Slide background

Licenze software usate: la Sentenza della Corte di Giustizia UE

ID 7467 | | Visite: 13784 | News ConsumersPermalink: https://www.certifico.com/id/7467

Licenze software usate

Licenze software usate: la Sentenza della Corte di Giustizia UE

§ The Court of Justice of the European Union has ruled as follows §:

“An author of software cannot oppose the resale of his ‘used’ licenses.”

(2nd July, 2012, C-128/11)

Con sentenza del 3 Luglio 2012, C-128/11 la Corte ha stabilito che “il diritto di distribuzione della copia di un programma per elaboratore è esaurito qualora il titolare del diritto d’autore che abbia autorizzato, foss’anche a titolo gratuito, il download della copia su un supporto informatico via Internet abbia parimenti conferito, a fronte del pagamento di un prezzo diretto a consentirgli l’ottenimento di una remunerazione corrispondente al valore economico della copia dell’opera di cui è proprietario, il diritto di utilizzare la copia stessa, senza limitazioni di durata“.

Il 3 luglio, la Corte di giustizia dell'Unione europea ha emesso la sentenza nel caso di UsedSoft GmbH contro Oracle International Corp. La corte ha ampliato le precedenti sentenze dell'UE in merito al principio di "esaurimento", secondo cui il copyright dello sviluppatore scade (o è esaurito) al momento della vendita originale.

In UE, quindi, si ha il diritto di rivendere il tuo software "usato" ad altre persone, grazie a una sentenza del tribunale derl 2 luglio 2012, C-128/11 nel caso di UsedSoft v. Oracle. Negli Stati Uniti, la legge tutela ancora i produttori di software. Tuttavia, la sentenza UE potrebbe aprire la strada a cambiamenti negli Stati Uniti

UsedSoft è una società tedesca che acquista licenze in eccesso da persone o organizzazioni che non ne hanno bisogno e li rivende a coloro che lo fanno, a prezzi inferiori del 50% rispetto alle "nuove" licenze dei fornitori stessi. Oracle non era l'unica azienda che stava perdendo affari in UsedSoft, che vende anche software usati di Attachmate, AutoDesk, OpenText (Hummingbird), IBM, Microsoft, Novell, SAP e Software AG, secondo il suo sito web.

La regola dell'esaurimento era stata precedentemente confermata quando era applicata al software distribuito su supporti fisici. Nel caso in esame, la corte ha esteso la sentenza di esaurimento per applicare i casi in cui le licenze sono trasmesse online. Secondo la sentenza, gli acquirenti di seconda mano sono legalmente autorizzati a scaricare il software dal produttore originale.

"Un autore di software non può opporsi alla rivendita delle sue licenze" usate "che consentono l'utilizzo dei suoi programmi scaricati da Internet", ha scritto la corte. "Il principio dell'esaurimento del diritto di distribuzione si applica non solo laddove il detentore del copyright commercializza copie del suo software su un supporto materiale (CD-ROM o DVD) ma anche dove le distribuisce tramite download dal suo sito web."

Oracle, come tutte le società di software commerciali, costringe i clienti a firmare accordi di licenza che vietano severamente questo tipo di attività. Se hai usato il software, accetti implicitamente di non impegnarti in un mercato per software usati. Tuttavia, secondo la Corte di giustizia dell'UE, le parti degli accordi di licenza non sono valide, almeno nei 27 paesi che compongono l'Unione europea.

C'è stato un piccolo avvertimento alla sentenza che ha beneficiato di Oracle. La corte ha stabilito che le licenze non possono essere scomposte e vendute singolarmente. Nel caso UsedSoft, il cliente aveva acquisito una licenza per 25 postazioni del database Oracle. Il gruppo deve essere venduto così com'è, ha stabilito la corte.

UsedSoft ha immediatamente estrapolato la sentenza per applicarla ai suoi altri rapporti. "La cosa sorprendente di tutte le affermazioni del tribunale è che queste non si riferiscono esplicitamente a Oracle, il che significa che si applicano anche a programmi per computer di altri produttori come Microsoft o Adobe", ha detto UsedSoft in una nota.

La sentenza si applica anche a IBM e al suo software del sistema operativo, come il sistema operativo IBM i e versioni precedenti di i5 / OS e OS / 400, per non parlare di DB2 / 400 e di tutto ciò che Rochester e Dublino hanno spedito su Power Systems , System i, iSeries e AS / 400 box (anche l'interfaccia della macchina se è possibile trovarla).

