Slide background




D.P.R. 14 gennaio 1997

ID 7896 | | Visite: 2764 | Legislazioni costruzioni ITPermalink: https://www.certifico.com/id/7896

D P R  14 gennaio 1997

D.P.R. 14 gennaio 1997

Approvazione dell’atto di indirizzo e coordinamento alle regioni e alle province autonome di Trento e di Bolzano, in materia di requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per l’esercizio delle attività sanitarie da parte delle strutture pubbliche e private.

(G.U. 20 febbraio 1997, n. 42, S.O.)

1. Approvazione requisiti.
1. Ferma restando la competenza delle regioni e delle province autonome nel disciplinare la materia delle autorizzazioni sanitarie, sono approvati i requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi richiesti per l'esercizio delle attività sanitarie da parte delle strutture pubbliche e private, riportati nell'allegato, che fa parte integrante del presente decreto.

2. Definizione dei requisiti.
1. Le strutture di cui al successivo art. 4 sono tenute a rispettare e ad adeguarsi ai requisiti minimi generali e specifici, di cui all'art. 1. Restano ferme le prescrizioni contenute nella normativa nazionale, regionale e nei regolamenti edilizi comunali.
2. Le regioni disciplinano le modalità per l'accertamento e la verifica del rispetto dei requisiti minimi.
3. La verifica della permanenza dei requisiti minimi deve essere effettuata con periodicità almeno quinquennale e ogni qualvolta le regioni ne ravvisino la necessità ai fini del buon andamento delle attività sanitarie.
4. Le regioni determinano, ai sensi del combinato disposto dei commi 4 e 7 dell'art. 8, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 , e successive modificazioni ed integrazioni, gli standards di qualità che costituiscono requisiti ulteriori per l'accreditamento di strutture pubbliche e private in possesso dei requisiti minimi per l'autorizzazione di cui all'art. 1.
5. Nella determinazione dei requisiti ulteriori, le regioni si attengono ai seguenti criteri generali, volti ad assicurare:
a) che l'accreditamento della singola struttura sia funzionale alle scelte di programmazione regionale, nell'ambito delle linee di programmazione nazionale;
b) che il regime di concorrenzialità tra strutture pubbliche e private sia finalizzato alla qualità delle prestazioni sanitarie e si svolga secondo il criterio dell'eguaglianza di diritti e doveri delle diverse strutture, quale presupposto per la libera scelta da parte dell'assistito;
c) che sia rispettato il livello quantitativo e qualitativo di dotazioni strumentali, tecnologiche e amministrative correlate alla tipologia delle prestazioni erogabili, nonché alla classe di appartenenza della struttura;
d) che le strutture richiedenti presentino risultanza positiva rispetto al controllo di qualità anche con riferimento agli indicatori di efficienza e di qualità dei servizi e delle prestazioni previsti dagli articoli 10, comma 3, e 14, comma 1 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 , e successive modificazioni ed integrazioni.
6. Le regioni disciplinano le modalità per la richiesta di accreditamento da parte delle strutture autorizzate, la concessione e l'eventuale revoca dello stesso, nonché la verifica triennale circa la permanenza dei requisiti ulteriori richiesti per l'accreditamento medesimo.
7. La qualità di soggetto accreditato non costituisce vincolo per le aziende e gli enti del servizio sanitario nazionale a corrispondere la remunerazione delle prestazioni erogate, al di fuori degli appositi rapporti di cui all'art. 8, commi 5 e 7 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 , e successive modificazioni ed integrazioni, nell'ambito del livello di spesa annualmente definito.
8. I requisiti ulteriori, di cui ai commi 4 e 5, oltre che presupposto per l'accreditamento, costituiscono altresì il fondamento dei piani annuali preventivi, così come previsti e definiti dalla normativa vigente.
...
segue in allegato

Collegati

Pin It
Scarica questo file (DPR 14 gennaio 1997 Min. Salute.pdf)DPR 14 gennaio 1997Min. SaluteIT103 kB(311 Downloads)
Scarica questo file (DPR 14 gennaio 1997.pdf)D.P.R. 14 gennaio 1997 IT1436 kB(307 Downloads)

Tags: Costruzioni Opere pubbliche

Articoli correlati

Ultimi archiviati Costruzioni

Lug 03, 2020 12

Circolare Min. LL.PP. 25 febbraio 1991 n. 34233

Circolare MLP 25 febbraio 1991 n 34233 Legge 2 febbraio 1974, n. 64 - Art. 1 D.M. 4 maggio 1990 Istruzioni relative alla normativa tecnica dei ponti stradali. Leggi tutto
Circolare Min  LL PP  19 luglio 1967 n  6736 61A1
Lug 03, 2020 25

Circolare Min. LL.PP. 19 luglio 1967 n. 6736/61A1

Circolare Min. LL.PP. 19 luglio 1967 n. 6736/61A1 ID 11134 | PDF allegato Abbonati Controllo delle condizioni di stabilità delle opere d'arte stradali_______ 1. PremessaRecenti gravi avvenimenti interessanti la stabilità di opere d'arte e manufatti stradali ripropongono la considerazione della… Leggi tutto
Giu 28, 2020 42

Decreto 01 aprile 1968 n. 1404

Decreto 01 aprile 1968 n. 1404 Distanze minime a protezione del nastro stradale da osservarsi nella edificazione fuori del perimetro dei centri abitati, di cui all'art. 19 della legge n. 765 del 1967 (G.U. 13 aprile 1968, n. 96)_____ Art. 1 - Campo di applicazione delle presenti disposizioni Le… Leggi tutto
Ponte sullo Stretto di Messina
Giu 28, 2020 20

Ponte sullo Stretto di Messina: tappe

Ponte sullo Stretto di Messina: tappe 28 Giugno 2020 / Ing. Giovanni Saccà / Altri
Download Articolo Rev. 00 2020 PDF
Si ritorna a parlare del ponte sullo stretto di Messina. Il 3 giugno 2020, in conferenza stampa, Il Presidente del Consiglio dei Ministri Conte, ha… Leggi tutto
Giu 19, 2020 114

Edifici efficienti: misure per promuovere le ristrutturazioni edilizie nella UE

Edifici efficienti: la Commissione Europea avvia una consultazione pubblica sulle misure per promuovere le ristrutturazioni edilizie nella UE 18 Giugno 2020 Il 12 giugno la Commissione Europea ha avviato una consultazione pubblica dedicata alle misure per aumentare le prestazioni energetiche degli… Leggi tutto
Decreto 30 aprile 2020
Mag 15, 2020 467

Decreto 30 aprile 2020

Decreto 30 aprile 2020 Approvazione delle linee guida per l'individuazione, dal punto di vista strutturale, degli interventi di cui all'articolo 94-bis, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, nonche' delle varianti di carattere non sostanziale per le quali non… Leggi tutto

Più letti Costruzioni