Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Certifico Macchine 4


Scarica gratuitamente Certifico Macchine 4 e prova tutte le funzioni del Software

Vedi il sito dedicato cem4.eu

Vedi le versioni in Promo fino al 31 Maggio

ISO 14055-1: 2017 Buone pratiche per combattere degrado della terra e desertificazione

ID 4792 | | Visite: 2772 | NewsPermalink: https://www.certifico.com/id/4792

ISO 14055-1: 2017

Gestione ambientale - Linee guida per stabilire buone pratiche per combattere il degrado della terra e la desertificazione - Parte 1: quadro delle buone pratiche

Il nuovo standard ISO aiuterà i gestori di terra a livello globale e nazionale mettere in atto le migliori pratiche per combattere il degrado delle terre.

La nuova ISO 14055-1: 2017 , Gestione ambientale - Linee guida per la creazione di buone prassi per combattere il degrado della terra e la desertificazione - Parte 1: Struttura delle buone pratiche , fornisce linee guida per sviluppare buone pratiche per combattere il degrado della terra e la desertificazione in aridi e non aridi regioni.

Lo standard si riferisce ad azioni o interventi intrapresi allo scopo di prevenire o minimiz

Poiché la gestione del nostro capitale terrestre impatto direttamente sulla vita e sulla salute umana, lo standard copre i vari argomenti che devono essere considerati quando si stabiliscono buone pratiche, come il rispetto dei diritti umani, la gestione forestale e le pratiche agricole, le condizioni climatiche e le attività industriali, tra gli altri.

L'ISO 14055-1 servirà come uno strumento utile per i gestori di terreni, gli utenti del territorio, gli esperti tecnici e le organizzazioni pubbliche e private, nonché i responsabili politici coinvolti nella gestione delle risorse terrestri per scopi ecologici, produttivi, economici o sociali. Esorta sostegno a un cambiamento fondamentale del comportamento verso un uso più sostenibile del territorio e mira a completare e sostenere le attività della Convenzione delle Nazioni Unite per combattere la desertificazione (UNCCD).

ISO 14055-1 e il suo complemento, il futuro ISO / TR 14055-2 , che prevede l'applicazione regionale dei principi della Parte 1, contribuirà a conseguire l' obiettivo 15 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile per la protezione, il ripristino e la gestione sostenibile dei terreni, basati su ecosistemi. Nel far questo, possiamo sperare di raggiungere un "mondo neutro-degrado-neutro" entro l'anno 2030.

_________

Questo documento fornisce linee guida per stabilire buone pratiche nella gestione del suolo per prevenire o minimizzare il degrado della terra e la desertificazione. Non comprende la gestione delle zone umide costiere.

Questo documento definisce un quadro per l'identificazione delle buone pratiche nella gestione del suolo, sulla base della valutazione dei fattori di degrado del suolo e dei rischi associati alle pratiche attuali e passate. Viene inoltre fornito un orientamento al monitoraggio e alla segnalazione delle buone pratiche.

Questo documento è destinato ad essere utilizzato da organizzazioni private e pubbliche che sono responsabili della gestione del suolo e consentiranno ad un'organizzazione di comunicare l'implementazione di buone pratiche.

Il degrado della terra e la desertificazione sono problemi fondamentali e persistenti che sono stati da tempo riconosciuti. Sono causati da variabilità climatica (ad esempio siccità e inondazioni), altri fattori naturali e attività umane insostenibili, come sovra-coltura, sovrapposizione, deforestazione, sovraccarico dell'acqua, impatti delle attività costruttive e pratiche di irrigazione insostenibili. Queste attività possono portare alla perdita di vegetazione e biodiversità, diminuzione dell'acqua e qualità dell'acqua, erosione del suolo e perdita della fertilità e della struttura del suolo. Le conseguenze nel medio-lungo termine sono la perdita di produttività agricola ed economica, la perdita di qualità del suolo e la funzione e la perdita dei servizi ecosistemici, compresa la perdita della biodiversità e gli impatti sociali negativi.

Secondo la FAO (2011), il degrado del suolo è influenzato fino al 20% delle terre secche del mondo, secondo la Valutazione dell'ecosistema del Millennio (2005) e del 25% di terreni agricoli, pascoli, foreste e boschi a livello mondiale. Inoltre, un terzo della popolazione terrestre, vale a dire 2 miliardi di persone, è vittima potenziale degli effetti crescenti della desertificazione (UNEP, 2007).

Il degrado del suolo è sia un fattore significativo del cambiamento climatico attraverso la mancanza di condizioni favorevoli per le piante che catturano l'anidride carbonica dall'atmosfera e il cambiamento delle caratteristiche di superficie che interessano la riflessione solare (albedo) e si prevede di essere esacerbata dal cambiamento climatico. La degradazione e la desertificazione riducono notevolmente la resilienza degli ecosistemi ai cambiamenti climatici.

Il degrado della terra colpisce la produttività della terra e influisce direttamente sulla vita e sulla salute umana e, in casi estremi, provoca perdita di vita. Le società soffrono di un ridotto accesso a forniture adeguate di acqua pulita, deterioramento della qualità dell'aria, minacce alla sicurezza alimentare e declino dello status economico. Questi effetti possono essere sentiti a tutte le scale dal locale al globale e da tutte le persone, ma soprattutto i poveri e le vulnerabili.

Riconoscendo il significato del degrado della terra che ha portato alla desertificazione nelle zone di sabbia, la Convenzione delle Nazioni Unite per combattere la desertificazione (UNCCD) è stato sviluppato per combattere la desertificazione e mitigare gli effetti della siccità nelle regioni del dryland, in particolare nell'Africa sub-sahariana. L'UNCCD riconosce la desertificazione come questione sociale ed economica tanto quanto una preoccupazione ambientale. Pertanto, si concentra soprattutto sulla lotta contro la povertà e promuove lo sviluppo sostenibile in aree a rischio di desertificazione. Le parti dell'UNCCD hanno accettato di attuare programmi d'azione nazionali, regionali e subregionali e cercare di affrontare le cause del degrado del suolo, come la gestione insostenibile del suolo. Il presente documento intende integrare e sostenere le attività dell'UNCCD fornendo orientamenti ai gestori dei terreni per stabilire buone pratiche di gestione che, ridurrà il rischio di degrado della terra e della desertificazione e contribuirà alla riabilitazione delle terre colpite dal degrado. I gestori della terra che si aspettano di trarre beneficio dalla norma includono gli utenti della terra, gli esperti tecnici, le organizzazioni private e pubbliche e i responsabili politici coinvolti nella gestione delle risorse terrestri per obiettivi ecologici, produttivi, economici o sociali.

Lo scopo di questo documento è fornire linee guida per lo sviluppo di buone prassi per combattere il degrado e la desertificazione del suolo nelle regioni aride e non aride.

NOTA ISO / TR 14055-2 fornirà studi di casi regionali che illustrano l'applicazione del quadro di questo documento ad una serie di casi di degradazione del suolo.


Fonte: ISO
https://www.iso.org/obp/ui/#iso:std:iso:14055:-1:ed-1:v1:en

Correlati:

Pin It
Scarica questo file (ISO 14055-1_2017 Preview.pdf)ISO 14055-1:2017 PreviewLinee guida per la creazione di buone prassi per combattere il degrado della terraIT459 kB(479 Downloads)

Tags: Normazione Norme ISO Suolo