La sentenza avrà probabilmente un impatto sulle attività europee di IBM, ma è difficile dire quanto sarà grande l'impatto. Se è vero che Big Blue non sarà più legalmente autorizzato a limitare le vendite dei propri software e delle chiavi di licenza nell'UE, è dubbio che IBM renderà più semplice per i clienti che vogliono spingere il problema.

I rivenditori stanno vendendo articoli usati IBM per molti anni. Negli Stati Uniti, non è difficile trovare un server Power5 iSeries o Power6 System i usato. La sfida, naturalmente, è l'attivazione del sistema operativo. I rivenditori di attrezzature usate collaboreranno con i clienti e IBM per attivare il sistema operativo su un pezzo di attrezzatura usata, ma non è sempre una cosa facile da fare. La macchina dovrebbe essere in manutenzione o il cliente deve pagare una tariffa di riattivazione.

Il trasferimento delle licenze software i5 / OS è stato abbastanza facile dieci anni fa. Con il lancio di OS / 400 V4R1, IBM ha apportato modifiche alle sue condizioni di licenza per consentire il trasferimento privato del software di sistema AS / 400 tra le aziende. Ma con il lancio di i5 / OS V5R3 nel 2004, IBM ha cambiato i termini di licenza e bloccato il software utilizzato nella comunità iSeries. Oggi i clienti possono trasferire le licenze i5 / OS e IBM i solo all'interno della stessa azienda.

I negozi IBM i sono ancora in grado di scambiare software per i5 / OS V5R2 e precedenti, ma quelle opportunità sono poche e lontane tra loro, afferma Mike Hardy, che gestisce Software Clearinghouse , una società che compra e vende software IBM i e i5 / OS. "La realtà è che ci sono pochissimi sistemi là fuori alla V5R2 e prima è possibile ottenere licenze per", dice. "Rochester lo convaliderà ancora. Non ce n'è molto. "

L'aftermarket del software i5 / OS è morto con le modifiche apportate dall'IBM alla V5R3 e Hardy non lo vede risorgere in tempi brevi. "Continuo a pensare che fosse sbagliato dalla comunità degli utenti non combattere contro IBM al momento. Sono andati essenzialmente dall'avere una risorsa per avere quel bene portato via da loro ", dice. "Ma quando sei una piccola azienda, cercando di farcela, è terribilmente difficile imbattersi in qualcuno come IBM."

Senza una causa che metta in discussione la legalità degli accordi di licenza per l'utente finale (EULA) negli Stati Uniti, lo status quo continuerà nei 50 stati. Ma anche se l'IBM o un altro importante fornitore di sistemi avesse perso un caso simile negli Stati Uniti, lo avrebbero inventato in un altro modo, dice Hardy. "Ci sono tutti i tipi di tasse. Diritti di licenza del software, costi di manutenzione, costi di attivazione. ... C'è un sacco di spazio là fuori se perdono su un fronte ", dice.

C'è un dibattito legittimo sul fatto che dovrebbe essere legale per le persone comprare e vendere software proprio come fanno gli hardware. Quando qualcuno acquisisce un prodotto software, possiede il software, il che implica che sia possibile farne l'uso che si vuole anche rivenderlo oppure c'è solo il diritto di utilizzare il software, come "noleggio".

Qualunque parte dell'argomento vince alla fine, il punto sarà discutibile in un mondo cloud, in cui il modello di noleggio è chiaramente in vigore. Se gli Stati Uniti seguiranno l'UE nell'aprire il mercato dei software usati, si vedrà senza dubbio che i venditori di sistemi fanno una spinta maggiore nel cloud. "Molti produttori lo riconoscono e vogliono approfittare dei prezzi basati su una base chiusa", afferma Hardy, che ora è vicepresidente esecutivo presso IBM i e SIS,provider aperto di sistemi di cloud computing .

Mentre la recente sentenza della Corte nell'Unione europea legittima il mercato dei software usati in Europa, la questione è tutt'altro che chiara negli Stati Uniti.

DescrizioneLinguaDimensioneDownloads
Scarica questo file (Case C‑128 11 of 3 july 2012.pdf)Case C‑128 11 of 3 july 2012
 
EN120 kB870
Scarica questo file (Causa C‑128 11 del 3 luglio 2012.pdf)Causa C‑128 11 del 3 luglio 2012
 
IT120 kB1211
Scarica questo file (Judgment in Case C-128-11 of 3 july 2012.pdf)Judgment in Case C-128-11 of 3 july 2012
 
EN46 kB660

Tags: News