001, all’art. 44 raggruppa i reati urbanistico-edilizi in distinte previsioni, alle quali correla sanzioni penali di diversa entità), si aggiungono le cosiddette condono sanzioni civili, finalizzate a limtare (se non proprio a impedire) la circolazione di edifici e parti di essi illegittimamente costruiti, e alcune condono sanzioni accessorie (per es., quelle fiscali). Si tratta, in particolare, di un complesso di norme, di prevalente natura civilistica per la loro incidenza su atti conclusi da privati (che abbiano a oggetto il trasferimento o la costituzione di diritti reali di godimento su edifici o loro porzioni, con l’esclusione del diritti di servitù), finalizzate comunque, mediante la previsione di nullità, vincoli di circolazione e responsabilità personali, a limitare la circolazione di edifici e parti di essi illegittimamente costruiti.

In questo quadro, il condono edilizio costituisce un procedimento amministrativo eccezionale e limitato nel tempo, non potendo essere utilizzato come procedimento «a regime» e dovendo riguardare esclusivamente il passato. A fronte dell’incapacità delle amministrazioni comunali di impedire l’abusivismo edilizio, si è pensato di sanare il passato, acquisendo, nel contempo, al patrimonio dello Stato e dei Comuni, ingenti risorse finanziarie. Poiché il provvedimento di sanatoria riveste il carattere di atto dovuto, non potendo il Comune negarlo pure se l’opera abusiva sia in contrasto con gli strumenti urbanistici vigenti, si è inteso privilegiare tale interesse finanziario, a discapito dell’interesse generale a una perfetta conformazione urbanistica del bene. Sono così state disposte varie sanatorie edilizie, a partire dalla Legge n. 47/1985, che ha introdotto tale procedimento, relativamente ad abusi commessi entro il 1° ottobre 1983. I termini del condono edilizio sono stati riaperti nel 1994 e nel 2003.

Ai sensi dell’art. 31 della Legge n. 47/1985, erano legittimati a proporre la domanda di condono i proprietari di costruzioni, coloro che avevano titolo a richiedere la concessione o l’autorizzazione edilizia in base all’art. 4 della Legge n. 10/1977 e ogni altro soggetto interessato al conseguimento della sanatoria (usufruttuari, usuari, titolari del diritto di abitazione, superficiali, enfiteuti, conduttori miranti a impedire la sanzione della demolizione, congiunti e rappresentanti degli assenti, emigrati, malati, minori, creditori interessati a rendere commerciabile un bene del debitore, soci di cooperative di abitazione, assegnatari provvisori, detentori del bene a titolo precario, rappresentanti legali o volontari di soggetto legittimato). In ogni caso, se il primo condono non prevedeva limiti quantitativi, il secondo e, poi, il terzo c. hanno stabilito limiti qualitativi e quantitativi alla sanabilità degli abusi (in base al dettato del D.Lgs. n. 168/2004, convertito in Legge n. 191/2004, spetta alle Regioni la determinazione concreta delle opere sanabili, pur nel rispetto dei dettami di principio della disciplina nazionale). I termini per il compimento dell’abuso facevano poi riferimento non all’inizio della costruzione, ma al suo completamento. Al riguardo, si riteneva che una costruzione dovesse intendersi ultimata laddove ne fosse stato eseguito il rustico e completata la copertura, anche se la Cassazione penale riteneva necessaria la realizzazione, in aggiunta, della tamponatura perimetrale.

Gli atti consolidati non le modifiche apportate alla data del 10.10.2022

Legge 28 febbraio 1985, n. 47
Norme in materia di controllo dell'attivita' urbanistico-edilizia, sanzioni, recupero e sanatoria delle opere edilizie. (GU n.53 del 2.3.1985 - S.O.)

