Slide background




Il collasso della diga del Gleno del 1923

ID 17321 | | Visite: 288 | News CostruzioniPermalink: https://www.certifico.com/id/17321

Il collasso della diga del Gleno del 1923

Il collasso della diga del Gleno del 1923

ID 17321 | 10.08.2022 / Download scheda pdf allegata

Nel 2023 corrono 100 anni dalla tragedia della diga del Gleno. Il 1° dicembre 1923 avvenne il dramma che stroncò definitivamente lo sviluppo delle dighe ad archi multipli in Italia: il crollo della diga sul torrente Povo a Pian del Gleno (Bergamo), una diga ad archi multipli che si appoggiava, nella parte centrale, sopra un tampone a gravità in muratura di pietrame e malta. I morti furono oltre 500.

Le cause del collasso della diga del Gleno poco avevano a che fare con la sua natura ad archi multipli, dovendosi ricercare piuttosto nel cedimento del tampone a gravità sottostante, insufficientemente dimensionato, malamente costruito con l'uso di calce debolmente idraulica e indebolito da una galleria di scarico centrale dell'altezza di dieci metri.

Tuttavia l'episodio generò in Italia un clima di sfiducia verso quelle volte sottili che, soprattutto se realizzate senza una perfetta osservanza delle buone norme costruttive, potevano dar luogo a immani disastri.

Figura 1 Il collasso della diga del Gleno del 1923

Figura 1: La diga del Gleno, Bergamo, ultimata nell’estate del 1923 e crollata il 1° dicembre dello stesso anno (fonte: BARONI et al. 1924). Le immagini mostrano la diga a pieno invaso, poco prima del crollo.
H = 52 m, L = 224 m, V = 5 Mm³

Figura 2 Il collasso della diga del Gleno del 1923

Figura 2: Il tampone centrale sottostante alla struttura ad archi multipli, il cui collasso determinò la rovina della diga (fonte: BARONI et al. 1924)

Con decreto del 6 dicembre 1923, il Ministro dei Lavori Pubblici insediò una Commissione composta da quattro tecnici di chiara fama con il compito di esaminare lo stato di sicurezza delle dighe esistenti e in costruzione e la loro rispondenza alle norme vigenti "e in ogni caso suggerire le urgenti occorrenti provvidenze per assicurare la stabilità delle opere e la pubblica incolumità".

A seguito del vaglio operato dalla Commissione, che terminò i suoi lavori nei primi mesi del 1926, alcune dighe ad archi multipli già in costruzione furono ultimate come tali (Molato - in provincia di Piacenza, 55,5 m sulla fondazione; Pavana - Bologna, 54 m; Pian Sapeio - Genova, 19,35 m; Lago Venina - Sondrio, 49,50 m; Fontanaluccia - Modena, 60 m), mentre altre furono modificate diventando dighe a gravità. Si tratta delle dighe della Val Toggia, Novara, 47 m, del Lago d’Avio, Brescia, 39,55 m e del Coghinas, Sassari, 58 m. Per queste ultime due dighe, la modifica intervenne quando già i lavori di elevazione degli archi era stata avviata. La diga del Coghinas mantenne così l’imbocco dello scarico di fondo, già realizzato al momento della modifica, alla base di una delle volte centrali della diga ad archi multipli originariamente prevista; nel caso della diga del Lago d’Avio, i contrafforti centrali furono inglobati nella diga a gravità principale, e le nove voltine centrali già in parte realizzate furono chiuse superiormente con delle strutture a cupola addossate al nuovo paramento di monte.

[...]

Fonte: Direzione generale per le dighe e le infrastrutture idriche

DescrizioneLinguaDimensioneDownloads
Scarica questo file (Il collasso della diga del Gleno del 1923 Rev. 0.0 2022.pdf)Il collasso della diga del Gleno del 1923
Certifico Srl - Rev. 0.0 2022
IT594 kB75

Tags: Costruzioni

Articoli correlati

Ultimi archiviati Costruzioni

Set 13, 2022 44

Nota Ministero dell'Ambiente n. 25041 del 29.07.2014

Nota Ministero dell'Ambiente n. 25041 del 29.07.2014 ID 17578 | 13.09.2022 / In allegato Nota Nota Ministero dell'Ambiente n. 25041 del 29.07.2014 - Considerazioni sui limiti del rumore da calpestio Chiarimenti in merito alla applicabilità del DPCM 05.12.97 "Determinazione dei requisiti acustici… Leggi tutto
Set 13, 2022 34

Nota Ministero dell'Ambiente n. 14609 del 18.10.2017

Nota Ministero dell'Ambiente n. 14609 del 18.10.2017 ID 17577 | 13.09.2022 / In allegato Nota Nota Ministero dell'Ambiente n. 14609 del 18.10.2017: Determinazione dei requisiti acustici passivi, di cui al DPCM 5/12/1997, in caso di frazionamento di ambienti abitativi: quesito. [...] Fonte: MITE… Leggi tutto
Set 13, 2022 41

Nota Ministero dell'Ambiente n. 52694 dell'08.07.2020

Nota Ministero dell'Ambiente n. 52694 dell'08.07.2020 - Applicabilità del DPCM per interventi su singola unità immobiliare ID 17576 | 13.09.2022 / In allegato Nota Oggetto: Richiesta chiarimenti in merito alla applicabilità dei limiti previsti dal “DPCM 5.12.1997 - Determinazione di requisiti… Leggi tutto
Set 12, 2022 44

Circolare MLLPP n. 3150 del 22 Maggio 1967

Circolare MLLPP n. 3150 del 22 Maggio 1967 Criteri di valutazione e collaudo dei requisiti acustici negli edifici scolastici Collegati
Circolare MLLPP n. 1769 del 30 aprile 1966DPCM 5 dicembre 1997Legge 26 ottobre 1995, n. 447
Leggi tutto
Set 12, 2022 51

Circolare MLLPP n. 1769 del 30 aprile 1966

Circolare del MLLPP n. 1769 del 30 aprile 1966 Criteri di valutazione e collaudo dei requisiti acustici nelle costruzioni edilizie Collegati
Circolare MLLPP n. 3150 del 22 Maggio 1967DPCM 5 dicembre 1997Legge 26 ottobre 1995, n. 447
Leggi tutto
DPCM 5 dicembre 1997 Determinazione requisiti acustici passivi edifici
Set 12, 2022 92

DPCM 5 dicembre 1997

DPCM 5 dicembre 1997 / Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici ID 17564 | 12.09.2022 Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici (GU n. 297 del 22 dicembre 1997)______ Art. 1. Campo di applicazione 1. Il presente decreto, in attuazione dell'art. 3, comma 1,… Leggi tutto

Più letti Costruzioni