La sicurezza per gli operatori degli impianti di termovalorizzazione e di incenerimento

ID 595 | | Visite: 4877 | Guide Sicurezza lavoro INAILPermalink: https://www.certifico.com/id/595


La sicurezza per gli operatori degli impianti di termovalorizzazione e di incenerimento

Guida
Questo opuscolo, di carattere divulgativo e generale, è frutto di uno studio di settore condotto dalla CONTARP dell’INAIL, compreso in un’attività più ampia che la stessa Consulenza svolge sugli aspetti di salute e sicurezza sul lavoro nel campo della gestione dei rifiuti e delle acque reflue.

La ricerca, sviluppata negli anni attraverso numerosi sopralluoghi in realtà produttive differenti, ha condotto a individuare i molteplici rischi connessi al complesso ciclo produttivo e a proporre soluzioni di prevenzione più aderenti alle realtà industriali.
Il prodotto editoriale è a disposizione di quanti sono coinvolti nelle attività di trattamento di Rifiuti Solidi Urbani (RSU) tramite incenerimento ed eventuale termovalorizzazione.
Il valore aggiunto del prodotto consiste nel fornire una visione “globale” della prevenzione dei rischi - tutela dell’’ambiente e
dell’uomo-lavoratore - che dovrebbe appartenere a tutti i gestori di impianti a elevato impatto ambientale e sociale.

Tale visione dovrebbe partire da lontano, ossia da una corretta gestione dei rifiuti in toto: per tale motivo, la lettura di questo
opuscolo non può che essere collegata ai precedenti lavori e soprattutto alle Linee di Indirizzo per l’implementazione di un Sistema di Gestione della Sicurezza sul Lavoro per le aziende dei Servizi Ambientali e Territoriali (SGSL-R), emanate all’inizio del 2012 e realizzate da una task force mista (Inail, aziende, OO.SS, Fondazione Rubes Triva) in base all’Accordo tra Inail e Federambiente.

L’obiettivo della pubblicazione dopo un’attenta valutazione dei rischi lavorativi, potenzialmente sinergici, presenti in queste
operazioni di complessità elevata, è quello di illustrare gli opportuni sistemi di prevenzione e protezione, sia collettivi sia individuali, di tipo gestionale, organizzativo e tecnologico-progettuale, indicando gli interventi per migliorare le condizioni e gli ambienti di lavoro.

INAIL 2013



Tags: Sicurezza lavoro Rischio chimico Rischio biologico