Legge 23 dicembre 1994, n. 724
Misure di razionalizzazione della finanza pubblica. (GU n.304 del 30-12-1994 - S.O. n. 174)

Legge 24 novembre 2003, n. 326
Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, recante disposizioni urgenti per favorire lo sviluppo e per la correzione dell'andamento dei conti pubblici. (GU n.274 del 25-11-2003 - S.O n. 181)
...
Sentenza TAR Campania  Salerno  Sez  I n  2461 del 26 09 2022

Condono edilizio: la documentazione a corredo

Con la Sentenza TAR Campania, Salerno, Sez. I n. 2461 del 26.09.2022 (già evidenziato dalla sentenza 1750/2022 della stessa sezione di Salerno), vengono riportati di quali documenti sono previsti a corredo ad una istanza di condono edilizio.
...
Vedi

Collegati

Descrizione Livello Dimensione Downloads
Allegato riservato Condono edilizio - le leggi emanate Rev. 00 2022.pdf
Certifico Srl - Rev. 0.0 2022
191 kB 3

Tags: Abbonati Full Plus Costruzioni Urbanistica

Articoli correlati

Ultimi archiviati Costruzioni

Nov 25, 2022 19

Nota MLPS n.17314 del 17 novembre 2022

Nota MLPS n.17314 del 17 novembre 2022 ID 18183 | 25.11.2022 Oggetto: Richiesta di chiarimenti sull’applicabilità dell’art. 71 comma 1 del Dlgs. n. 117/2017 (Codice del Terzo Settore – CTS). Riscontrota della disciplina urbanistica. [...] "...In altri termini, estendere l’applicabilità dell’art. 71… Leggi tutto
Buone pratiche sostenibilit  infrastrutture
Nov 07, 2022 93

Buone pratiche di sostenibilità nel mondo delle infrastrutture

Buone pratiche di sostenibilità nel mondo delle infrastrutture MIMS Ottobre 2022 Nella fase della pandemia le reti infrastrutturali e la logistica hanno giocato un ruolo chiave per assicurare la distribuzione dei beni essenziali e garantire le attività economiche. In ugual misura possono… Leggi tutto
Schema preliminare del nuovo Codice dei contratti pubblici
Nov 02, 2022 342

Schema preliminare del nuovo Codice dei contratti pubblici

Schema preliminare del nuovo Codice dei contratti pubblici ID 17971 | 02.11.2022 / In allegato prima bozza provvisoria Schema preliminare di Codice dei contratti pubblici in attuazione dell’articolo 1 della legge 21 giugno 2022, n. 78, recante “Delega al Governo in materia di contratti pubblici del… Leggi tutto
La nuova visura catastale AdE
Ott 25, 2022 104

La nuova visura catastale

La nuova visura catastale / Ott. 2022 ID 17929 | 25.10.2022 / In allegato L’Agenzia delle entrate, in una logica di integrazione tra le diverse banche dati catastali e cartografiche, ha attivato dal 1° febbraio 2021 la nuova piattaforma tecnologica denominata “SIT” (Sistema Integrato del… Leggi tutto
Ott 15, 2022 173

Delibera ANAC n. 453 del 5 ottobre 2022

Delibera ANAC n. 453 del 5 ottobre 2022 La Delibera fornisce, in particolare, indicazioni sulla modalità di calcolo del compenso per gli incarichi di collaudo, chiarendo che esiste una differenza tra dipendenti pubblici e professionisti esterni alla pubblica amministrazione. Leggi tutto
Decreto 28 settembre 2022
Ott 12, 2022 557

Decreto 28 settembre 2022

Decreto 28 settembre 2022 Disposizioni in materia di possibile esclusione dell'operatore economico dalla partecipazione a una procedura d'appalto per gravi violazioni in materia fiscale non definitivamente accertate. (GU n.239 del 12.10.2022) ... Art. 1 Oggetto 1. Il presente decreto, adottato ai… Leggi tutto
Opere pubbliche varate le Linee guida per i Provveditorati in tema di sostenibilit
Ott 11, 2022 125

Opere pubbliche: varate le Linee guida per i Provveditorati in tema di sostenibilità

Opere pubbliche: varate le Linee guida per i Provveditorati in tema di sostenibilità ID 17811 | 11.10.2022 / In allegato DM di approvazione Il Ministro Giovannini: “Le Linee guida sono il frutto delle buone pratiche di sostenibilità messe in atto dai Provveditorati nell’ultimo anno, in attuazione… Leggi tutto

Più letti Costruzioni