Decreto 16 maggio 1987 n. 246 | Consolidato 2019

ID 7730 | | Visite: 5278 | Prevenzione IncendiPermalink: https://www.certifico.com/id/7730

Cover 246 1987 small

Decreto 16 maggio 1987 n. 246 | Consolidato 2019

Ed. 1.0 Febbraio 2019

Riservato Abbonati: Sicurezza, 2X, 3X, 4X, Full, il Testo Consolidato 2019 del DM 246/1987 pdf in Allegato.

D.M. 16 maggio 1987 n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987)

Testo consolidato 2019 tiene conto della modifica di cui al:

D.M. 25 gennaio 2019 | Norme sicurezza antincendi edifici di civile abitazione - Modifiche ed integrazioni all'allegato del decreto 16 maggio 1987, n. 246 concernente norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione (GU n. 30 del 05-02-2019).

Entra in vigore il 06 Maggio 2019

_________

Art. 1 D.M. 25 gennaio 2019 Modifiche ed integrazioni al decreto del Ministro dell'interno 16 maggio 1987, n. 246

1. E' approvato l'allegato 1 che costituisce parte integrante del presente decreto e che modifica le norme tecniche contenute nell'allegato al decreto del Ministro dell'interno 16 maggio 1987, n. 246, sostituendo il punto «9. Deroghe» e introducendo, dopo il punto 9, il punto «9-bis. Gestione della sicurezza antincendio». 
2. Le disposizioni contenute nell'allegato 1 al presente decreto si applicano agli edifici di civile abitazione di nuova realizzazione ed a quelli esistenti alla data di entrata in vigore del presente decreto secondo le modalita' previste dall'art. 3.


...

Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici destinati a civile abitazione, con altezza antincendi uguale o superiore a 12 m. Si fa riferimento ai termini e definizioni generali di cui al decreto ministeriale 30 novembre 1983

D.M. 30 novembre 1983

h: altezza antincendi dell’edificio

...
1.1 - Altezza ai fini antincendi degli edifici civili
Altezza massima misurata dal livello inferiore dell'apertura più alta dell'ultimo piano abitabile e/o agibile, escluse quelle dei vani tecnici, al livello del piano esterno più basso.
..


Altezza antincendio DM 83

Es.: Ha  = Altezza antincendio

D.M. 16 maggio 1987 n. 246
...

2.0. Classificazione

Gli edifici di cui al punto 1 vengono classificati in funzione della loro altezza antincendi secondo quanto indicato nella tabella A:

Tipo di edificio Altezza Antincendi Massima superficie del compartimento (m2) Massima superficie (m2) di competenza di ogni scala per piano Tipo di vani scala e di almeno un vano ascensore Caratteristiche "REI" dei vani scala e ascensore, filtri, porte, elementi di suddivisione tra i compartimenti
a da 12 m a 24 m 8000 500 Nessuna prescrizione 60 (**)
500 Almeno protetto se non sono osservati i requisiti del punto 2.2.1. 60
550 Almeno a prova di fumo interno 60
600 A prova di fumo 60
b da oltre 24 m a 32 m 6000 500 Nessuna prescrizione 60 (**)
500 Almeno a prova di fumo interno se non sono osservati i requisiti del punto 2.2.1. 60
550 Almeno a prova di fumo interno 60
600 A prova di fumo 60
c da oltre 32 m a 54 m 5000 500 Almeno a prova di fumo interno 90
d da oltre 54 m a 80 m 4000 500 Almeno a prova di fumo interno con filtro avente camino di ventilazione di sezione non inferiore 0,36 m2 90
e oltre 80 m 2000 350 (*) Almeno a prova di fumo interno con filtro avente camino di ventilazione di sezione non inferiore a 0,36 m2 120

Tabella A

(*) Con un minimo di 2 scale per ogni edificio. Sulla copertura dell'edificio deve essere prevista una area per l'atterraggio ed il decollo degli elicotteri di soccorso raggiungibile da ogni scala.
(**) Solo per gli elementi di suddivisione tra i compartimenti.

L.P.: Livello di prestazione

9-bis.2 Attribuzione dei L.P.:

Ai fini del presente decreto, i L.P. devono essere attribuiti secondo lo schema di seguito indicato:

L.P. 0 per edifici di tipo a) (altezza antincendi da 12 m a 24 m)
L.P. 1  per edifici di tipo b) e c) (altezza antincendi oltre 24 m a 54 m)
L.P. 2 per edifici di tipo d) (altezza antincendi oltre 54 m fino a 80)
L.P. 3 per edifici di tipo e) (altezza antincendi oltre 80 m)

 - Per gli edifici di altezza antincendi superiore a 24 m, qualora siano presenti attività ricomprese in allegato I al D.P.R. 151/2011, e comunicanti con l’edificio stesso ma ad esso non pertinenti e funzionali (1), dovrà essere adottato un livello di prestazione superiore, indipendentemente dal tipo di comunicazione.

(1) Per attività pertinenti e funzionali all’edificio si intendono, ad esempio, impianti produzione calore, autorimesse, gruppi elettrogeni ecc…

Transitorio 

8. Norme transitorie

Negli edifici esistenti, entro cinque anni dalla data di entrata in vigore delle presenti norme, devono essere attuate le seguenti prescrizioni.

8.0. Comunicazioni.
Negli edifici di tipo "b", "c", "d", "e", sono ammesse le comunicazioni di cui al secondo comma del punto 2.6 attraverso porte RE 30, anche senza disimpegno, filtro a prova di fumo o accesso diretto da spazio scoperto.

8.1. Illuminazione di sicurezza.
Negli edifici di tipo "c", "d", "e", deve essere installato un sistema di illuminazione di sicurezza in conformita' con quanto specificato al punto 5.

8.2. Impianti antincendio.
Negli edifici di tipo "c", "d", "e", devono essere installati impianti antincendio fissi conformi al punto 7. Restano tuttavia validi gli impianti gia' installati a condizione che siano sempre assicurate le prestazioni idrauliche di cui al punto 7.

9. Deroghe (punto sostituito dal DM 25 gennaio 2019 - GU Serie Generale n.30 del 05-02-2019)
Qualora per particolari esigenze di carattere tecnico o di esercizio non fosse possibile attuare qualcuna delle prescrizioni contenute nelle presenti norme potrà essere avanzata istanza di deroga con le procedure di cui all’articolo 7 del decreto del Presidente della Repubblica 1° agosto 2011, n. 151

9-bis. 3 Misure gestionali in funzione dei L.P.

LP 0

LP 1

LP 2

LP 3

Elaborato Certifico S.r.l. Ed. 1.0 2019

Collegati:



Tags: Prevenzione Incendi Abbonati Sicurezza Testo consolidato